Home page Planetmountain.com
Sul Diedro del mistero (Bastionata del Lago - Lecco)
Fotografia di archivio Ivo Ferrari
Federica su ManoBong (Sipario Ocra, Pareti Lago di Lecco)
Fotografia di archivio Ivo Ferrari
Mano Bong (Sipario Ocra, Pareti Lago di Lecco)
Fotografia di archivio Ivo Ferrari
Sul Diedro del mistero (Bastionata del Lago - Lecco)
Fotografia di archivio Ivo Ferrari

I perché e l'arrampicata dimenticata: Manobong, I Fessuriani, Diedro del Mistero. Di Ivo Ferrari

di

L'arrampicata dimenticata e abbandonata: Ivo Ferrari racconta Manobong (Sipario Ocra, 100m) e I Fessuriani (Torre Striata, 110m) entrambe aperte da Ivan Guerini e il Diedro del Mistero (90m). Tutte vie sulle pareti del Lago di Lecco ingiustamente dimenticate e abbandonate.

“Ivo, andiamo a ripetere i Diedri?”
Accetto sempre tali proposte e questa settimana ho esaudito la richiesta… Ma una volta rientrato a casa, il mio cervello si è riempito di domande, talmente semplici da essere complesse.
“Perché tale abbandono? perché linee così belle sono ricoperte di rovi, sporche d’erba e con chiodatura inesistente o pericolosa?"
Sto parlando di tre vie affacciate sul Lago di Lecco, tre capolavori di intuito e logica, Manobong ed I Fessuriani, entrambe di Ivan Guerini, e il Diedro del Mistero. Per raggiungerle basta poco, quattro passi, pochi minuti dalla macchina e… quasi non si trova il sentiero.

Parto con il Diedro del Mistero, ripulito e sistemato sette anni fa, chiodato nei punti giusti e con un'ultima lunghezza, la terza, veramente unica nel suo genere… ora l’erba ha ripreso gli appigli, non ci va più nessuno, i chiodi andrebbero sostituiti, nessuno li sostituisce. E’ un peccato, poco distante si fa la fila lungo monotiri lucidi, e si chiodano vie dai gradi spaziali, dove ovviamente ci possono andare i “nessuno”.
In compagnia di Federica, ripulisco la prima lunghezza e scalo le altre due, col tempo, forse ripulirò anche quelle, ma sono molto confuso, e se sbagliassi, pulirle è fatica, anche sette anni fa passammo giornate a sistemarla e poi, dopo i “Bellissima linea” è ritornata “Dove si trova quella linea?”.

Su Manobong parto deciso ma non la riconosco più: dall’ultima volta la prima lunghezza sembra un bosco verticale, appigli e chiodi ricoperti di terra, fatico, mi sento sicuro e allo stesso tempo non vorrei volare a testa in giù completamente “spinato”. Federica mi guarda, lei che desiderava queste vie, io che ne ho sempre parlato bene e… sulla lunghezza chiave, la seconda, il famoso bong che dava il nome alla breve via non c’è più… strano era dentro alla grande! Sarà stato qualche amante del trad o del collezionismo, ma ora io ho un solo friend di misura e, mando a regime i miei avambracci delicati, trenta metri e sono in sosta, sudato e felice di esserlo. Federica da seconda si permette qualche imprecazione, tanto lì sei sopra il lago e sotto non c’è nessuno.
Ci caliamo lasciando due cordoni su giovani alberelli, cresciuti dopo la mia ultima ripetizione… sono così vecchio?

I Fessuriani: prima lunghezza erba e rovi, facile una volta, delicata adesso, la seconda è il solito capolavoro d’arrampicata… non volare è d’obbligo però!

Bene, Federica ha esaudito il suo desiderio e io… entro in ragionamenti che eviterei volentieri, il “perché, perché, perché” mi si ripete in continuazione, il gusto del friend, del chiodo classico, del ripetere vie solo se si è all’altezza, del non tutto facile sta scomparendo qua, vicino a casa… ma lasciar scomparire certe vie è un peccato, dimenticare è Brutto, bruttissimo, fare finta di niente è ancora più brutto, bruttissimo!

Cosa puoi fare Ivo? Niente che non hai già fatto, i mulini sono lì, girano sempre e gli scudieri invecchiano con te… continua a divertirti, vicino a spit sicuri e lontano da chiodi insicuri alla stessa maniera, sei fortunato perché puoi farlo in tutti i modi senza giudicare gli stili. Però credetemi, salire tre bellissime vie così e non trovare nessuno è davvero triste… PERCHÉ’?

di Ivo Ferrari

Link: FB Ivo Ferrari

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il gusto agro dell’incertezza. Via dei Ragni in Medale
28.01.2019
Il gusto agro dell’incertezza. Via dei Ragni in Medale
Il racconto di Paolo Grisa della ripetizione della Via dei Ragni, aperta sulla Corna di Medale sopra Lecco da Guerino Cariboni e Casimiro Ferrari nel 1968. Una ripetizione alla ricerca della incertezza su una delle vie più lunghe e meno conosciute della Medale.
Cramertheorem restaurata alla Corna di Medale
27.06.2016
Cramertheorem restaurata alla Corna di Medale
Nel mese di giugno Federico Montagna, Giovanni Chiaffarelli, Filippo Colombo e Giacomo Tagliabue hanno concluso la richiodatura di Cramertheorem (130m, 6b+ max, 6a obbl), una vecchia via d'arrampicata della Corna di Medale, Lecco, aperta nel 1974 da Germano Cardanico e Raffaele Dinoia.
Lo spigolo della Grigna. Di Ivo Ferrari
28.05.2015
Lo spigolo della Grigna. Di Ivo Ferrari
Una giornata d'arrampicata lungo lo spigolo (più lungo) della Grigna, o meglio sui numerosi spigoli della Grignetta: una 'galoppata' di 2200m di dislivello e, soprattutto, un pretesto per liberare la fantasia e arrampicare all’infinito. Di Ivo Ferrari.
Tra montagne e pareti d'Italia #1 - Via Asen all'Antimedale. Di Ivo Ferrari
17.12.2014
Tra montagne e pareti d'Italia #1 - Via Asen all'Antimedale. Di Ivo Ferrari
Ivo Ferrari riprende il suo libero viaggio tra le pareti e le montagne d'Italia. Un viaggio tra cime e vie, arrampicata e alpinismo. Incontrando uomini e donne che hanno fatto, e ancora fanno, della passione dell'andar per montagne la loro vita. In questo primo appuntamento la via Asen all'Antimedale (Lecco) aperta da Claudio Cendali con il team Asen Park nella primavera 2012.
Sulla via Gogna - Cerruti alla Corna di Medale. Di Ivo Ferrari
29.10.2013
Sulla via Gogna - Cerruti alla Corna di Medale. Di Ivo Ferrari
Ivo Ferrari, in un'altra puntata del suo viaggio tra le vie e la storia dell'arrampicata, ci accompagna sulla Via Gogna - Cerruti, aperta da Alessandro Gogna e Leonardo (Leo) Cerruti il 17 maggio del 1969 sulla parete sud-est della Corna di Medale (Gruppo delle Grigne).
Antimedale, una finestra come cornice. Di Ivo Ferrari
03.10.2013
Antimedale, una finestra come cornice. Di Ivo Ferrari
Una giornata sulle vie dell'Antimedale, la parete di Lecco che Ivo Ferrari vede, incorniciata come un quadro, dalla finestra di casa.
Una galoppata sulle pareti del Lago di Ivo Ferrari
28.09.2012
Una galoppata sulle pareti del Lago di Ivo Ferrari
Un'altra "cavalcata" con fantasia illogica di Ivo Ferrari: dal Pilastro Rosso della Bastionata del Lago (Lecco) per la "mitica" Panzeri-Riva (220m, 6c+, 6a obb.) al Diedro del Mistero (90m, 6a+) per poi continuare sulla via Amici (150m, 6c; 6a obbl), quindi all'Antimedale per la via Altra Chiappa (200m, 6b) e in conclusione sulla Cassin sulla Medale (370m, V°, V°+).
Un tour sulle classiche vie di Daniele Chiappa
11.04.2012
Un tour sulle classiche vie di Daniele Chiappa
Ivo Ferrari in è un gioco ovvero il tour su tre classiche vie aperte da Daniele Chiappa, con vari compagni, tra Medale, Antimedale e i Torrioni Magnaghi in Grignetta (Lc).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra