Home page Planetmountain.com
Cascate di ghiaccio a Bletterbach, Alto Adige
Fotografia di Mmove by Friends of Arco
Cascate di ghiaccio a Bletterbach, Alto Adige: Numerose colate di ghiaccio assumono spesso il color rosso essendo generate da acque a contatto con la terra e la roccia porfirica
Fotografia di Mmove by Friends of Arco
Cascate di ghiaccio a Bletterbach, Alto Adige: il luogo è particolarmente adatto anche ai principianti
Fotografia di Mmove by Friends of Arco
Cascate di ghiaccio a Bletterbach, Alto Adige
Fotografia di Mmove by Friends of Arco

Bletterbach e la cascate di ghiaccio nel canyon incantato dell'Alto Adige

di

Matteo Guardini, guida alpina del gruppo Mmove by Friends of Arco, presenta l'incantevole canyon Bletterbach nell'Alto Adige e le sue cascate di ghiaccio.

Il Bletterbach è un canyon naturale dell’Alto Adige situato nei pressi del paese di Aldino raggiungibile dall’uscita A22 Egna-Ora percorrendo la statale delle Dolomiti in direzione Cavalese: per il suo alto valore scientifico, dal 2009 è stato inserito dall’Unesco nella lista dei siti protetti come Patrimonio dell’umanità e da allora registra circa 60 mila visitatori all’anno. Il significato etimologico del nome è riconducibile al concetto dell’acqua che scorre: infatti questa gola, lunga 8 chilometri e profonda circa 400 metri, è una sorta di spaccatura naturale incisa nel suolo, molto interessante dal punto di vista geologico.

Per la sua facilità di accesso il Bletterbach è diventato un prezioso sito di studio ed osservazione scientifica mirata allo studio geologico delle Dolomiti: su iniziativa dell’Amministrazione comunale di Aldino è stata sistemata una rete di comodi sentieri e passerelle, un centro visitatori ed allestito un programma di visite guidate per famiglie ed escursionisti, per appassionati e studiosi di geologia richiamati dall’unicità del luogo. Questo sito infatti è paragonabile ad un vero e proprio libro aperto della natura che ci narra la storia della terra attraverso le modificazioni morfologiche succedutesi nell’arco di 40 milioni di anni nei quali questa lunga e spettacolare gola s’è formata e modellata ad azione degli agenti atmosferici. Facile quindi imbattersi in fossili e differenti tipi di rocce.

Tutto questo accade l’estate ed è osservabile partecipando alle visite guidate a cura degli specialisti; mentre in inverno, magicamente, questa lunga forra si trasforma in un vero e proprio parco giochi per gli amanti dell’arrampicata su ghiaccio che, armati (si fa per dire) di piccozze e ramponi percorrono in su e in giù i versanti del Bletterbach – d’inverno segnati dalle cascate e resi immobili dal gelo – alla ricerca di qualche bella linea da scalare.

Il piazzale del centro visitatori anche d’inverno è agibile e punto di riferimento: in pochi minuti scendendo lungo il bosco si arriva all’imbocco del canyon e utilizzando le passerelle tese a servizio dei percorsi attrezzati, si entra nella forra resa ancor più affascinante dal gelo che tutto ingloba e rende – grazie alle temperature particolarmente rigide – surreale come in un’opera d’arte della Natura.

Numerose colate di ghiaccio assumono spesso il color rosso essendo generate da acque a contatto con la terra e la roccia porfirica: il luogo è particolarmente adatto anche ai principianti che – sfruttando la rete sentieristica estiva – possono facilmente e in piena sicurezza sistemare/attrezzare corde dall’alto, scalando quindi “in moulinette”.

Le vie di ghiaccio più gettonate ovviamente si incontrano nei pressi dell’accesso al canyon: un primo muro sulla destra ed altre colate sulla sinistra, con una candela verticale che a seconda degli anni risulta generosa o esile, sono le prime invitanti colate che saltano all’occhio. Addentrandosi nel Bletterbach, poi, si trova un po' di tutto dal facile all’impegnativo ma mai banale, facendo capire che spesso l’avventura si trova non nei luoghi più remoti, ma appena a due passi da casa.

Bletterbach, quindi, luogo magico dalla doppia valenza estiva invernale che vale assolutamente la pena visitare: facilmente accessibile ma di piena soddisfazione!

di Matteo Guardini
Mmove by Friends of Arco www.mmove.net

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Bletterbach, possibile nuova cascata di ghiaccio per Ladurner e Lemayer
25.01.2018
Bletterbach, possibile nuova cascata di ghiaccio per Ladurner e Lemayer
Alpinismo in Alto Adige: nella Gola Bletterbach Daniel Ladurner e Johannes Lemayer hanno salito Eistänzer, una probabile nuova via di ghiaccio e misto (110m, WI6+ M6).
Vie ferrate attorno ad Arco
26.05.2011
Vie ferrate attorno ad Arco
Vie ferrate attorno ad Arco presentate dalla Guida Alpina Mauro Girardi: Monte Colodri, Cima Capi, Rio Sallagoni, Monte Albano e Che Guevarra al Monte Casale.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria