Home page Planetmountain.com
Charles Albert arrampica scalzo a Fontainebleau in Francia
Fotografia di Neil Hart
Charles Albert arrampica scalzo su L'alchimist a Fontainebleau in Francia
Fotografia di Neil Hart
Charles Albert arrampica scalzo a Fontainebleau in Francia
Fotografia di Neil Hart
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Charles Albert e il boulder a piedi nudi a Fontainebleau

di

Intervista al climber francese Charles Albert che a Fontainebleau ha arrampicato fino all' 8C boulder a piedi nudi.

Il boulderista francese Charles Albert ha recentemente attirato l'attenzione per le sue ripetizioni di alcuni dei più difficili boulder a Fontainebleau, in Francia. Tra questi c’è anche l'8C di La valse aux adieux prolongée e, proprio l'altro giorno, Le Pied à Coulisse 8C a Rocher Gréau. Ciò che colpisce non è tanto la velocità con cui il 18enne climber a tempo pieno ha ripetuto questi massi (vale la pena ricordare che attualmente il massimo nel boulder si attesta attorno al 8C+), ma che l'ha fatto scalzo, scegliendo di salire senza scarpette d'arrampicata, mettendosi del gesso sulle punte dei piedi per trovare l'aderenza perfetta. Mentre l'arrampicata a piedi nudi non è certo una novità, Albert ha senza ombra di dubbio portato questo gioco ad un livello completamente nuovo. E forse sta anche adocchiando nuovi orizzonti, visto che evidentemente va molto meglio a piedi nudi che con le scarpette (per la cronaca, con le scarpette ha fatto “solo” l’ 8A boulder). Anche per noi, quindi, è arrivato il momento di conoscere Charles Albert, soprannominato Mowgli per il suo amore per quella magica “Foret” alle porte di Parigi e i suoi meravigliosi sassi d'arenaria.

Charles, cominciamo con Fontainebleau e il tuo rapporto con questa foresta. È un luogo magico, presumibilmente però non solo per l'arrampicata, giusto?

La foresta di Fontainebleau è probabilmente l'unico grande posto vicino a casa mia dove posso essere da solo e dove nessuno mi dice cosa devo fare. È qui che trovo la mia libertà. Mi piace la foresta soprattutto per questo motivo.

Sei diventato famoso adesso, dopo aver ripetuto l'8C boulder a piedi nudi. Per molti questo sembra del tutto incredibile... anche per te? Insomma, ti ha sorpreso?
Beh, avevo già fatto diversi 8B e 8B+ a piedi nudi, quindi riuscire a salire un 8C non mi ha sorpreso, no.


La valse aux adieux prolongée (8C) piedi nudi

Facciamo un passo indietro: come mai hai iniziato ad arrampicare a piedi nudi? E quali sono state le prime sensazioni?
Ho fatto il mio primo boulder di 8A con le scarpette, in quel momento arrampicavo sempre con le stesse persone, ma mentre crescevo sono anche diventato più forte e ho cercato nuove sfide, come saltare le prese, o appunto arrampicare scalzo per rendere i boulder ancora più interessanti. La prima cosa che ho notato quando ho scalato a piedi nudi è ovvia: perdi enormemente la forza che hai nei piedi, e devi compensare con le braccia e le dita. Solitamente questo significa che non riesci a fare un movimento nella stessa maniera nella quale lo fai con le scarpette, quindi sei costretto a fare il boulder in modo diverso.

Eppure hai perseverato. Perché? Quali sono i vantaggi di arrampicare scalzo?
Arrampicare a piedi nudi è più economico, più naturale, più istintivo. Ma anche più complicato. Rovina la pelle dei piedi, ma questo è anche figo perché rende l'arrampicata più interessante, ci ricorda che il nostro corpo ha un limite. Lo stesso vale anche per il freddo: i miei piedi diventano insensibili, e questo può essere un grosso problema.

Cosa ci dici delle tecniche di arrampicata?
I ganci con le dita dei piedi, e i tallonaggi, sono più difficili da scalzi perché non puoi semplicemente mettere il piede e tirare come un drago, è troppo doloroso e potresti anche farti del male. Detto questo però, ritengo che alcuni boulder siano più facili a piedi nudi perché puoi infilare le dita dei piedi in fessure e buchi.

Ci sono altri svantaggi?
L'unico svantaggio è che la federazione francese non consente di fare le gare d'arrampicata a piedi nudi!

Ma arrampichi mai anche con le scarpette?
A volte, quando esco di Fontainebleau, perché alcuni tipi di roccia sono troppo dolorosi.


L'abbé résina (7C) occhi bendati

Ultima domanda Charles: oltre ad arrampicare a piedi nudi, abbiamo visto che hai salito un 7C boulder con gli occhi bendati... E spesso arrampichi non con una montagna di crashpad posizionati a tappeto, ma soltanto uno, niente di più …
I crashpad sono pesanti e tolgono la maggior parte del pericolo. A me piace invece arrampicare con la paura di una caduta, e quindi soltanto quando è davvero necessario uso un crashpad. L'arrampicata non è soltanto un numero seguito da una lettera. Puoi fare quello che vuoi, come per esempio arrampicare con gli occhi bendati, a piedi nudi, arrampicare in giù invece che su... Cercate la fluidità nei vostri movimenti. Lì fuori ci sono moltissime sfide, tante quante potete immaginare.


Ouroboros (8B) piedi nudi

Link: Facebook Charles Albert

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni