Home page Planetmountain.com
Kangchung Shar in Nepal: durante il secondo giorno della salita
Fotografia di Jaroslav Bánský / Zdeněk Hák
Kangchung Shar in Nepal: tiri di misto durante il secondo giorno di scalata
Fotografia di Jaroslav Bánský / Zdeněk Hák
Zdeněk Hák e Jaroslav Bánský in cima al Kangchung Shar in Nepal
Fotografia di Jaroslav Bánský / Zdeněk Hák
Kangchung Shar (6030 m) in Nepal e le linee di salita e discesa di Jaroslav Bánský e Zdeněk Hák. I cechi hanno completato la prima traversata della montagna, scalando la parete nord fino al colle che separa Kangchung Shar e Cholo, poi hanno seguito la cresta NO fino in cima, per ritornare alla sella e scendere lungo la parete sud.
Fotografia di Jaroslav Bánský / Zdeněk Hák

Kangchung Shar parete nord, la prima salita di Jaroslav Bánský e Zdeněk Hák

di

Gli alpinisti cechi Jaroslav Bánský e Zdeněk Hák hanno completato la prima traversata del Kangchung Shar (6030 m) in Nepal. Hanno scalato la parete nord della montagna fino al colle che separa Kangchung Shar e Cholo, poi hanno seguito la cresta NO fino in cima, per ritornare alla sella e scendere lungo la parete sud. Il report di Hák.

Dopo la stagione di “riposo” dello scorso anno eravamo molto motivati ​​a tornare su alcuni progetti alpinistici. Tuttavia, ho deciso di lasciare in sospeso gli obiettivi più grandi quest'anno; vista la situazione pandemica che non è ancora favorevole in nessuna parte del mondo, abbiamo optato per alcuni piani più modesti. Ero attratto da due montagne una accanto all'altra, il Kangchung Shar e il Kangchung West, chiamate anche Cholo o Monte Abi. Due bellissime montagne dal carattere alpino che sono speciali perlopiù per la loro forma e per il fatto che sono molto ripidi, piuttosto che per la loro altitudine. Sono un po’ come due fratelli del Cervino uno accanto all'altro, ma 2 chilometri più in alto. Il mio compagno di scalata è il mio vecchio amico Jaroslav Bánský, soprannominato Banán (Banana), un membro del soccorso alpino della Repubblica Ceca.

Dopo l'arrivo a Kathmandu, acquistiamo un permesso per scalare il Kangchung West. La sua parete nord è bellissima e ho scoperto che alcuni alpinisti cechi l'avevano tentata in passato... Il Nepal quest'anno è completamente senza turisti, il che sembra strano. La maggior parte dei lodge rimane chiusa e quelli aperti sono ancora più ospitali del solito.

Il nostro gruppo di trekking è fantastico e tutto sta andando bene. Mi sento benissimo e mi sembra di avere meno problemi del solito con l'alta quota. Tutto cambia però dopo l'arrivo al villaggio di Dhole. Ho mal di testa, diarrea e mi sento molto debole. Inoltre, dopo aver raggiunto Gokyo, il tempo cambia ed inizia a nevicare.

Trascorriamo due giorni nel lodge a guardare la neve che cade. Il terzo giorno il tempo migliora e aiutiamo il nostro gruppo di trekking a superare il ghiacciaio fino a Dranang, prima di partire per il nostro campo base. Lasciamo Gokyo il giorno successivo e ci incamminiamo sul ghiacciaio Ngoyumba verso il nostro campo base che intendiamo allestire sul ghiacciaio Yjr Gaunara. La neve fresca ci rallenta notevolmente e dobbiamo bivaccare lungo il percorso. Arriviamo sotto la parete settentrionale nel primo pomeriggio successivo e montiamo la nostra piccola tenda sulla morena sopra il ghiacciaio. Il piano è di portare il materiale fino alla base della parete il giorno dopo, controllare le condizioni ed iniziare a scalare il giorno successivo.

Mi sveglio con il mal di gola e mi sento debole. Tuttavia mi alzo e preparo il materiale per la salita. Sono un po’ nervoso ed irritabile e parto senza nemmeno aspettare il mio amico. Mi sento sempre peggio. Mi rendo conto che non posso andare avanti e torno alla tenda. Sono così deluso!

Trascorro i successivi due giorni in tenda. L'orologio sta ticchettando. Abbiamo cibo per sei giorni, e il periodo di bel tempo sta per finire; Banan mi segnala un peggioramento delle condizioni in parete e io non sto migliorando. Se non iniziamo domani, dobbiamo arrenderci. Cambiamo i nostri piani. Cercheremo di scalare il Kangchung Shar. Inoltre, nessuno ha scalato la montagna da nord. C’è stato soltanto un tentativo britannico circa cinque anni fa ...

Non mi sento troppo male al mattino, quindi partiamo. Sono molto debole e le mie gambe tremano, ma non mi viene da vomitare. Dopo un'ora e mezza raggiungiamo l'inizio della via. Discutiamo da che parte andare e iniziamo a scalare. Rampe, diedri, strapiombi e ghiaccio duro, c'è un po’ di tutto. Ma quando rimango appeso alle piccozze, perdo rapidamente forze. Bananhas sale da capocordata i tiri fisicamente più difficili e batte la traccia nella neve.

Raggiungiamo i 5600m alle 14 circa e lì montiamo la nostra tenda. Per oggi ne abbiamo abbastanza. Fa piuttosto caldo quindi ammiriamo la splendida vista dell'Himalaya. Cho Oyu, Mt Everest, Jasemba, Nangpai-Gosum... così vicini a noi. Ma le condizioni sembrano terribili. Le pareti sono asciutte, piene di ghiaccio duro, niente neve primaverile. C'è invece neve sabbiosa sulle rocce che rende impossibile la scalata. Tutto quello che stiamo affrontando anche sulla nostra via. I nostri occhi esaminano la sezione finale della parete. Questa è già stata scalata in passato, ma in condizioni totalmente diverse. Bene, non vediamo l’ora. Davanti a noi c'è del difficile misto e molto altro ancora!

La sveglia suona alle 4 del mattino e iniziamo a salire 1 ora e mezza dopo. Fa un freddo gelido. L'intera stagione è stata piuttosto fredda quest'anno sull'Himalaya! Saliamo su un ghiacciaio in leggera pendenza quando tutto ad un tratto il mio cuore smette quasi di battere. La neve scompare rapidamente sotto i miei piedi e un "whoom" risuona tutt'intorno. Non l'ho mai sentito così forte prima di allora. Peggio ancora, il terreno non è ripido. Decidiamo di attraversare il pendio legati con la corda, a 30 metri l'uno dall'altro, piazzando chiodi da ghiaccio ad ogni isoletta di ghiaccio che incontriamo. 40 centimetri di neve fresca poggiano direttamente sul duro ghiaccio. Se scivola via, dovremmo rimanere agganciati alle viti. Che idea!

Fortunatamente, il terreno diventa più ripido, rimane quindi sempre meno neve. Ma l'arrampicata è una rottura. La neve non da alcun supporto, ed i nostri polpacci bruciano sul duro ghiaccio. Non vediamo l'ora di raggiungere la cresta. La cima sembra vicina ma ci sono ancora diversi tiri di difficile misto. Tutto è più difficile a causa della neve poco compatta che riempie tutti gli diedri e le placche. Pianto un chiodo e pulisco il terreno sopra di me. Pianto un secondo chiodo, e continuo a ripetere quest’azione, non sono in grado di salire un tiro lungo perché ho troppa paura di cadere, non sapendo precisamente su che cosa mi sto muovendo.

È quasi mezzogiorno quando arriviamo in cima. Uffa, ce l'abbiamo fatta! A differenza di Banan, non speravo di arrivare in cima. Non ho mai incontrato un'arrampicata così difficile in Himalaya. Facciamo qualche foto de iniziamo a scendere velocemente. Il piano è di scendere fino alla base oggi. Il tempo peggiora ed inizia a nevicare. Ci caliamo in doppia fino all'inizio del ghiaccio. Lasciamo molto materiale e fettucce... speriamo di averne a sufficienza per la parte bassa della parete. Continuiamo la discesa facendo delle doppie verso il ghiacciaio, senza accorgerci di quanto sia diventato caldo. Siamo di nuovo al punto della valanga. "Whoom", questa volta è Banan che si spaventa. Cerco di consigliargli da che parte andare ma se il pendio scivola via, non c’è scampo.

Presto siamo al sicuro nella nostra tenda. Non restiamo a lungo, facciamo gli zaini velocemente. Oggi proveremo a scendere la via classica lungo la parete sud della montagna. Riusciamo a trovarla rapidamente e scendiamo disarrampicando, poi facciamo delle calate dal bordo del ghiacciaio fino alla base della montagna. Prendiamo tutto il nostro materiale e continuiamo a scendere fino alla civiltà. Raggiungiamo Dranang prima che faccia buio. Che giornata…

Il giorno successivo incontriamo i nostri compagni di trekking a Namche Bazar. Non sono un'immagine felice. La maggior parte di loro è malata come me. La metà di loro non può tornare in Europa a causa del test covid positivo. A quanto pare, questo non è ancora il momento giusto per andare in spedizioni...

La via è stata chiamata Ada's Heavenly Traverse e gradata TD+, in onore dell'ex capo della Soccorso Alpino nei Monti dei Giganti, e dello zio di Banan, Adolf Kleps (12/09/1964 - 10/10/2017).

di Zdeněk Hák

Link: Facebook Zdenek Hak, Climbing Technology

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Chamlang UFO Life, il film di Marek Holecek e Zdenek Hak in Nepal
16.11.2020
Chamlang UFO Life, il film di Marek Holecek e Zdenek Hak in Nepal
Il film UFO Life che documenta la prima salita della via UFO sulla parete nordovest del Chamlang (7321 m) in Nepal, aperta nel 2019 con 6 bivacchi in stile alpino dagli alpinisti cechi Márek Holeček e Zdeněk Hák.
Chamlang: il report di Márek Holeček della prima salita della parete ovest
11.06.2019
Chamlang: il report di Márek Holeček della prima salita della parete ovest
Il report di Márek Holeček che insieme a Zdeněk Hák ha salito in stile alpino l’inviolata parete ovest del Chamlang (7321 m) in Himalaya. La nuova via si chiama UFO Line ed è stata descritta come 'la salita più difficile che abbiamo mai fatto insieme in montagna.'
Chamlang parete nordovest salita da Marek Holeček e Zdeněk Hák
23.05.2019
Chamlang parete nordovest salita da Marek Holeček e Zdeněk Hák
Arrampicando in stile alpino per 8 giorni in totale, gli alpinisti cechi Marek Holeček e Zdeněk Hák hanno aperto una nuova via sulla immensa parete nord-ovest del Chamlang in Nepal.
Kyajo Ri in Nepal, nuova via per Márek Holeček e Zdeněk Hák
24.08.2018
Kyajo Ri in Nepal, nuova via per Márek Holeček e Zdeněk Hák
Arrampicando in stile alpino dal 25 al 28 maggio 2018, gli alpinisti cechi Marek Holeček e Zdeněk Hák hanno aperto Lapse of Reason, una nuova via sul Kyajo Ri 6186 m in Nepal.
Gasherbrum I, nuova via per Marek Holeček e Zdeněk Hák
11.08.2017
Gasherbrum I, nuova via per Marek Holeček e Zdeněk Hák
Il report dell’alpinista ceco Marek Holeček che insieme a Zdeněk Hák ha aperto in 8 giorni ed in stile alpino una nuova (e grande) via sulla parete sudovest del Gasherbrum I (8080 metri), Karakorum.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra