Home page Planetmountain.com
Valle dell'Orco: Valerio Folco e Massimo Farina sulla loro via B.A.T. al Caporal, 5 tiri fino all'A3
Fotografia di Marco Spataro
Valle dell'Orco: Valerio Folco sulla via B.A.T. al Caporal, 5 tiri fino all'A3
Fotografia di Marco Spataro
Valle dell'Orco: Valerio Folco e Massimo Farina sulla loro via B.A.T. al Caporal, 5 tiri fino all'A3
Fotografia di Marco Spataro
Valle dell'Orco: Valerio Folco e Massimo Farina sulla loro via B.A.T. al Caporal, 5 tiri fino all'A3
Fotografia di Marco Spataro

BAT al Caporal in Valle Orco per Valerio Folco e Massimo Farina

di

B.A.T nuova via di Valerio Folco e Massimo Farina sul Caporal (Valle dell'Orco), 5 tiri fino all'A3

Dal 12 al 18 Ottobre, sulla parete del Caporal in Valle Orco (versante meridionale del massiccio del Gran Paradiso) Valerio Folco e Massimo Farina hanno tracciato una nuova via in arrampicata artificiale moderna di 5 lunghezze, con difficoltà fino all’A3. Se l'artif moderno è lo stile in cui Folco eccelle, per Massimo Farina, invece, si è trattato di un debutto nel quale però si è trovato subito a suo agio. Massimo ha infatti aperto il 3° tiro, il più estetico e forse il più impegnativo della via. I due sono stati aiutati da Alex Busca G.A. di Gressoney , collega di Massimo nell’Esercito, e Davide Grimoldi alpinista di Milano, mentre Marco Spataro G.A. di Champoluc, appeso ad un vuoto assoluto, riprendeva il tutto.

Secondo Valerio Folco: "Si tratta della piu' bella linea di artificiale che io abbia mai salito in Valle Orco. Il suo nome, B.A.T. (Basically Absurd Technology), significa anche pipistrello
" Continua Valerio: "Un pipistrello che però in questo caso è stato preso come marchio di una linea di materiale d’arrampicata, sviluppata dal mitico Warren Harding, americano e apritore nel 1958 del "Nose" su El Capitan in Yosemite. Per me Warren è stato l'unico vero scalatore di big-walls perché univa genio nell’arrampicata a un pizzico di follia nella vita di tutti i giorni. Warren non è più con noi e questa via vuole essere un mio piccolo pensiero rivolto ad una persona che ho sempre ammirato molto."

Queste le caratteristiche tecniche di BAT: "la via ha uno sviluppo di 250 metri suddivisi in 5 difficili lunghezze di corda fino all’A3 che ci hanno impegnato per di 7 giorni di arrampicata dura e faticosa. Le soste sono tutte ottime e abbiamo lasciato un po' di materiale fisso in parete per agevolare una ripetizione. La parete è molto strapiombante e l'ambiente è veramente notevole. Con B.A.T. ora c'è una piccola parte di Yosemite anche a casa nostra."

Sponsor: La Sportiva, Camp, Cassin e Mello
Foto di Marco Spataro

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni