Home page Planetmountain.com
Pavel Kratochvíl, Róbert Luby e Martin Krasňanský sulla via 'L'or du temps', Grand Capucin, Monte Bianco
Fotografia di Pavel Kratochvíl archive
Pavel Kratochvíl, Róbert Luby e Martin Krasňanský salgono 'L'or du temps', Grand Capucin, Monte Bianco
Fotografia di Pavel Kratochvíl archive
Pavel Kratochvíl, Róbert Luby e Martin Krasňanský festeggiano la prima libera di 'L'or du temps', Grand Capucin, Monte Bianco
Fotografia di Pavel Kratochvíl archive
La linea di L'or du temps, Grand Capucin, Monte Bianco (Nina Caprez, Arnaud Petit estate 2017)
Fotografia di Arnaud Petit, Nina Caprez

L'or du temps sul Grand Capucin, i Slovacchi si aggiudicano la prima libera

di

Il racconto del 16enne slovacco Pavel Kratochvíl che il 27/08/2017 insieme a Róbert Luby e Martin Krasňanský ha effettuato la prima salita in libera di L'or du temps, la nuova via d’arrampicata aperta di recente sul Grand Capucin, Monte Bianco, da Nina Caprez e Arnaud Petit.

In macchina verso le Alpi francesi ero molto eccitato di finalmente visitare finalmente il posto di cui avevo sentito così tante storie: la leggendaria cittadina di Chamonix con le sue enormi guglie di granito, le sue erte e bellissime montagne e, ultimo ma non meno importante, le splendide viste sulle valli glaciali.

Durante l'intero viaggio dalla Slovacchia in Francia (circa 15 ore) abbiamo cercato di scegliere le zone più adatte per i nostri dieci giorni. Tra le varie vie menzionate, Martin Krasňanský ha parlato di L'or du temps. Aperta recentemente da Nina Caprez e Arnaud Petit, questa via ha immediatamente catturato la nostra attenzione tanto che l’abbiamo inserita nella lista di vie da provare se tutto fosse andato bene.

Innanzitutto, eravamo convinti che un buon acclimamento nella falesia di Envers sopra il Rifugio Envers des Aiguilles (2532m) sarebbe stato un buon inizio della nostra avventura a Chamonix. Così con grandi aspettative ci siamo diretti verso la stazione ferroviaria e abbiamo preso il treno per la stazione Mer de Glace. Durante i tre giorni in quella falesia abbiamo salito delle vie facili (6c+, 7a+, 7a+) per essere pronti e per abituarci alla roccia.

Dopo Envers ed un giorno di riposo, abbiamo deciso che avremmo tentato qualcosa di più difficile e abbiamo scelto L'or du temps, dato che la nostra eventuale salita sarebbe stata probabilmente la prima ripetizione. Pur non essendo completamente convinti che fosse una buona idea, a causa della difficoltà della via ma anche del brutto tempo, ci siamo comunque diretti verso il Grand Capucin.

Abbiamo preso la funivia Skyway Monte Bianco sul versante italiano e dopo aver continuato a piedi abbiamo installato il nostro piccolo campo base sotto l'imponente Grand Capucin. Poco dopo un breve snack, a mezzogiorno abbiamo dato un’occhiata alla prima metà della via, fino al tiro chiave. Abbiamo salito a-vista i tiri più facili, ma purtroppo non abbiamo avuto il tempo sufficiente per tentare il tiro di 8a una seconda volta, dopo il fallito tentativo a-vista di Robert e il mio fallito tentativo flash. Martin invece è stato sufficientemente saggio per aspettare condizioni migliori per il suo tentativo flash, e quindi siamo scesi.

Il giorno dopo ci siamo alzati un po’ tardi a causa del maltempo mattutino, e abbiamo cominciato ad arrampicare alle 9:30 circa. Questo ritardo e la grandine sui primi tiri non ci hanno fermato e siamo saliti rapidamente fino al quinto tiro, quello chiave. Lì abbiamo dato il nostro meglio e tutti e tre siamo riusciti a salire il tiro in libera; io da capocordata, Martin poi l’ha salito in stile flash e Robert l’ha salito da secondo.

Con otto tiri sopra le nostre teste sapevamo che la via era tutt’altro che finita. Oltre a lottare su una lunghezza di 6c+ che ha richiesto un secondo tentativo a causa di un appoggio scivoloso, siamo riusciti a salire il resto della via al primo colpo e siamo arrivati ​​in cima al Grand Capucin alle 20.00, poco prima del tramonto. Due ore di calate nel buio ci hanno finalmente portati a terra. Avevamo trascorso ben 13 ore in questa splendida parete, e ne era valsa la pena!

Nel complesso siamo completamente soddisfatti per la nostra scelta e l’impegno perfetto che abbiamo dato. Siamo entrati in contatto con Nina Caprez poco dopo la nostra prima salita in libera e insieme abbiamo concordato che il tiro chiave è da valutare 7c+, mentre il secondo tiro più difficile è 7c.

Vorremmo ringraziare Arnaud e Nina per aver aperto questa straordinaria via che segue una linea diretta sull’erto e grandissimo granito del Grand Capucin. Attendiamo con impazienza altre avventure a Chamonix!

Pavel Kratochvíl


SCHEDA: L'or du temps, Grand Capucin

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
L'or du temps, nuova via al Grand Capucin di Arnaud Petit e Nina Caprez
18.08.2017
L'or du temps, nuova via al Grand Capucin di Arnaud Petit e Nina Caprez
Durante 4 giorni questa estate, Arnaud Petit e Nina Caprez hanno aperto L'or du temps, una nuova via d’arrampicata sulla parete sud del Grand Capucin, Monte Bianco.
Monte Bianco, arrampicare sul più bel granito d'Europa
02.08.2001
Monte Bianco, arrampicare sul più bel granito d'Europa
Roberto Rossi presenta 20 vie lunghe nel massiccio del Monte Bianco, sul Grand Capucin, Trident du Aiguille du Midi, Pyramide du Tacul...
Huber libera Voie Petit sul Grand Capucin
05.08.2005
Huber libera Voie Petit sul Grand Capucin
Il 17 luglio Alexander Huber è riuscito nella prima salita in libera della 'Voie Petit' 8b sul Grand Capucin, Monte Bianco
Caroline Ciavaldini ripete la Voie Petit sul Gran Capucin, Monte Bianco
11.07.2016
Caroline Ciavaldini ripete la Voie Petit sul Gran Capucin, Monte Bianco
La climber francese Caroline Ciavaldini ha ripetuto la Voie Petit (450m, 8b) sul Gran Capucin (3838m), massiccio del Monte Bianco. Aperta nel 1997 da Arnaud Petit, Stephanie Bodet, Pascal Gaudin e Jean-Paul Petit, la via è stata liberata nel 2005 da Alexander Huber.
Vanessa François e il Grand Capucin
14.03.2017
Vanessa François e il Grand Capucin
Il video 'Ensemble au Grand Cap' dell'alpinista disabile Vanessa François e la sua salita del Grand Capucin (Monte Bianco) per la via 'L’écho des alpages'.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock