Home page Planetmountain.com
L'alpinista inglese Doug Scott in cima all Ogre nel nel 1977
Fotografia di Chris Bonington
Doug Scott
Fotografia di Anna Piunova
Il brittanico Doug Scott riceve il Piolet d'Or alla carriera da Walter Bonatti.
Fotografia di arch Piolet d'Or
Chris Bonington, Doug Scott e tutto il team dell'Ogre- Life and Climbs by Vinicio Stefanello
Fotografia di Chris Bonington archive

Doug Scott ci ha lasciati

di

È scomparso l'alpinista inglese Doug Scott. Aveva 79 anni ed era un’autentica leggenda dell’alpinismo mondiale di tutti i tempi.

E' un giorno triste per l'alpinismo mondiale. Con Doug Scott se ne va una leggenda e un indiscusso riferimento per chi ama la montagna e la scalata. Di lui si rimpiangerà non solo la classe cristallina ma anche e soprattutto la sua qualità e il suo spessore di uomo. Era nato il 29 maggio di 79 anni fa a Nottingham, in Inghilterra, se n'è andato oggi 7 dicembre 2020 a causa di una terribile malattia.

Scott cominciò prestissimo, aveva appena 12 anni, con la scalata. E fu subito un colpo di fulmine. Da allora non ha più smesso diventando uno dei profeti dello stile alpino e delle grandi salite sulle montagne e sulle pareti più alte del mondo. Mitica è la sua prima salita (nel 1975, insieme a Dougal Haston e con capo spedizione Chris Bonington) sulla SO dell'Everest, con annesso un incredibile bivacco subito sotto la cima. Un'impresa immensa che ha segnato un cambio di passo nell'alpinismo Himalayano.

Indimenticabile, nel 1977, anche la leggendaria prima sul Baintha Brakk (7.285m), il famoso e terribile Ogre, in cui con Chris Bonington visse una delle epopee più straordinarie dell'alpinismo. Dopo un'incredibile salita in cima, alla prima doppia Scott si ruppe entrambe le gambe. Poi, come non bastasse, Bonington si ruppe le costole e contrasse la polmonite. Il tutto in mezzo alla bufera... Furono 7 giorni di lotta incredibile ma al Campo base ci arrivarono, sulle ginocchia ma ci arrivarono, con un'impresa fuori da ogni dimensione. Ma non è finita.

Sono da incorniciare anche la splendida prima, una delle vie più belle in assoluto, del Pilastro est dello Shivling (6.543m nel Garhwal indiano) salita, nel 1981, con Rick White, Georges Bettembourg e Greg Child. E, ancora, nel 1979, la via nuova sul Kangchenjunga 8586m (con gli indimenticabili Joe Tasker e Pete Boardman). Ma anche la via nuova su un altro 8000, lo Shisha Pangma, realizzata nel 1982 con Alex McIntyre e Roger Baxter-Jones.

Ma aldilà delle singole grandi realizzazioni (più di 45 vie nuove dal Monte Bianco, all'Alaska passando per l'Himalaya e il Karakorum) l'alpinismo di Doug Scott è soprattutto un fatto di stile. Uno "stile alpino", naturalmente. Sempre all'insegna di quel "by fair means", di quel porsi lealmente davanti alla montagna, che è il simbolo dei grandissimi dell'alpinismo e dell'alpinismo britannico Doc.

Non a caso Scott ha scalato con i più grandi alpinisti britannici (degli autentici “mostri”) della sua epoca. E, sempre non a caso, è stato presidente dell'Alpine Club Britannico. Come non è un caso che sia stato molto attivo nell'aiuto alle popolazioni del Nepal con Community Action Trek Ltd. E' stato insignito con la medaglia d'oro della Royal Geographical Society e con il titolo di Commander of British Empire. Mentre, nel 2011, a Courmayeur, gli è stato consegnato il Piolet alla Carriera del mondo dell'alpinismo.

Doug Scott ci ha accompagnato con per molto tempo: quella sua foto anni '70 con i capelli lunghi, la barba incolta e gli occhiali da prof  (ha insegnato geografia) resterà sempre con noi. In quella foto ha uno sguardo intenso, sognante, da grande visionario. E' quello stesso sguardo e quel sogno che tutti avremmo voluto avere. Era lo sguardo di un grande alpinista e di un vero gentleman. Un esempio!

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Piolet d'Or 2011, i vincitori, le diversità e le sfide dell'alpinismo
18.04.2011
Piolet d'Or 2011, i vincitori, le diversità e le sfide dell'alpinismo
Il 15 aprile a Chamonix durante il IXX Piolets d'Or 2011 sono stati assegnati due Piolets d'Or: alle Big Walls in Groenlandia da parte di Sean Villanueva, Nicolas e Olivier Favresse, Ben Ditto e Bob Shepton e alla salita del Monte Logan in Canada da parte di Yasushi Okada e Katsutaka Yokoyama. Il 16 aprile a Cormayeur l'alpinista brittanico Doug Scott ha ricevuto il Piolet d'Or alla carriera presente Walter Bonatti che con Reinhold Messner l'ha preceduto nell'albo d'oro. Tutto il report.
Piolet d'Or: le nominations, il Piolet a Doug Scott e tutte le serate
18.03.2011
Piolet d'Or: le nominations, il Piolet a Doug Scott e tutte le serate
Dal 13 al 16 Aprile 2011 a Courmayeur e Chamonix (Monte Bianco) si svolgerà la IXX edizione del Piolets d'Or. Le 6 salite nominate per l'assegnazione della piccozza d'oro come migliore realizzzaione del 2010. Il Piolet d'or al grande alpinista britannico Doug Scott. La serata dedicata all'alpinismo extra-Ordinario e tutto il programma...

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo