Home page Planetmountain.com
Massimo Coda e Andrea Lanfri in vetta al Monte Bianco
Fotografia di Massimo Coda, Andrea Lanfri
Andrea Lanfri inizia la salita al Monte Bianco
Fotografia di Massimo Coda, Andrea Lanfri
Andrea Lanfri e Massimo Coda in vetta al Monte Bianco
Fotografia di Massimo Coda, Andrea Lanfri
Andrea Lanfri dopo la salita del Monte Bianco
Fotografia di Massimo Coda, Andrea Lanfri

Andrea Lanfri e Massimo Coda, paraclimber in cima al Monte Bianco

di

Intervista a Andrea Lanfri che all'inizio di agosto insieme a Massimo Coda è salito in cima al Monte Bianco lungo la via normale italiana. Con ogni probabilità è la prima cordata di amputati agli arti a compiere un'impresa simile.

L’altro giorno Andrea Lanfri e Massimo Coda sono saliti in cima al Monte Bianco. Fin qui probabilmente niente di particolare. Solo che entrambi sono amputati agli arti: Lanfri infatti nel 2015 in seguito ad una meningite fulminante con sepsi meningococcica ha perso entrambe le gambe e sette dita delle mani, mentre Coda in seguito ad un incidente due anni fa ha perso la gamba destra. I due sono saliti sul Bianco lungo la via normale italiana, contando solo sulle loro capacità e forze, pianificando e gestendo completamente la salita. Ecco cosa ci ha raccontato il 33enne Lanfri, membro della Nazionale Paralimpica Italiana di atletica e vincitore di un argento mondiale a Londra nel 2017.

Andrea, parlaci del Bianco
La salita al Bianco è stata divisa così: il primo giorno siamo partiti dalla Val Veny e abbiamo percorso tutto il ghiacciaio del Miage fino ad arrivare al Rifugio Gonella, il secondo giorno abbiamo attraversato il ghiacciaio del Dome fino ad arrivare in cresta e a congiungerci con la via normale francese fino al bivacco Vallot. In realtà volevamo arrivare in vetta quel giorno ma il tempo non era dei migliori e ci siamo fermati a riposarci lì al bivacco, e alle 4 della mattina seguente siamo partiti per la vetta, alle 6.30 circa eravamo in vetta al Bianco! Successivamente siamo scesi e abbiamo fatto ritorno al Gonella. L'ultimo giorno abbiamo fatto ritorno a Val Veny percorrendo tutto il sentiero in discesa verso la nostra auto, e a nostra sorpresa la redazione di imountblanc Tv ci ha fatto trovare un bel rinfresco per festeggiare la nostra salita.

Ci pare giusto! Domanda così semplice da sembrare persino imbarazzante: cos’è la cosa più difficile per un alpinista con una protesi?
Camminare su un terreno come una pietraia per chi porta una protesi o per chi come me due... è un terreno molto difficile da percorrere. Il continuo cambio di assetto e di equilibrio ti stanca, non solamente a livello fisico ma anche a livello mentale, non avendo la mobilità di caviglia, l'equilibrio viene corretto con movimenti di busto e bacino, dove con uno zaino bello peso è ancora più complicato.

E invece sulla neve?
Sulla neve è molto più semplice la ricerca dell'equilibrio, la neve aiuta! Però qui, alcuni passaggi di cresta bisognava stare molto attenti a non perdere il controllo della protesi neanche un secondo, un errore sarebbe stato fatale. La cosa più difficile in assoluto è la sassaia in discesa, per i problemi di prima, che vengono amplificati nella fase di discesa, quella richiede veramente un ottimo controllo della protesi non semplice da gestire.

Allora giriamo la domanda: la cosa più facile?
Per me è indubbiamente il problema del freddo ai piedi completamente assente e quel caldo che percepisco! utilizzo scarpe ultraleggere in goretex anche con temperature molto basse, fino ad ora è l'unico vantaggio che riesco a trovarci... In realtà non esistono vantaggi per noi che camminiamo con le protesi, è una lotta continua con infiammazioni, irritazioni e tagli, le protesi non sono semplicemente un paio di scarpe che basta indossarle e via, richiedono molto sacrificio, allenamento e sopportazione al dolore.

E adesso?
Il mio sogno è salire tutte le "Seven summits", e il prossimo anno ci sarà il via al progetto Everest, per diventare il primo atleta al mondo con 4 amputazioni a raggiungere la vetta del tetto del mondo. Invece le prossime date fisse saranno il 20 e 21 agosto per la salita al Monviso lungo la cresta est, e il 5-6 settembre per il Cervino lungo la cresta del Leone.

Info: andrealanfri.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il paraclimber Jesse Dufton scala The Old Man of Hoy in Scozia
06.06.2019
Il paraclimber Jesse Dufton scala The Old Man of Hoy in Scozia
Il paraclimber cieco inglese Jesse Dufton, guidato dalla sua compagna di cordata Molly Thompson, ha salito la famosa via di arrampicata trad The Old Man of Hoy al largo delle isole Orkney in Scozia. Salita per la prima volta nel 1966 da Chris Bonington, Tom Patey e Rusty Baillie, questa via di 6 tiri è un vero simbolo dell'arrampicata britannica.
Jesse Dufton: l'incredibile paraclimber del trad
16.05.2019
Jesse Dufton: l'incredibile paraclimber del trad
Il paraclimber cieco inglese, Jesse Dufton, ha salito nella falesia The Roaches la famosa via d’arrampicata trad The Sloth. La salita è stata descritta dagli esperti come una ridefinizione del termine 'impressionante'.
Eleonora Delnevo & Co al top dello Zodiac di El Capitan in Yosemite
12.10.2018
Eleonora Delnevo & Co al top dello Zodiac di El Capitan in Yosemite
La paraclimber Eleonora Delnevo - l'alpinista bergamasca che ha perso l’uso delle gambe dopo un incidente in montagna nel 2015 - ha ripetuto Zodiac su El Capitan in Yosemite insieme a Mauro Gibellini, Diego Pezzoli e Antonio Pozzi.
Marmolada parete sud per Nikolaj Niebuhr, alpinista danese con semi-paralisi
03.10.2018
Marmolada parete sud per Nikolaj Niebuhr, alpinista danese con semi-paralisi
Paraclimbing: sulla parete sud della Marmolada il 35enne Nikolaj Niebuhr ha ripetuto la via Bettega - Tomasson. Una tappa importante per il danese che dall’età di 8 anni è rimasto parzialmente paralizzato nella parte destra del suo corpo in seguito ad un operazione per un edema cerebrale.
Paraclimber Andrew Walker e l'arrampicata trad a Pembroke
02.01.2018
Paraclimber Andrew Walker e l'arrampicata trad a Pembroke
Il video del paraclimber Andrew Walker e la sua salita della via d’arrampicata trad Armorican nella falesia Craig Caerfai a Pembroke, Inghilterra.
Don Quixote, con tre gambe ed una protesi sulla sud della Marmolada. Di Siebe Vanhee
26.07.2017
Don Quixote, con tre gambe ed una protesi sulla sud della Marmolada. Di Siebe Vanhee
Il racconto del climber belga Siebe Vanhee che lo scorso weekend ha salito la via Don Quixote sulla parete sud della Marmolada in Dolomiti assieme al paraclimber Frederik Leys. Aperta da Heinz Mariacher e Reinhard Schiestl nel 1979, la via è considerata una classica e tra le più ripetute della parete.
L’incredibile arrampicata di Matthew Phillips
05.04.2017
L’incredibile arrampicata di Matthew Phillips
Tre video del paraclimber britannico Matthew Phillips in allenamento: da guardare per imparare
Vanessa François e il Grand Capucin
14.03.2017
Vanessa François e il Grand Capucin
Il video 'Ensemble au Grand Cap' dell'alpinista disabile Vanessa François e la sua salita del Grand Capucin (Monte Bianco) per la via 'L’écho des alpages'.
Urko Carmona Barandiaran sulla Cima Grande di Lavaredo in Dolomiti
24.07.2016
Urko Carmona Barandiaran sulla Cima Grande di Lavaredo in Dolomiti
In questi giorni il paraclimber spagnolo Urko Carmona Barandiaran ha salito, insieme a Juan Antonio Bellido Ramos, la via Dülfer e poi la via Comici - Dimai alla Cima Grande, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti.
Vanessa François e il bivacco sul Grande Gendarme dell'Arête des Cosmiques
04.09.2014
Vanessa François e il bivacco sul Grande Gendarme dell'Arête des Cosmiques
Dal 2 al 3 settembre 2014 l'alpinista disabile Vanessa François ha trascorso la notte su una portaledge sul Grande Gendarme dell'Arête des Cosmiques (Monte Bianco) insieme a Liv Sansoz.
Il sogno di Vanessa François
06.08.2013
Il sogno di Vanessa François
Il video di Vanessa François che racconta il suo sogno e il suo prossimo progetto dopo essere rimasta disabile in seguito ad un incidente in montagna: la salita dello Zodiac su El Capitan in Yosemite.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock