Home page Planetmountain.com
Tommy Caldwell e Alex Honnold, alle loro spalle El Capitan in Yosemite
Fotografia di Tommy Caldwell
El Capitan, il simbolo della Yosemite Valley
Fotografia di Mayan Smith-Gobat
Alex Honnold in Yosemite, dopo aver salito oltre 70 tiri con Tommy Caldwell a maggio
Fotografia di Tommy Caldwell
Tommy Caldwell e Alex Honnold durante la Traversata del Fitz Roy, Patagonia
Fotografia di Tommy Caldwell / Alex Honnold

Perché la free solo di Alex Honnold su El Capitan mi ha fatto paura. Di Tommy Caldwell

di

Pubblichiamo per gentile concessione di Outside Magazine l'articolo di Tommy Caldwell sulla incredibile prima salita senza corda di Alex Honnold di El Capitan (Yosemite Valley, USA) lungo la via Freerider. Traduzione di Agnese Blasetti.

Alex Honnold una volta mi ha confidato che da qualche parte nel suo furgone, seppellito sotto centinaia di fogli tra schede di allenamento e relazioni di vie, ha una elenco di traguardi da raggiungere. In cima a questa lista ci sono due lettere, "FR", che stanno per Freerider, la via più famosa sulla parete di quasi mille metri [3000 piedi, 914m] di El Capitan. La via è molto al di sotto del limite di Alex, ma il suo obiettivo era di scalarla in free solo - cioè senza corda - una cosa mai tentata prima.

Immaginavo che ci avrebbe provato prima o poi, ma non sapevo se incoraggiarlo ad andare avanti con il suo piano o se dissuaderlo dal correre quel rischio. Lo avrei visto compiere un atto di maestria, una pietra miliare per la nostra generazione, o giocarsi un round alla roulette russa? Nella nostra comunità di scalatori, Alex è quello che più di chiunque altro ha portato in primo piano le discussioni sul rischio. Qualcuno potrebbe pensare che, come suo amico intimo ed El Capitan-dipendente io stesso, potrei avere un’idea di cosa significhi scalare in free solo Freerider. E invece no. Nessuno ce l’ha, eccetto lui.

Sabato 3 giugno, Alex si è svegliato nel suo furgone alle prime luci dell’alba. Ha guidato con calma nella Yosemite Valley e senza null'altro che scarpette d'arrampicata e sacchetto della magnesite, ha cominciato l’ascesa su El Cap. Il cielo è azzurro, non c’è vento. Nonostante avessi passato parte della settimana precedente a Yosemite per aiutarlo con gli ultimi preparativi, poi sono tornato a casa mia in Colorado, a giocare con i miei bambini e a cercare di non riflettere troppo su quello che Alex stava per fare, perché era un pensiero davvero spaventoso.

Leggendo i titoli dei giornali è facile incappare nei cliché sugli arrampicatori - che siamo degli scapestrati, a caccia del brivido, drogati di adrenalina. Niente di più utile per provocare una serie di conati alla maggior parte di noi. Arrampicare significa avere una relazione profonda con alcuni degli ambienti più suggestivi del mondo, non un presuntuoso tentativo di soverchiarli. Non posso vantarmi di conoscere tutto quello che passa per la testa di Alex, ma una cosa la so di sicuro: lui scala per vivere, non per sfidare la morte.

Credo che Alex abbia scalato, passo dopo passo, più roccia tecnicamente difficile di chiunque altro nella storia. Ha ripetuto Freerider almeno una dozzina di volte, provando i passaggi più difficili al punto da poterli fare bendato. Ma scalare in free solo è più una questione mentale che fisica. Oltre a fattori ovvi come l’esposizione vertiginosa e vari imprevisti (pensate a una presa che si rompe, o a un uccello che vola via da una fessura), la scalata su granito richiede una tale precisione da non poter essere affrontata se non in completa lucidità.

Alex mi ha raccontato che non è mai volato all’improvviso - cioè senza avere avuto prima la sensazione che stesse per accadere. Quando gli ho risposto che a me è successo almeno dieci volte, mi è sembrato confuso, come se non gli tornasse qualcosa. Poi mi ha chiesto perché non scalavo in free solo. "Sarebbe così facile per te, sai che non cadresti mai su un 7a", mi ha detto. Ogni tanto parlavamo di Freerider, sapevamo entrambi che per lui significava raggiungere il suo obiettivo più ambito. Ma si era sempre mostrato titubante. Ci sono alcuni punti su cui non si sentiva sicuro, e troppe persone si aspettavano che la affrontasse. Lui invece voleva farlo per se stesso, non per le aspettative altrui.

L’argomento è rimasto latente per anni. Poi l’estate scorsa, durante un nostro viaggio in Marocco, Alex mi ha detto che era pronto a provarci. Ho chiuso gli occhi, fatto un respiro profondo, e gli ho chiesto come potevo dargli una mano. Lui, con la sua solita nonchalance, ha risposto: "Voglio solo vedere se posso lavorarla fino al punto di sentirmi sicuro". Durante il viaggio sembrava spinto da un desiderio profondo che non avevo mai visto in lui. Abbiamo arrampicato così tanto che le dita dei miei piedi sono rimasti insensibili per un mese.

Dopo il Marocco, io sono tornato in Colorado e Alex nello Yosemite per continuare la sua preparazione. Mi sentivo tranquillo per quanto riguardava tutta la faccenda. E poi una notte lo scorso ottobre ho avuto un incubo terribile. Alex che si presentava alla mia porta con gambe e braccia a pezzi. E stava lì a sanguinare sul pavimento e a dirmi che era caduto e troppo imbarazzato per chiamare l’ospedale. Mi sono svegliato senza fiato. Il giorno dopo squilla il telefono. Era Alex che chiamava per dirmi che era caduto facendo un giro di prova su Freerider e si era preso una brutta storta alla caviglia. In quel momento tutto è diventato reale.

Io e mia moglie abbiamo caricato i bambini nel nostro furgone e in 20 ore siamo arrivati allo Yosemite. La caviglia di Alex era così gonfia che sporgeva dal bordo della scarpa. Riusciva a malapena a camminare, ma era comunque convinto di voler fare un tentativo su Freerider. "Continuerò ad allenarmi al trave e a scalare su roba facile finché non guarisce. Forse ce la posso fare prima della fine della stagione". A quel punto non volevo più che ci provasse, mi sembrava troppo.

Un mese dopo, a metà novembre, ha fatto lo stesso un tentativo. Io ero ripartito, non volevo assistere. Mi sono sentito sollevato quando mi hanno detto che ha fatto solo qualche decina di metri prima di rinunciare perché non se la sentiva. (È tornato a terra usando una serie di corde fisse).

Sette mesi dopo, Alex progettava di riprovarci. Sono arrivato allo Yosemite la settimana del Memorial Day [29 maggio N.d.T] e abbiamo fatto un giro su Freerider con la corda. In alto sulla parete, ansimante e sudato con i piedi spalmati su delle scagliette che scricchiolavano al mio passaggio, ho guardato il terreno a 900 metri di distanza e ho cercato di trasferirmi mentalmente nella testa di Alex. Come mi sentirei se fossi senza corda? Onestamente, sapendo che presto avrebbe probabilmente portato a termine l’impresa più importante nella storia del free solo, non riesco a immaginarlo.

Qualche giorno dopo (sabato scorso) Alex ha liberato la via in tre ore e 56 minuti. Le poche persone che ne erano al corrente non hanno sparso la voce, sapendo che lui non voleva trasformarlo in un circo. Ha raggiunto la vetta dove lo aspettavano alcuni amici, poi mi ha telefonato mentre scendeva sul sentiero. Ero al parco giochi con la mia famiglia, in Colorado. Mi ha detto che si sentiva felice come non lo era mai stato, ed era grato a tutti. "Sei arrivato al momento giusto e mi hai dato una mano. Era quello che mi serviva" mi ha detto. "Dì a tua moglie che la ringrazio per averti concesso qualche giorno libero".

La salita in free solo su El Cap era l'impresa più attesa dalla nostra generazione, ma questo solo perché c'era Alex. Sono in pochi quelli con il potenziale di completare un impresa del genere, e purtroppo alcuni di loro non sono più tra noi. In passato avevo definito l’idea come l’equivalente dello sbarco sulla luna per l’arrampicata in free solo. Oggi, a fatto compiuto, credo che sia la definizione più azzeccata. Un momento decisivo per la nostra generazione.

Parlando di controllo mentale, sono convinto che questa sia una delle vette più alte raggiunte nella storia dello sport. Spero che altri vengano inspirati dalle dedizione di Alex per l’eccellenza e l’abilità di vivere senza paure, ma meno dalla sua inclinazione nel prendersi dei rischi. Nel nostro mondo abbiamo già avuto troppe perdite. Parlando di talento, preparazione e padronanza nella scalata, Alex spicca tra tutti. Ha portato un elemento di saggezza in questo tipo di scalata come nessun altro avrebbe potuto fare, e probabilmente non farà mai.

di Tommy Caldwell
traduzione di Agnese Blasetti

Tommy Caldwell oltre ad essere grande amico e compagno di cordata di Honnold in salite che hanno fatto la storia dell'alpinismo come la traversata del Fitz Roy in Patagona, è l'autore tra le altre della Dawn Wall (la big wall più difficile al mondo, su El Capitan) ed è sicuramente tra gli arrampicatori e alpinisti più forti e autorevoli, non solo della attuale generazione.


L'articolo originale è stato pubblicato da Outside Online il 5 giungo 2017: Why Alex Honnold’s Free Solo of El Cap Scared Me

So stoked to realize a life dream today :) @jimmy_chin photo

A post shared by Alex Honnold (@alexhonnold) on

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
05.06.2017
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
Arrampicata oltre il limite: una riflessione sulla portata della recente free solo della via Freerider su El Capitan (Yosemite) da parte di Alex Honnold.
Alex Honnold sale in arrampicata free solo Freerider su El Capitan, Yosemite
04.06.2017
Alex Honnold sale in arrampicata free solo Freerider su El Capitan, Yosemite
Il climber statunitense Alex Honnold ha salito in arrampicata solitaria e senza corda la via Freerider su El Capitan, Yosemite, diventando il primo a salire una big wall su El Capitan senza corda.
Alex Honnold: il primo video della free solo di Freerider su El Capitan
06.06.2017
Alex Honnold: il primo video della free solo di Freerider su El Capitan
Il primo video della free solo di Freerider su El Capitan, Yosemite, effettuata lo scorso 3 giugno dal climber statunitense Alex Honnold.
Alex Honnold in speed solo su Bear’s Reach: intervistato dopo il tributo a Dan Osman
01.01.2017
Alex Honnold in speed solo su Bear’s Reach: intervistato dopo il tributo a Dan Osman
Il climber statunitense Alex Honnold parla con planetmountain.com della sua recente "rievocazione" della famosa salita in free solo di Dan Osman sulla via d'arrampicata 'Bear’s Reach' a Lover's Leap, California, USA.
Intervista a Haley e Honnold dopo la Traversata in giornata del Cerro Torre (Patagonia)
03.02.2016
Intervista a Haley e Honnold dopo la Traversata in giornata del Cerro Torre (Patagonia)
L'intervista a Colin Haley e Alex Honnold che domenica 31 gennaio 2016 hanno effettuato la prima ripetizione della grande Traversata del Gruppo del Cerro Torre concatenando le cime del Cerro Standhardt, Punta Herron, Torre Egger e Cerro Torre. Gli alpinisti statunitensi hanno impiegato soli 20 ore e 40 minuti dal Col Standhardt fino in cima al Cerro Torre, e 32 ore complessivamente per ritornare al campo di partenza. La prima traversata del data 2008 ed era stata compiuta dallo stesso Haley con Rolando Garibotti in 4 giorni.
Alex Honnold e la salita di Heaven in Yosemite
21.10.2014
Alex Honnold e la salita di Heaven in Yosemite
Il video di Alex Honnold con la sua salita senza corda della via d'arrampicata Heaven a Yosemite, USA.
Tommy Caldwell e Alex Honnold: l'intervista dopo la grande Traversata del Fitz Roy, in Patagonia
24.02.2014
Tommy Caldwell e Alex Honnold: l'intervista dopo la grande Traversata del Fitz Roy, in Patagonia
L'intervista agli statunitensi Tommy Caldwell e Alex Honnold che dal 12 al 16 febbraio 2014 hanno effettuato la prima ambita traversata di tutte le creste maggiori nel massiccio del Fitz Roy, Patagonia.
Alex Honnold e l'intervista dopo El Sendero Luminoso
21.01.2014
Alex Honnold e l'intervista dopo El Sendero Luminoso
Intervista allo statunitense Alex Honnold che il 14 gennaio ha salito senza corda la via El Sendero Luminoso (7b+, 500m) sulla cima El Toro, Potrero Chico, Messico.
Alex Honnold e la solitaria alla Triple Crown di Yosemite, intervista
12.06.2012
Alex Honnold e la solitaria alla Triple Crown di Yosemite, intervista
Intervista al climber statunitense Alex Honnold dopo la sua grande e velocissima solitaria sulla Yosemite Triple a Yosemite.
Alex Honnold, l'intervista dopo Heaven e Cosmis Debris free solo in Yosemite
04.10.2011
Alex Honnold, l'intervista dopo Heaven e Cosmis Debris free solo in Yosemite
Intervista al climber statunitense Alex Honnold, dopo le sue recenti free solo di Heaven, Alien e Cosmic Debris in Yosemite, USA
The Phoenix in solitaria - intervista ad Alex Honnold e una riflessione di Ray Jardine
20.06.2011
The Phoenix in solitaria - intervista ad Alex Honnold e una riflessione di Ray Jardine
Intervista con i climber statuitensi Alex Honnold e Ray Jardine dopo la salita senza corda da parte di Honnold su The Phoenix (5.13a) nella Yosemite Valley, USA
Alex Honnold, arrampicata di passione
29.01.2009
Alex Honnold, arrampicata di passione
Intervista ad Alex Honnold, il climber americano che ha fatto parlare di sé per le sue audaci salite senza corda negli States e le salite estreme sul gristone britannico.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria