Home page Planetmountain.com
Denis Trento assicurato da Marco Farina durante la prima salita di Spirito di adattamento, Aiguille Rouges di Rochefort, massiccio del Monte Bianco (Denis Trento, Marco Farina, Marco Majori, Andrea Peron 01/2019)
Fotografia di archivio Denis Trento
Aiguille Rouges di Rochefort: durante la prima salita di Spirito di adattamento (Denis Trento, Marco Farina, Marco Majori, Andrea Peron 01/2019)
Fotografia di archivio Denis Trento
Marco Farina apre Spirito di adattamento, Aiguille Rouges di Rochefort, massiccio del Monte Bianco (Denis Trento, Marco Farina, Marco Majori, Andrea Peron 01/2019)
Fotografia di archivio Denis Trento
Spirito di adattamento, Aiguille Rouges di Rochefort, Monte Bianco (Denis Trento, Marco Farina, Marco Majori, Andrea Peron 01/2019)
Fotografia di archivio Denis Trento

Aiguille Rouges di Rochefort: Trento, Farina e Majori scoprono Spirito di adattamento

di

Il racconto di Denis Trento che insieme ai colleghi della Sezione Militare di Alta Montagna Marco Farina e Marco Majori ha aperto una nuova via alpinistica sulla parete est dell’Aiguille Rouges di Rochefort nel massiccio del Monte Bianco, dopo un primo tentativo insieme a Andrea Peron.

In un inverno avaro di neve, uno sciatore non ha molta scelta: adattarsi alla situazione, oppure soccombere alla tristezza. Nel mio caso stavo per cedere alla depressione, ma poi mi sono convinto che dovevo in qualche modo reagire. E fu così che mi trovai a fare avvicinamento assurdi in bici o a piedi solamente per sciare qualche centinaio di metri.

In uno di questi pellegrinaggi, mi è capitato di passare sotto una bella linea di ghiaccio, quasi meccanicamente le ho dato unʼocchiata, ho fatto una foto e ho continuato nella mia ricerca di neve. Quando il vento mi ha definitivamente messo alle strette, mangiandosi la poca nevina che era rimasta nascosta nei canali orientati ad est, non mi restava altra scelta che tirare fuori le picche dal garage.

Lʼidea di andare a mettermi in coda a Cogne era forse peggio che sciare nel cemento. Ho quindi convinto Andrea Peron, col quale da anni collaboro per Karpos, a testare il nuovo completo da ghiaccio su quella linea che avevo visionato per caso. In questa occasione, siamo saliti per due lunghezze nella colata principale, per poi aggirare lungo la goulotte di sinistra, due risalti con ghiaccio troppo fine per i miei arrugginiti gusti di ghiacciatore.

La circonvallazione si è rivelata molto più divertente del previsto, con qualche passaggio per nulla banale. I due tiri di goulottina ci hanno riportato alla volata principale, giusto sotto un bel muretto di 30m di 4o. Salito anche quello, ci siamo trovati sotto un risalto più che verticale, con ghiaccio di dubbia qualità. Avendo io ormai esaurito braccia, chiodi da roccia e pannolini, non ci restava che scendere. Durante la discesa non riuscivo bene a mettere a fuoco se si trattava di una ritirata, o se la via poteva considerarsi conclusa.

Il dubbio amletico mi ha spinto a fare un altro giro, questa volta accompagnato dai miei forti colleghi della Sezione Militare di Alta Montagna: Marco Farina e Marco Majori. Nonostante in quei giorni avessero cantierizzato una via di livello come Jedi Master, le foto che gli ho girato li hanno subito convinti a concedersi un giorno di riposo attivo. Purtroppo per Farina, il tiro chiave si è rivelato un pessimo modo per scaricare e ha richiesto tutta la sua esperienza per saltarne fuori. Majo per non essere da meno, ha sfoderato la sua leggendaria sensibilità sulle croste ghiacciate che io avevo evitato a metà via, aprendo un tiro meno ripido ma altrettanto psicologico.

Quanto a me, mi sono goduto la giornata da cliente, con la gentile concessione di scalare il divertente tirello finale. Questa volta, calandomi dai 3 nuts dell’ultima sosta, la sensazione era quella giusta: quella di aver finito veramente il lavoro. I miei colleghi mi hanno lasciato anche lʼincombenza di dare un nome e relazionare la via.

Ho optato per Spirito di adattamento, che è poi quella risorsa mentale che, oltre a togliere la ruggine dalle picche, ultimamente mi ha spinto a saltare in bici al mattino presto, oppure a camminare migliaia di metri sci a spalle. Ora però se la neve si degnasse di tornare, la finirei anche di abusare di questo talento e sopratutto di improvvisarmi in altri ambiti, per tornare a fare qualche bella curva.

di Denis Trento

Link: FB Denis TrentoScarpaGrivel, Karpos, Salice Occhiali

SCHEDA: Spirito di adattamento, Aiguille Rouges di Rochefort, Monte Bianco

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il Monte Rosa Express di Denis Trento e Robert Antonioli
31.08.2018
Il Monte Rosa Express di Denis Trento e Robert Antonioli
Il racconto di Denis Trento del veloce raid nel massiccio del Monte Rosa insieme a Robert Antonioli attraverso il Lyskamm, il Colle del Lys, Punta Dufour e Punta Zumstein.
Denis Trento e Robert Antonioli insieme al fil di cielo sulla Cresta di Rochefort e la traversata delle Jorasses
17.08.2018
Denis Trento e Robert Antonioli insieme al fil di cielo sulla Cresta di Rochefort e la traversata delle Jorasses
Il report di Denis Trento che, insieme a Robert Antonioli, sabato 4 agosto ha abbinato la Courmayeur Mont Blanc Skyrace alla cavalcata della Cresta di Rochefort e alla traversata delle Grandes Jorasses per scendere poi al rifugio Boccalatte e a Planpincieux. Un velocissimo raid che abbina la corsa in montagna all’alpinismo in alta montagna.
Cresta di Rochefort più traversata delle Jorasses in velocità per Denis Trento
07.09.2016
Cresta di Rochefort più traversata delle Jorasses in velocità per Denis Trento
All'inizio settembre, sul Monte Bianco, Denis Trento partendo dal Rifugio Torino ha percorso in successione la Cresta di Rochefort e la traversata delle Grandes Jorasses per poi scendere al rifugio Boccalatte e a Planpincieux e far ritorno al Rifugio Torino. Il tutto, ovviamente a piedi, in poco meno di 9 ore e 30'. Il report di Denis Trento.
Cresta dell'Innominata speed in cordata: Denis Trento e Robert Antonioli sul Monte Bianco
30.06.2018
Cresta dell'Innominata speed in cordata: Denis Trento e Robert Antonioli sul Monte Bianco
Il racconto di Denis Trento che con Robert Antonioli ha salito la Cresta dell’Innominata sul Monte Bianco in soli 6 ore e 10 minuti. Una salita veloce sì, ma interessante soprattutto perché la cordata ha gestito con maggiore sicurezza la salita.
Denis Trento, concatenamento con gli sci della Bonatti e Aigle sul Petit Mont Blanc
27.02.2018
Denis Trento, concatenamento con gli sci della Bonatti e Aigle sul Petit Mont Blanc
Nella zona del Miage nel massiccio del Monte Bianco Denis Trento ha concatenato due couloir mitici dei Petit Mont Blanc: Bonatti e Aigle.
Punta Whymper alle Grandes Jorasses, Denis Trento scende con gli sci il couloir sud ovest
05.04.2017
Punta Whymper alle Grandes Jorasses, Denis Trento scende con gli sci il couloir sud ovest
A fine marzo 2017 Denis Trento ha effettuato quella che potrebbe essere la prima discesa integrale con gli sci del couloir sud ovest della Punta Whymper alle Grandes Jorasses. I video e il racconto della guida alpina e fortissimo sciatore di questa discesa nel massiccio del Monte Bianco di cui, in particolare gli ultimi 400m, dovrebbero essere inediti. In ogni caso, al di là del possibile primato, si tratta di una grande e bella avventura.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra