Home page Planetmountain.com
Sergio Longoni con Alex Honnold e l'interprete Luca Calvi durante la serata a Barzanò, Lecco, l'11 ottobre 2017
Fotografia di Gianmario Besana
Alex Honnold durante la serata a Barzanò, Lecco, l'11 ottobre 2017
Fotografia di Gianmario Besana
Il pubblico al Palazzetto dello sport di Barzanò, Lecco, per la serata di Alex Honnold l'11 ottobre 2017
Fotografia di Gianmario Besana
Alex Honnold arrampica slegato la via Heaven, Glacier Point, Yosemite, USA
Fotografia di Jimmy Chin

Alex Honnold, l'arrampicata e la migliore versione di sé stessi

di

Incontro con il 32enne climber statunitense Alex Honnold a Barzanò (Lecco) per la serata di DF Sport Specialist. Di Simonetta Radice

"La paura? È solo una questione di quanto sai allargare la tua zona di comfort. E quanto sai allargare la tua zona di comfort dipende, alla fine, da quanto duro ti alleni."

"La velocità? Ha senso se è il risultato di un modo di procedere pulito e efficiente, ha senso se andare veloce non vuol dire aver fretta"


"No, non mi dà fastidio vedere Yosemite quando è affollata. E’ come quando sei in autostrada e ti lamenti del traffico: tu sei il traffico, e anche io sono il traffico a Yosemite".


Sono solo tre delle perle che Alex Honnold regala nel corso del suo incontro con la stampa prima, e con centinaia (più di mille forse?) di appassionati poi, che si è tenuto l’11 ottobre presso il palazzetto dello sport di Barzanò, organizzato da DF Sport Specialist. Il 186esimo evento, tiene a precisare il patron Sergio Longoni, che ha avuto modo di ospitare nel corso degli anni praticamente tutti i più grandi alpinisti contemporanei.

Inutile cercare di presentare Alex Honnold, che dire un fuoriclasse che non sia già stato detto? Il suo soprannome, nella community dei climber, è "No Big Deal", "niente di che" potremmo tradurre, e forse questo lo descrive meglio di qualsiasi altra parola perché il re dell’impossibile (una definizione che non amerebbe senz’altro) è anche il re dell’understatement. Un understatement genuino, il suo, quello di uno che spiega ciò che fa con precisione, ma senza un filo di enfasi, che ripete tante volte la parola "process", per far capire che noi sì, lo vediamo arrampicare senza corda, ma che quello che vediamo non è che la punta di un iceberg di cui non sappiamo immaginare la vastità. "Non mi aspettavo tanta popolarità ma non mi sorprende" dice "perché vedere arrampicare senza corda è molto scenografico, esteticamente bello, pulito". Lo sa – ma non gli interessa - che ciò che un po’ morbosamente attrae tanti è anche il flirt con quello che i comuni mortali chiamano pericolo, il mettersi a fare qualcosa dove non è concesso sbagliare, nulla insomma in cui qualcuno di noi possa ritenersi un grande esperto.

"Tutti mi chiedono come si faccia a superare la paura, ma questa non è una cosa che io possa dire. Quello che posso fare, piuttosto, è parlare del tipo di percorso e di allenamento che mi porta a farmi sentire bene in una situazione che prima mi sembrava spaventosa". Parliamone allora, di questa Freerider. Nove anni per pensarla, un anno e mezzo di allenamenti mirati, interi tiri mandati a memoria e meno di 4 ore per salirla. Un tentativo mandato a monte da un incidente alla caviglia e una stagione persa. La determinazione nel riprovarci e alla fine la riuscita.

Inutile soffermarsi sui dettagli tecnici di una salita che è semplicemente un passo avanti per l’umanità. Senza tema di esagerare, perché credo che quando qualcuno supera un limite tutti possano in qualche modo prendere una fetta di torta, a patto solo di essere in grado di gustarla.

Honnold insomma fa quello che fanno i fuoriclasse, lo spiegava tempo fa Emilio Previtali molto meglio di quanto potrei fare io: "…smontare la parola impossibile in tanti pezzetti più piccoli, in tanti piccoli possibile da mettere insieme, forse è questo in alpinismo il vero e unico significato della parola conquista: andare oltre e prendere, portare indietro a beneficio degli altri."

Non resta che provare a seguirlo allora, in questo cammino sportivo e umano che è davvero un Sentiero Luminoso: da Moonlight Buttress (5.12+ / 7c, 365 m) nello Zion, alla parete Nord Ovest dell’Half Dome (5.12 / 7a/b, 670 m) nella valle di Yosemite, per arrivare a una delle imprese che forse ha amato di più: il concatenamento tra Mount Watkins, l’Half Dome e El Capitan, tre big wall salite in giornata. Per andare dove, alla fine? A trovare, come dice lo stesso Alex nell’intervista con Mark Synnott, "La miglior versione di me stesso". Scusate se è poco.

di Simonetta Radice

La serata è stata organizzata in collaborazione con La Sportiva

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Alex Honnold sale in arrampicata free solo Freerider su El Capitan, Yosemite
04.06.2017
Alex Honnold sale in arrampicata free solo Freerider su El Capitan, Yosemite
Il climber statunitense Alex Honnold ha salito in arrampicata solitaria e senza corda la via Freerider su El Capitan, Yosemite, diventando il primo a salire una big wall su El Capitan senza corda.
Alex Honnold: il primo video della free solo di Freerider su El Capitan
06.06.2017
Alex Honnold: il primo video della free solo di Freerider su El Capitan
Il primo video della free solo di Freerider su El Capitan, Yosemite, effettuata lo scorso 3 giugno dal climber statunitense Alex Honnold.
Perché la free solo di Alex Honnold su El Capitan mi ha fatto paura. Di Tommy Caldwell
16.06.2017
Perché la free solo di Alex Honnold su El Capitan mi ha fatto paura. Di Tommy Caldwell
Pubblichiamo per gentile concessione di Outside Magazine l'articolo di Tommy Caldwell sulla incredibile prima salita senza corda di Alex Honnold di El Capitan (Yosemite Valley, USA) lungo la via Freerider. Traduzione di Agnese Blasetti.
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
05.06.2017
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
Arrampicata oltre il limite: una riflessione sulla portata della recente free solo della via Freerider su El Capitan (Yosemite) da parte di Alex Honnold.
Intervista a Haley e Honnold dopo la Traversata in giornata del Cerro Torre (Patagonia)
03.02.2016
Intervista a Haley e Honnold dopo la Traversata in giornata del Cerro Torre (Patagonia)
L'intervista a Colin Haley e Alex Honnold che domenica 31 gennaio 2016 hanno effettuato la prima ripetizione della grande Traversata del Gruppo del Cerro Torre concatenando le cime del Cerro Standhardt, Punta Herron, Torre Egger e Cerro Torre. Gli alpinisti statunitensi hanno impiegato soli 20 ore e 40 minuti dal Col Standhardt fino in cima al Cerro Torre, e 32 ore complessivamente per ritornare al campo di partenza. La prima traversata del data 2008 ed era stata compiuta dallo stesso Haley con Rolando Garibotti in 4 giorni.
Alex Honnold e la salita di Heaven in Yosemite
21.10.2014
Alex Honnold e la salita di Heaven in Yosemite
Il video di Alex Honnold con la sua salita senza corda della via d'arrampicata Heaven a Yosemite, USA.
Tommy Caldwell e Alex Honnold: l'intervista dopo la grande Traversata del Fitz Roy, in Patagonia
24.02.2014
Tommy Caldwell e Alex Honnold: l'intervista dopo la grande Traversata del Fitz Roy, in Patagonia
L'intervista agli statunitensi Tommy Caldwell e Alex Honnold che dal 12 al 16 febbraio 2014 hanno effettuato la prima ambita traversata di tutte le creste maggiori nel massiccio del Fitz Roy, Patagonia.
Alex Honnold e l'intervista dopo El Sendero Luminoso
21.01.2014
Alex Honnold e l'intervista dopo El Sendero Luminoso
Intervista allo statunitense Alex Honnold che il 14 gennaio ha salito senza corda la via El Sendero Luminoso (7b+, 500m) sulla cima El Toro, Potrero Chico, Messico.
Alex Honnold e la solitaria alla Triple Crown di Yosemite, intervista
12.06.2012
Alex Honnold e la solitaria alla Triple Crown di Yosemite, intervista
Intervista al climber statunitense Alex Honnold dopo la sua grande e velocissima solitaria sulla Yosemite Triple a Yosemite.
Alex Honnold, l'intervista dopo Heaven e Cosmis Debris free solo in Yosemite
04.10.2011
Alex Honnold, l'intervista dopo Heaven e Cosmis Debris free solo in Yosemite
Intervista al climber statunitense Alex Honnold, dopo le sue recenti free solo di Heaven, Alien e Cosmic Debris in Yosemite, USA
The Phoenix in solitaria - intervista ad Alex Honnold e una riflessione di Ray Jardine
20.06.2011
The Phoenix in solitaria - intervista ad Alex Honnold e una riflessione di Ray Jardine
Intervista con i climber statuitensi Alex Honnold e Ray Jardine dopo la salita senza corda da parte di Honnold su The Phoenix (5.13a) nella Yosemite Valley, USA
Alex Honnold, arrampicata di passione
29.01.2009
Alex Honnold, arrampicata di passione
Intervista ad Alex Honnold, il climber americano che ha fatto parlare di sé per le sue audaci salite senza corda negli States e le salite estreme sul gristone britannico.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria