Home page Planetmountain.com

World Cup difficulty: a Puurs vincono Puigblanque e Eiter. Crespi è secondo

di

L'1/05 a Puurs (BEL) la seconda tappa della Coppa del Mondo Difficoltà è stata vinta da Ramón Julián Puigblanque e Angela Eiter. Flavio Crespi è 2°, Luca Zardini 8°.

Puurs, Belgio, secondo turno della Coppa del Mondo Difficoltà. O, meglio, seconda tappa “Leads” come da quest’anno viene chiamata la specialità più antica dell’arrampicata con il pettorale. Leads significa da primo, al comando. E allora iniziamo proprio da chi comanda, da chi è partito con il piglio dello sprinter. Partiamo, insomma, dall’assoluta novità (ma non casualità) di un italiano, Flavio Crespi, da solo al comando della classifica generale della World Cup. Mentre in campo femminile, infatti, continua quella che sembra proprio una dittatura targata Angela Eiter, che è partita in questo scorcio di 2005 con un "due vittorie su due gare" che non ammette nessuna replica. Il cuore della corsa, quello più interessante, coinvolgente, ma anche più intrigante e con il sapore della scommessa, è senza dubbio tutto nella gara maschile, dove invece le dittature (quelle di Chabot e Mrazek) sembrano scricchiolare (paurosamente?).

Crespi in Belgio ha ribadito la partenza al fulmicotone del primo posto di Veliko con una seconda piazza, conquistata dietro a Ramón Julián Puigblanque, che la dice lunga sulle sue intenzioni, ma soprattutto sulle sue possibilità. Tanto più se si considera che sul terzo gradino podio è salito un Alexandre Chabot, che dopo la disastrosa prova d’inizio circuito (29°) ha risalito ben 26 posizioni. Segno che roi Alex non era poi molto assente in Belgio, e che nonostante ciò Crespi gli è stato comunque davanti. Significa che stanno cambiando i valori i campo? E’ presto per dirlo, il circuito del Leads (già “difficoltà) è una maratona in 10 tappe... Ma questa partenza può già dire molto. Dice della sofferenza di un Mrazek che stenta a ritrovarsi e che, dopo il 9° posto di Veliko, in Belgio non va oltre l’ottava posizione, l’ultima della finale. Dice di un Usobiaga che nella seconda tappa è 10°, e fuori dall’ultimo turno. Come mostra un impagabile Luca Zardini - questa volta aggiungete voi il superlativo più adatto - che a 32 anni si prende il giusto premio per la sua classe centrando la seconda finale consecutiva, e un 7° posto che (sommato al 5° di Veliko) gli frutta il 5° posto in classifica generale.

Insomma, questa partenza di Coppa maschile può essere letta in molti modi. Considerando, ad esempio, la difficoltà delle vie che risulta dai (soli) 5 top della gara. Peraltro raggiunti tutti in qualificazione, ad opera di Puigblanque, Lachat, Verhoeven, Mrazek e Usobiaga. Oppure mettendo l’accento sui volti nuovi come il giovanissimo olandese Verhoeven (6° a Puurs) o sul ritrovato svizzero Lachat (4°). Ma il tutto non può prescindere da Flavio Crespi. E’ lui l’uomo da battere, l’ha dimostrato in anche a Puurs dove, a una qualificazione senza top, e a un secondo turno dalla classifica incerta e ultracompressa (tutti i finalisti stavano nel giro di 4 prese), ha fatto seguire una finale dove è stato dietro solo ad un grande Puigblanque (lancio mancato al top). Segno che oltre alla forma il varesino c’è anche psicologicamente, e soprattutto che ci crede. E questa è la cosa più importante, quella che ci fa scommettere in (incrociamo le dita) un suo grande circuito mondiale 2005.

Chi per ora non ha assolutamente problemi e dubbi è Angela Eiter che fa sua la gara con tre top su tre vie. Anche se va detto che l’austriaca ha vinto in semifinale, dove è stata l’unica a trovare la catena. Sì perché nell’ultimo turno al top è stata seguita da quell’autentico fenomeno di Sandrine Levet, l’unica atleta del circuito a poter vincere sia nel boulder sia in leads. Tanto più se si pensa che a Puurs è stata davanti ad autentiche specialiste come la Maja Vidmar (3a), Caroline Ciavaldini (4a) e, soprattutto, a Muriel Sarkany solo 5a e in chiaro ritardo rispetto al suo standard abituale. Come del resto Jenny Lavarda persasi in Belgio in zone della classifica (33a posizione) per lei assolutamente non veritiere. Come sicuramente migliorabili sono le posizioni degli altri azzurri presenti a Puurs: Brenna 22°, Droetto 24°, Giupponi 37° e Gambaro 42°.

Resta da dire, per avere un’idea d’insieme, della classifica a squadre maschile che vede al comando l’Italia con 290 punti, seguita da Spagna (233) e Svizzera (174). Al quarto posto la Francia a 137 punti, e questa è l’assoluta novità di tutta la storia... I transalpini continueranno a restere così in basso? Probabilmente no, visto che in classifica femminile la Francia comanda con 417 punti davanti a Slovenia (354) e Italia (330). La situazione e fluida, insomma. Ma intanto noi abbiamo Flavi Crespi al comando e, visti i risultati della squadra, non è solo!

Per pensarci e ripensarci c’è tempo: la prossima puntata va in onda il 27-28 maggio da Imst, Austria.


Classifica maschile - Puurs (BEL)
1 Puigblanque Ramón Julián ESP
2 Crespi Flavio ITA
3 Chabot Alexandre FRA
4 Lachat Cédric SUI
5 Vinokur Vadim USA
6 Verhoeven Jorg NED
7 Zardini Luca ITA
8 Mrázek Tomás CZE
9 Bindhammer Christian GER
10 Usobiaga Patxi ESP
11 Preußler Timo GER
12 Ovtchinnikov Evgueni RUS
13 Sapey Anthony SUI
14 Fuselier Mickael FRA
15 Desgranges Romain FRA
16 Sova Matej SLO
17 Dugit Fabien FRA
18 Winkler Daniel SUI
19 Legrand Yannick FRA
20 Becan Klemen SLO
21 Favresse Olivier BEL
22 Brenna Cristian ITA
23 Ten Sijthoff Casper NED
24 Droetto Fabrizio ITA
25 Magin Philipp GER
26 Valjavec Tomaz SLO
27 Ito Hidekazu JPN
28 Schmid Thomas SUI
29 Hirayama Yuji JPN
29 Sommer Remo SUI
31 Repcik Juraj SVK
32 Guerimand Flavien FRA
33 Bindhammer Andreas GER
33 Tak Timo NED
35 Marin Garcia Eduard ESP
36 Mottart Didier BEL
37 Giupponi Luca ITA
38 Timmermans Michael BEL
39 De Girolamo Vincent FRA
39 Millet Sylvain FRA
39 Reis Jürgen AUT
42 Gambaro Matteo ITA
43 Libot Wanne BEL
44 Thomas Jonathan BEL
45 Materne Florian BEL

Classifica femminile - Puurs (BEL)
1 Eiter Angela AUT
2 Levet Sandrine FRA
3 Vidmar Maja SLO
4 Ciavaldini Caroline FRA
5 Sarkany Muriel BEL
6 Gros Natalija SLO
7 Franko Lucjia SLO
8 Giroux Elodie FRA
9 Kobayashi Yuka JPN
10 Bacher Barbara AUT
11 Eyer Alexandra SUI
12 Januel Caroline FRA
13 Graftiaux Chloé BEL
14 Zjilstra Vera NED
15 Chevrier Anne-Laure FRA
16 Graftiaux Alix BEL
17 Cufar Martina SLO
Minoret Chloé FRA
19 Stendal Linn Karin NOR
20 Piola Anouk SUI
21 Ruh Nadine GER
22 Markovic Mina SLO
23 Caprez Nina SUI
24 Harnisch Martina AUT
25 Guggisberg Annina SUI
26 Raffetseder Gerda AUT
27 Louis Stéphanie SUI
Saurwein Katharina AUT
29 Steenackers Katie BEL
30 Nilwik Rachel NED
Zijlstra Evelien NED
32 Anthoni Kim BEL
33 Lavarda Jenny ITA
34 Brumagne Mathilde BEL
Flavio Crespi

World Cup Leads 2005

seconda prova

Puurs (BEL)
29 Aprile - 1 maggio

Angela Eiter
Ramón Julián  Puigblanque
Nelle foto dall'alto:
Flavio Crespi; Angela Eiter e Ramón Julián Puigblanque (World Cup )
ph www.worldcuppuurs.com


worldcuppuurs.com
archivio news Flavio Crespi

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni