Home page Planetmountain.com
Roger Schäli sul tiro chiave, gradadto 8a+, di Odyssee, la via aperta sulla parete nord dell'Eiger, insieme a Robert Jasper e Simon Gietl
Fotografia di Frank Kretschmann / http://www.funst.de
Simon Gietl, Roger Schaeli e Robert Jasper in cima alla loro Odyssee (8a+, 1400m) sulla parete nord dell'Eiger il 11/08/2015
Fotografia di Frank Kretschmann / http://www.funst.de
La parete nord dell'Eiger. Giallo: Odyssee. Blu: Harlin Direttissima. Grigio: Direttissima dei Giapponesi. Rosso: Piola - Ghilini Direttissima
Fotografia di Frank Kretschmann / http://www.funst.de
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Odyssee, la via più difficile sulla nord dell'Eiger aperta e liberata da Roger Schaeli, Robert Jasper e Simon Gietl

di

Un trio internazionale composto da Roger Schäli (Svizzera), Robert Jasper (Germania) e Simon Gietl (Italia) ha aperto e liberato Odyssee (8a+, 1400m), una impegnativa via d’arrampicata che forse si attesta come la più difficile della parete nord dell' Eiger in Svizzera.

Una delle pareti più famose delle Alpi, la fredda ed inospitale nord dell'Eiger, si è arricchita quest’estate di una difficile nuova via grazie agli alpinisti Roger Schäli, Robert Jasper e Simon Gietl che a fine agosto sono riusciti a completare e liberare Odyssee.

La nuova via prende una linea sulla "parte più erta ed impegnativa" della mitica nord, ovvero la ‘Rote Fluh’ e il ‘Pilastro dei Cechi’, a destra della classica via Heckmair del 1938. La linea di Odyssee è stata notata da Schäli e Jasper nel 2009 dopo la loro prima libera della Direttissima dei Giapponesi, e anche se nelle estati successive i due hanno concentrato i loro sforzi nel liberare altre vie esistenti (per esempio la Direttissima John Harlin con uscita diretta nel 2010 e la Piola - Ghilini Direttissima nel 2013), hanno comunque trovato il tempo per iniziare quella che si sarebbe poi rivelata essere una vera e propria odissea personale.

Dopo aver seguito la prima parte della via Heckmair per raggiungere il famoso Stollenloch, Schäli e Jasper hanno iniziato la nuova linea, piuttosto diretta, che incrocia in più punti le vie La Vida es Silbar (7c, 900m, Daniel Anker, Stephan Siegrist, 1999) e Paciencia (8a, Stephan Siegrist, Ueli Steck). Tra il 2009 e il 2013 Schäli e Jasper hanno esplorato questo terreno dal basso, passando "calcare sorprendentemente compatto e buono" ed utilizzando un mix di protezioni trad, chiodi e spit per proteggere la via. Ma anche se i due avevano già superato difficoltà fino all' 8a+, ed alcuni tratti piuttosto esposti, la loro progressione verso l’alto era lenta, spesso bloccata da freddo e meteo terribili. Avevano aperto soltanto 2/3 della via e il viaggio verso l'alto stava diventando molto più lungo e tortuoso del previsto.

L’estate 2015 si è rivelata la stagione di svolta grazie all'aggiunta di due elementi chiave: il tempo stabile e il giovane altoatesino Simon Gietl. Infatti, mentre tutto l'arco alpino stava quasi soffocando in quella che è stata definita l'estate più calda ed asciutta degli ultimi 150 anni, Schäli e Jasper sono stati raggiunti da Gietl che con il suo solito entusiasmo ha aiutato i due a completare la via.

"Simon è stato come una boccata d'aria fresca per noi", ha spiegato Jasper "siamo diventati un team forte e veloce. Insieme abbiamo aperto e liberato dei nuovi tiri. Per quasi due mesi abbiamo vissuto all'ombra della fredda parete nord, prendendo tutte le possibilità che ci sono state date." Il team è riuscito a liberare tutti i tiri singolarmente, arrivando in cima alla via a circa 3700m l’11 agosto 2015. "E 'stato un momento indescrivibile quando abbiamo raggiunto la cima in mezzo alla nebbia ed il buio" racconta Schäli. "La nostra salita, la nostra odissea attraverso questa parete enorme anche per noi, era finalmente giunta ad una buon fine!"

Gradata 8a+, Odyssee è ora la via di roccia più difficile della parete nord dell’Eiger, un mezzo grado più difficile di Paciencia, aperta da Stephan Siegrist e Ueli Steck nel 2003, liberata da Steck nel 2008 e, per la cronaca, ripetuta quest’estate da Roger Schäli e Mich Kemeter e anche dagli scozzesi Robbie Phillips e Willis Morris. Per quanto riguarda Odyssee, attendendo la valutazione dei primi ripetitori, manca ovviamente la prima libera in un’unica spinta dal basso. Ma questa sarà un altro capitolo che si aggiungerà a questa epica parete.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra