Home page Planetmountain.com
Durante l'apertura di Spitcoin al Sergent in Valle dell'Orco (Fabio Ventre, Lucas Nyssens 18/07/2017)
Fotografia di Fabio Ventre
Il Monte Bessun, Valle dell'Orco
Fotografia di Fabio Ventre
Durante le prime salite delle vie Thunder e Water sul Monte Bessun, Valle dell'Orco (Fabio Ventre, Lucas Nyssens, Baptiste Verdin, François Questiaux 07/2017)
Fotografia di Fabio Ventre
Fabio Ventre, Lucas Nyssens, Baptiste Verdin e François Questiaux dopo le prime salite delle vie Thunder e Water sul Monte Bessun, Valle dell'Orco (07/2017)
Fotografia di Fabio Ventre

Valle dell'Orco, tre nuove vie d'arrampicata

di

Il racconto di Fabio Ventre che quest'estate, insieme ai belgi Lucas Nyssens, Baptiste Verdin e François Questiaux, ha aperto tre nuove vie d'arrampicata in Valle Orco: Spitcoin al Sergent e le vie Water e Thunder sul versante orchiano del Monte Bessun.

Settembre 2016: Era uno di quei giorni di fine estate in cui, archiviati i progetti estivi, ci si dovrebbe riposare, uno di quei giorni in cui si vuole stare serenamente da soli in montagna. Vista la bella giornata decisi di andare a camminare in Valle Orco alla Bocchetta Fioria per vedere la familiare valle da una nuova prospettiva. Arrivato alla bocchetta mi si aprì alla vista un vallone selvaggio pieno di roccia con una parete che spiccava rispetto alle altre, la fotografai accuratamente e la misi nella to-do-list già rassegnato ad andarci tra chissà quanto tempo.

Luglio 2017: Finiti tutti gli esami all’università sono finalmente in vacanza, scopro che in Valle Orco c’è un mio amico belga di nome Lucas Nyssens che studia e vive a Torino ed è a scalare con dei suoi amici venuti in vacanza in Italia. Decidiamo subito di andare ad arrampicare insieme e dopo aver salito alcune belle vie al Sergent, classiche e non (tra cui una nuova via: Spitcoin) decido, senza troppe speranze, di proporgli il mio progetto per il quale non riuscivo a trovare nessuno a causa della lontananza della parete. I belgi avendo poche falesie sono costretti ogni volta a fare grandi spostamenti per scalare, sono quindi abituati a far qualche sacrificio e per fortuna una parete con qualche ora di avvicinamento non li spaventa per niente. In più la possibilità di scalare su roccia vergine, in Belgio praticamente inesistente, li entusiasma non poco.

Scegliamo di salire con le tende e cibo per tre/quattro giorni: uno stile "pesante" ma che ci consentirà di scalare molto! In totale siamo in quattro: io, Lucas e due suoi amici che non conosco, Baptiste e François. Quando ci troviamo per preparare gli zaini scopro che quest’ultimo fa molte gare di trail running e allora per scherzare gli dico: "Perfetto allora diamo tutto il materiale a te!", lui non cogliendo l’ironia prende veramente tutto il materiale da scalata (4 serie di friend, due martelli, una ventina chiodi e molto altro) col risultato che a malapena riesco a sollevare il suo zaino. Partiamo e François arriva alla Bocchetta Fioria circa un’ora prima di noi, che treno!

Da qui l’avvicinamento è tutto da inventare e dopo avere attraversato cespugli di mirtilli alti mezzo metro e risalito un paio di canalini erbosi troviamo un bel posto per le tende alla base della parete. Vista da sotto sembra veramente alta e siamo un po’ intimoriti, cerchiamo di studiare bene le foto fatte ma non capiamo molto, quindi anche se sono già le cinque del pomeriggio scegliamo di iniziare a scalare i primi tiri sullo zoccolo più che altro per tranquillizzarci per l’indomani.

Facciamo due cordate (io con Baptiste e Lucas con François) e attacchiamo due linee diverse, la temperatura è perfetta, io e Baptiste iniziamo in un bel diedro che termina in alto con una larga fessura orizzontale, mi immagino già un bell’incastro di pugno e prendo qualche friend doppio invece quando arrivo su scopro che è un camino, che fregatura! Entriamo dentro per un breve pezzo e sbuchiamo già sulla prima cengia. Fissiamo una corda e scendiamo a terra, nel frattempo l’altra cordata decide di andare con altri due tiri alla seconda cengia lasciando un’altra fissa per l’indomani. Scendiamo alle tende per mangiare e scopro con piacere che sarà difficile patire la fame, la gestione del cibo spettava ai belgi e tra barattoli di nutella, marmellata, biscotti e pasta hanno portato veramente tanta roba!

Il giorno dopo il tempo è molto nuvoloso e prevedono temporali ma siamo troppo motivati per non scalare, in poco tempo risaliamo le fisse e ci ritroviamo a tu per tu con la "headwall" la parte più centrale e ripida della parete, individuiamo due linee e la nostra ci riserva qualche piccola sorpresa quando finisce una fessura e dobbiamo fare un bel traverso in placca col friend abbastanza sotto i piedi.

Riusciamo a salire la parte più ripida e approdiamo ad una cengia da cui parte ancora l’ultimo muro terminale solcato da bellissime fessure, saliamo e all’ultima sosta inizia a piovere, ci manca solo più un tiro quindi spingiamo sull’acceleratore e arriviamo in cima con un bel temporale: e io che volevo godermi il panorama! La pioggia lascia il posto alla grandine e qualche tuono ci suggerisce di sbrigarci, da qui inizia forse la parte più difficile: la discesa tutta da attrezzare a chiodi.

Iniziamo le doppie bagnati fradici, le facili cenge su cui eravamo passati slegati ora devono essere percorse a tiri ma grazie a un ottimo lavoro di squadra fila tutto liscio e dopo qualche ora siamo alle tende stanchi ma felici. Al tramonto fa capolino il sole che non si è visto per tutto il giorno e il giorno dopo il tempo è bello ma noi siamo contenti così e scendiamo a valle soddisfatti e appagati.

In conclusione la via non sarà la più bella o la più difficile ma noi abbiamo vissuto una bella avventura in un vallone sconosciuto e isolato immersi nella natura selvaggia, questo ci è bastato per tornare arricchiti di esperienze umane. Consiglio la lettura di uno dei miei articoli preferiti: "L’ultima avventura" di Gian Piero Motti, che descrive benissimo lo spirito con cui siamo partiti.

di Fabio Ventre


SCHEDA: Spitcoin al Sergent

SCHEDA: Water al Monte Bessun

SCHEDA: Thunder al Monte Bessun

LINK: Vai a tutte le vie in Valle Orco nel database di planetmountain.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Per un pugno di sale, nuova via d'arrampicata in Valle dell'Orco
12.09.2017
Per un pugno di sale, nuova via d'arrampicata in Valle dell'Orco
Il racconto di Umberto Bado che, insieme a Paolo Giacobbe, ha completato 'Per un pugno di sale' (7b / A0, 6b+ max 180 m), una nuova via di arrampicata sulla Parete degli Archi Neri in Valle Orco.
Orcoblocco, epilogo di un golosissimo raduno boulder in Valle dell'Orco
08.09.2017
Orcoblocco, epilogo di un golosissimo raduno boulder in Valle dell'Orco
Andrea Migliano, uno degli organizzatori dell' Orcoblocco, parla del raduno boulder, tenutosi lo scorso weekend, che ha attirato oltre 150 climber ad arrampicare sui massi attorno a Ceresole Reale in Valle dell'Orco.
Gabriele Moroni ripete 29dots, grande boulder highball in Valle dell'Orco
07.09.2017
Gabriele Moroni ripete 29dots, grande boulder highball in Valle dell'Orco
Intervista a Gabriele Moroni che sabato in Val Noasca (Valle dell'Orco) si è aggiudicato la prima ripetizione di 29 dots, l’altissimo boulder highball liberato nel 2015 dal climber austriaco Bernd Zangerl.
I figli della Fessura Kosterlitz: il mito dell'arrampicata in fessura della Valle dell’Orco
26.07.2017
I figli della Fessura Kosterlitz: il mito dell'arrampicata in fessura della Valle dell’Orco
Un mito, un desiderio destinato a rimanere chimera per buona parte degli scalatori: ecco cos'era negli anni '70 e '80 la fessura Kosterlitz in Valle dell'Orco, salita per la prima volta all'inizio degli anni 70 dallo scozzese Mike Kosterlitz. Il premio Nobel per la fisica 2016 sarà ad Arco il 25 agosto 2017 per ricevere il premio Climbing Ambassador by Dryarn® di Aquafil durante gli Arco Rock Legends 2017. Di Maurizio Oviglia.
Via della Rivoluzione al Caporal in Valle dell'Orco: richiodatura e intervista a Ugo Manera
25.05.2017
Via della Rivoluzione al Caporal in Valle dell'Orco: richiodatura e intervista a Ugo Manera
Enrico Bonino presenta la Via della Rivoluzione al Caporal in Valle dell'Orco. Prendendo spunto dalla sua richiodatura del tiro chiave, la guida alpina piemontese intervista Ugo Manera che nel 1973 ha aperto questa grande via d'arrampicata insieme a Gian Piero Motti.
Tempo Tiranno, nuova via d'arrampicata in Valle dell'Orco
26.09.2016
Tempo Tiranno, nuova via d'arrampicata in Valle dell'Orco
In Valle dell'Orco le due guide alpine Marco Appino e Umberto Bado hanno aperto Tempo Tiranno, una nuova via d'arrampicata che unisce il classico ed il moderno di 165m, con difficoltà stimate 7b/A1 max, 6b obbl.
Michele Amadio, l'arrampicata, la Valle dell’Orco e la linea pura
25.03.2016
Michele Amadio, l'arrampicata, la Valle dell’Orco e la linea pura
Intervista al forte e versatile arrampicatore ed alpinista torinese Michele Amadio, classe 1984. Di Maurizio Oviglia.
Valle dell'Orco: breve storia dell'arrampicata boulder
10.09.2015
Valle dell'Orco: breve storia dell'arrampicata boulder
Poco prima dell'Orco Blocco, il raduno bouldering in programma questo weekend a Ceresole Reale, Andrea Migliano presenta una breve storia del arrampicata boulder in Valle dell'Orco.
Valle dell'Orco e l'intervista a Maurizio Oviglia
20.07.2015
Valle dell'Orco e l'intervista a Maurizio Oviglia
Prendendo spunto dalla 70esima via d'arrampicata aperta da Maurizio Oviglia in Valle dell'Orco, Damiano Ceresa intervista il prolifico climber, torinese di nascita e sardo di adozione. Dopo 30 anni di attività di Oviglia in Valle, questa è una buona occasione per fare il punto della situazione tra passato, presente e futuro di questa meravigliosa valle.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra