Home page Planetmountain.com
Stefan Siegrist e Rob Frost di ritorno. La via Yoniverse prende la linea di ghiaccio a destra della cima Cerro Kishtwar.
Fotografia di visualimpact.ch
Stefan Siegrist sul 8 tiro di Yoniverse, Cerro Kishtwar
Fotografia di visualimpact.ch

Cerro Kishtwar: importante prima salita per David Lama, Stefan Siegrist, Denis Burdet e Rob Frost

di

David Lama, Stephan Siegrist, Denis Burdet e Rob Frost hanno salito la parete NO lungo la loro via Yoniverse per raggiungere la cima del Cerro Kishtwar (6155m), Himalaya. Siegrist e Burdet hanno poi concluso l'inviolata White Saphire (6040m).

A fine settembre una spedizione composta da David Lama, Stephan Siegrist, Denis Burdet, il fotografo Rob Frost ed il regista Stefan Schlumpf ha portato a casa due grandissime salite nel Kashmir Himalaya, regione rimasta chiusa per quasi due decenni per motivi politici: la salita del magnifico dente di granito Cerro Kishtwar e la vicina cima da loro nominata White Saphire.

La spedizione ha stabilito campo base avanzato poco sopra i 5000m e Lama, Siegrist, Burdet e Frost sono partiti il 28 settembre ma dopo il Campo 1 sul piano sopra il ghiacciaio hanno dovuto abbandonare questo primo tentativo perchè si sono resi conto che con i haulbag e tutto il materiale sarebbero stati troppo lenti a salire la bellissima colata di ghiaccio, appena scoperta, che portava direttamente sulla cresta sud.

Alle 3 di mattina del 30 settembre sono ripartiti e quel couloir si è rivelato molto più pericoloso del previsto, con ghiaccio poco consistente e con lunghi runouts ma alle 13.15 tutti e quattro hanno raggiunto la cima sud a 6155m. Un ora a godere la splendida vista, la successiva discesa al Campo 1 ed il rientro a Campo Base alle 20.00 del giorno dopo hanno sigillato una salita eccellente. Tutto in stile alpino e ovviamente senza spit.

La via si chiama Yoniverse ed è da considerare la prima salita in assoluta della montagna, visto che i britannici Mick Fowler e Steve Sustad nel settembre 1993 avevano raggiunto la cima nord, toccata anche da Lama, Siegrist, Burdert e Frost, alta però 5 metri in meno rispetto alla cima sud.

Dopo questo successo Stefan Siegrist e Denis Burdet hanno deciso di approfittare del bel tempo per tentare una bella cima avvistata durante l'avvicinamento e indicata in maniera approssimativa sulla carta. Anche questa parete NNO si è rivelata più impegnativa del previsto, ciò nonostante,in puro stile alpino, è stata toccata sia la cima ovest a 6040m che hanno chiamato White Saphire sia la cima est, 60m più bassa.

Commentando sul suo sito, Siegrist ha concluso "L'avventura Kishtwar è stata una della mie più belle spedizioni in assoluto. Tutto ha funzionato alla perfezione. Il team (Denis Burdet, David Lama, Stefan Siegrist, il fotografo Rob Frost, e regista Stefan Schlumpf) era armonico e abbiamo lavorato bene assieme, il tempo era bellissimo, eravamo al top della nostra forma fisica e in buona saluta, l'obiettivo era geniale, la regione totalmente tagliata fuori dal mondo, le montagne affascinanti. In breve: era fantastico!" Sono parole importanti queste, specialmente visto la bellezza della salita del Arwa Tower del 2007 assieme a Burdet e Thomas Senf nel 2007!


AGGIORNAMENTO 02/11/2011
Il 30/10/2010 abbiamo erroneamente riportato che nel 1993 Fowler e Sustad avevano raggiunto soltanto la cima nord. Questo non è corretto, infatti gli alpinisti avevano poi raggiunto anche la cima principale (Cima Sud) prima di scendere.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra