Home page Planetmountain.com

World Cup Difficoltà, Aprica, portfolio e risultati

di

28/09 l'austriaca Angela Eiter e lo spagnolo Julian Ramón Puigblanque hanno vinto, all'Aprica (SO), la 5a tappa della World Cup Difficoltà.

Nello sport non si dovrebbe mai dare nulla per scontato. Lo si faceva da troppo tempo per la Difficoltà, tanto che si faticava un po' a trovar entusiasmo per gare sempre più prigioniere di un monotono, quanto inevitabile, finale sempre uguale a sé stesso. Sempre con gli stessi vincitori: Alexandre Chabot, asso pigliatutto tra gli uomini, e, anche se con meno ineluttabilità, Muriel Sarkany, regina tra le donne. Ma il 2003 ha, lentamente, scardinato quello che sembrava un copione immutabile e... fatale fino all'Aprica. Infatti, la 5a tappa della World Cup Difficoltà ha visto Angela Eiter e Julian Ramón Puigblanque conquistare un primo posto che sa di novità, una bella novità, peraltro già annunciata da tanti, inesorabili, piccoli segnali. Ma insieme a questa vitalità, un altro piano di lettura, più particolare e... "nazionale", fa saltare agli occhi un’altra verità, questa volta sconfortante: nessun atleta italiano è entrato in finale. E anche questo ci sembra un risultato da lungo tempo annunciato e non legato alla casualità. Nel lungo periodo, i risultati, come gli atleti, come i campioni sono una storia, un divenire, che si costruisce gara per gara e non sono mai frutto del caso. Ma torniamo all'Aprica, cercando di fare il punto, a 4 tappe dal termine, sulla Coppa del Mondo e sulle sue “novità”.

Angela Eiter, dunque, minuta austriaca classe 1986, esplosa una settimana fa al Rock Master con una strepitosa vittoria priva di penalità, si è ripetuta sull'enorme soffitto dell'Aprica con un en plain che va al di là di uno stato di forma eccezionale. I "tutti top" dell'austriaca (ingigantiti dall'unica catena in finale) portano il segno della classe, quella vera, che parla con lo stile di arrampicata, impeccabile e deciso, di una giovanissima e sicura campionessa. Puntare tutto sul futuro di questa 17enne, insomma, non sembra così azzardato come poteva sembrare pochi giorni fa. L’abbiamo già detto, lo dicono tutti: è nata una stella. Ma, è bene ricordarlo: la Coppa del Mondo è un circuito mondiale, non una gara singola. Così, sia chiaro da subito che la Eiter - partendo dall’11° posto della classifica generale di Coppa - non può impensierire Muriel Sarkany che, è vero, è arrivata “solo” terza all’Aprica, ma è ancora bene in sella per la vittoria finale del Trofeo. Per Muriel è stato importante aver tenuto dietro la francese Chloé Minoret (quarta all’Aprica) che, a sua volta, ora è pressata dalla sempre più onnipresente Sandrine Levet, splendida seconda in quest’occasione. Insomma, in Coppa si corre a tappe e nel tragitto nascono – per fortuna – nuovi eroi, ma quello che più conta è la resistenza al vertice e sbagliare il meno possibile. Perciò dispiace ancora di più il passo falso di Jenny Lavarda che la fa scivolare via dal quarto posto in classifica generale... D’altra parte Jenny, da anni ormai, è troppo sola nel difendere le nostre chance mondiali, e questo non l’aiuta, e non l’ha aiutata per nulla, nel trovare la tranquillità di cui più di altri sembra aver bisogno. Chi non ha problemi di quantità, invece, è la nazionale francese che, per la serie “saranno famosi”, presenta Caroline Ciavaldini; un bel 5° posto il suo, davanti nell'ordine alle altre finaliste: la svizzera Alexandra Eyer, l’austriaca Barbara Bacher e la tedesca Damaris Knorr. Resta da dire di altri passi falsi, come quello della slovena Martina Cufar (11a), dell’austriaca Bettina Schöpf (12a) e della francese, vincitrice all’Aprica nel 2002, Emilie Pouget (16a), ma appunto le loro nazionali hanno anche altre cartucce da sparare...

Continuando a ragionare con i numeri, la potenza di squadra è ben evidente nella classifica maschile: nei primi 4 posti troviamo 3 francesi, che diventano 4 nei primi 8 e 6 (il 50%) nei primi 12 classificati. Non è una novità, certo! Ma ci si è domandati come mai i nostri cugini sono così forti, sarà mica anche per una diversa organizzazione? Comunque la finale ha visto il “peso piuma” spagnolo, il velocissimo Julian Puigblanque Ramón alias Ramonet, conquistare più metri di soffitto di Alexandre Chabot che ha dovuto accontentarsi - per la prima volta nella Coppa 2003 e per la seconda volta considerando anche la Coppa 2002 – del secondo posto... Quasi un avvenimento! Ora i due sono divisi in classifica generale da 112 punti, a favore di Chabot. Per la matematica, con quattro gare da giocare, tutto è ancora possibile. Ma è inutile nascondersi che molto dipenderà da Alexandre. Il francese è sempre il solito: anche qui all’Aprica, è stato l’unico a raggiungere il top della semifinale. Chi può fare la differenza, quindi, sono solo i suoi avversari che, e qui sta la novità, mai come quest’anno hanno dimostrato di aver colmato il gap che li divideva dall’asso pigliatutto. Staremo a vedere. Intanto, vista la defezione di Tomás Mrazek (all’Aprica solo 25°), i francesi piazzano la vecchia conoscenza François Auclair e la “novità” (un'altra!) Mickael Fuselier rispettivamente al 3° e 4° posto di tappa, mentre Gérome Pouvreau è 8°. In mezzo trovano spazio Yevgen Krivocheicev con un bel 5° posto (da incorniciare), Iouri Douloub (6°) e Patxi Usobiaga (7°). Primo degli italiani è Flavio Crespi, 13°, mentre gli altri due semifinalisti, Dino Lagni e Alberto Gnerro, sono l’uno 16° e l’altro 21°. Degli altri, Luca Zardini è 28°, Roberto Colonetti 29° e Christian Sordo 30°. A prescindere dal valore e dall’impegno indiscusso di questi vecchi e nuovi gladiatori azzurri, e senza ripetere che tutti stanno aspettando dalla FASI la risposta decisiva sull’esclusione di Cristian Brenna (davvero una faccenda che più il tempo passa e più rasenta il ridicolo), la domanda è: si tratta di un episodio, di casualità o c’è qualcosa che non va? Un risultato non è mai frutto del caso dicevamo all’inizio, e alcuni numeri che abbiamo dato ci sembra lo confermino, o quantomeno fanno meditare... Per il seguito non resta che attendere la prossima puntata.


CLASSIFICA MASCHILE 5a tappa - APRICA

      Qual. Semif. Finali
1
J. Puigblanque Ramón ESP
47.00
44.00 57.90
2
Chabot Alexandre FRA
46.00 top
51.00 top 54.90
3
Auclair François FRA
46.00 top
44.00 51.90
4
Fuselier Mickael FRA
46.00 top
45.10 50.00
5
Krivocheicev Yevgen UKR
47.00
44.90 47.00
6
Douloub Iouri RUS
46.00 top
43.90 45.90
7
Lisobiaga Patxi ESP 47.00 44.00 45.00
8
Pouvreau Gérome FRA 47.00 45.00 33.00


CLASSIFICA FEMMINILE 5a tappa - APRICA

      Qual. Semif. Finali
1
Eiter Angela AUT 40.00 64.00 top top
2
Levet Sandrine FRA 40.00 64.00 top 76.90
3
Sarkany Muriel BEL 40.00 64.00 top 75.00
4
Minoret Chloé FRA 40.00 63.90 60.10
5
Ciavaldini Caroline FRA 40.00 64.00 58.00
6
Eyer Alexandra SUI 40.00 62.00 57.00
7
Bacher Barbara AUT 40.00 64.00 top 56.90
8
Knorr Damaris GER 40.00 61.90 55.00


Portfolio Claudio Piscina
Competizioni all
Portfolio C. Piscina
Julian Ramón Puigblanque
(ph Planetmountain.com)

World Cup Difficulty
5a tappa Aprica 2003


Aprica (SO)
3 - 4 Ottobre 2003



Angela Eiter (ph Planetmountain.com)

Alexandre Chabot (ph Planetmountain.com)

Sandrine Levet (ph Planetmountain.com)

Muriel Sarkany (ph Planetmountain.com)

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni