Home page Planetmountain.com
Luca Rinaldi sale Off the Wagon 8B+ in Valle Bavona, Svizzera
Fotografia di Gabriele Moroni
Luca Rinaldi su Electroboogie 8A/+ a Magic Wood, Svizzera
Fotografia di Marco Zanone
Luca Rinaldi su The guilty of the hilti, 8A, Brione (CH)
Fotografia di Marco Zanone
Luca Rinaldi su Power of one 8B, Rocklands, Sudafrica
Fotografia di Marco Zanone
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Luca Rinaldi da 8B+ boulder con Off the Wagon in Valle Bavona

di

Il climber di Valchiusella Luca Rinaldi ha ripetuto Off the Wagon, il boulder gradato 8B+ in Valle Bavona, Svizzera.

Quanto forti bisogna essere per chiudere 8B+ boulder? La risposta, scontata quasi quanto la domanda è: molto, ma veramente molto. Tanto quanto lo è Luca Rinaldi, il 26enne climber di Valchiusella che l'altro giorno in Valle Bavona in Svizzera si è tolto la soddisfazione di salire il suo primo boulder gradato 8B+, Off The Wagon. Prima di lui su questo blocco c'erano riusciti soltanto il finlandese Nalle Hukkataival, il tedesco Jan Hojer, lo statunitense Jimmy Webb e poi il biellese Niccolò Ceria. Una lista composta da quattro nome di spicco del boulder internazionale, alla quale ora si aggiunge quello di Rinaldi.



Luca, per chi non ti conosce, ti presenti brevemente?

Ho 26 anni, scalo da quando ne avevo circa 18, abito in Valchiusella vicino a Ivrea, dove ho aperto uno studio da Geometra da circa 5 anni. Ho iniziato ad arrampicare in falesia grazie agli amici Valchiusellesi, che con motivazione mi hanno spinto ad arrampicare fino a far coppia fissa con Guido Querio.

Lavori come geometra, ma per il boulder viaggi ovunque. Una passione totalizzante...
Si assolutamente travolgente, ho provato decine di sport da ragazzo ma l'arrampicata è l'arrampicata. Ringrazio il lavoro in proprio che mi permette di gestirmi il tempo libero, ma il grazie più importante lo devo alla fidanzata che capisce quanto io sia ''drogato'' e insieme riusciamo a trovare un giusto compromesso.

Parliamo di Off the Wagon: da dove arriva questa salita?
Molti anni fa avevo visto in Dosage Dave Graham e Chris Sharma provare questo blocco. Non scalavo praticamente ancora sui blocchi, e tanto meno potevo capire cosa stavano facendo ''quei due'', ricordo solo di aver pensato: se non lo salgono loro deve essere impossibile! Negli anni a seguire qualche salita si è vista, ma si trattava sempre di top climber e l'idea di provarlo non mi aveva neanche sfiorato.

Ci racconti com'è andata allora?
Domenica scorsa salgo in Bavona con Gabriele Moroni e insieme a Valdo Chilese saliamo Elisium sul retro di Off the Wagon, uno spigolo speciale, il sole cala e mentre sono li guardo il ''carretto'', Gabri passa e mi dice “allora lo provi il carretto o no, siamo qui”. Ci prepariamo con timore e dopo circa 4 o 5 tentativi prendo la tacca, il timore si trasforma in euforia, credevo di farlo in giornata ma il calo di forze arriva, mi alleno tutta la settimana come se niente fosse, provo a riprodurlo sul muro, ma nada, l'incrocio non mi entra. Sabato di nuovo Bavona, le sensazioni sono buone ma casco di nuovo all'incrocio. Dopo qualche giro Gabri mi dà due dritte sulla coordinazione, ricordando la mossa da Samurai che Dave Graham mima in Dosage e da lì a poco prendo la fessura. Non è contentezza, di solito quando faccio un blocco mi capita di accorgermi già dal primo movimento che lo sto salendo, è una sensazione difficile da spiegare. Credo poco alla gente che dice ''non me l'aspettavo''. Quando provo un blocco ''o c'è ne, o non c'è ne'', poche storie!

Domanda forse stupida: Off the Wagon inizia da un posizione rialzata, dal carro appunto. Ma ci starebbe anche la partenza da terra, oppure da seduto?
Credo di sì, Gabri mi ha detto che Nalle disse: se tolgono il carro c'è la possibilità anche di una partenza bassa. Le prese ci sono e alla fine penso siano due o tre movimenti in più. Ma non voglio esprimermi su cose più grandi di me.

8B non arriva dal nulla. Ci parli di come ti alleni.
L'allenamento arriva dopo il primo 8b di blocco nell'ottobre del 2014, quando capisco che il fisico ma in particolare la mia mente hanno bisogno di qualcosa di specifico per progredire. Ma sono un ''muntagnin'' e ho subito capito che essere allenato da qualcun' altro non faceva per me, e sono sempre più convinto che imparando ad osservarsi, non esiste miglior allenatore di se stessi. Come detto prima dell'ottobre 2014 il mio allenamento era solo scalare, plastica o roccia poco importava, ora in base agli obiettivi che ho, cerco di valutare situazione per situazione e allenarmi di conseguenza.

Curiosità, da dove arriva il tuo soprannome bazooka?
Quando ho iniziato a scalare, per la mia stazza non amavo le prese piccole, anzi adoravo le zanche e spesso saltavo da una all'altra, ora evidentemente mi piacciono anche le tacche.

Chi o che cosa ti impressiona di più?
Che dire, i quattro che mi hanno proceduto su Off the wagon sono i miei ''idoli'', Nalle, investe molto tempo per la ricerca di nuove linee e confini, ringrazio quelli come lui per il contributo che danno. Blocchi come Off the wagon e molte altre perle non esisterebbero. Jan Hojer, il più potente e pesante arrampicatore che io conosca, benzina allo stato puro. Jimmy Webb, scalare e vederlo a Rocklands in Sud Africa l'estate scorsa è stato qualcosa di epico. Mi ha dato l'impressione che se fai l'8C o il 7C, a lui poco importa, ti parla e si complimenta con te, sono più snob certi ''local''. Niki, alle volte non riesco a paragonarlo a Webb, Hojer ecc perché lo conosco da tempo e poi abita a Biella, ad un'ora da casa mia, ci siamo allenati insieme e tutto il resto, ma poi penso alle sue prestazioni, alla dedizione e al rispetto che ha verso l'arrampicata e la natura, e sicuramente a mio parere rientra nei primi 5 boulderisti al mondo.

Hai aggiunto il tuo nome ad una lista importante…
Uno dei motivi per cui scalo è perché voglio mettermi alla prova, e per far questo ci vuole il grado, dopo il primo 8B arrivato circa un anno fa, sognavo l'8B+, poi che sia arrivato proprio Off the Wagon è la ciliegina sulla torta. Che sia un blocco salito prima di me solo da 4 dei boulderisti più forti sulla terra è la seconda ciliegina sulla torta.

SALITE IMPORTANTI
La Marie-Rose, 6A, epica placca di Fontainebleau
Off the wagon 8B+, la combinazione tra roccia, intuito degli scopritori e fortuna (il carretto li proprio dove c'è l'unica presa per partire)
Miss Schweiz, il mio primo 8A flash
Zermina 8A/8A+ a Champorcher, durissimo per me, ho dovuto impiegare moltissimo tempo ed energie per salirlo.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni