Home page Planetmountain.com

arrowIce arrowItinerari arrowCarè Alto Cresta Est Via Cerana

Carè Alto Cresta Est Via Cerana

Primi salitori: Jakob e Keller, estate 1913
Scheda a cura di: Francesco Salvaterra, guida alpina
Area: Alpi Retiche, Gruppo: Adamello - Presanella, Cima: Carè Alto, Quota: 3462m, Stato: Italia, Regione: Trentino Alto Adige

Magnifica cresta di alta montagna, che permette di raggiungere la vetta del Carè Alto, una delle montagne più belle e imponenti del gruppo Adamello-Presanella. Per severità ambientale, difficoltà tecnica e di orientamento è da considerarsi un’ascensione impegnativa, come lo sono tutte le vie che portano a questa montagna.

ITINERARIO

Dal rifugio si prende il sentiero di guerra (segnato) che sale con qualche tratto esposto fino alla bocchetta del cannone (2827m). La traccia termina qui, seguire i radi ometti lungo la morena tra grossi massi o neve in direzione della vedretta di Conca e dell’evidente canale E della cima. Raggiunta la vedretta, a seconda dell’innevamento l’ultimo tratto può essere abbastanza ripido ripido (40°) e su ghiaccio misto a detriti. Solitamente si supera sul margine destro del ghiacciaio, dove questo presenta un canalino meno ripido. Guardando sulle roccette sulla destra, in basso e a destra rispetto all’evidente paretina fessurata (tratto chiave) sono visibili dei grossi bolli rossi che identificano il punto dove passare dal ghiaccio alla roccia (circa 3000m). Sempre a seconda dell’innevamento lo zoccolo basale può essere più o meno lungo, inizialmente la roccia è sporca di detrito. Un primo tratto ripido di circa 20m 2°grado (chiodo inizialmente) porta a un ancoraggio con cordino metallico e bollo. Seguire verso sx su terreno facile ma esposto seguendo i bolli rossi fin sotto l’evidente paretina fessurata dove si trova un ancoraggio con 3 chiodi (60-70m 1°). La “paretina”, lunga 33m e di grado 3°, è solcata da più fratture parallele, dalla sosta salire verticalmente e leggermente verso sinistra, per poi verso la fine tendere leggermente a destra, si trovano infissi due chiodi, uno a metà e uno verso la fine, è possibile integrare con friends o cordini su spuntoni. Giunti sul filo di cresta si può sostare su cordino metallico leggermente a valle o su uno dei numerosi blocchi incastrati, la roccia è di ottima qualità e l’arrampicata molto divertente. Ora si apre la vista sulla vedretta di Lares e tutte le vette verso NO, qui inizia il filo di cresta. Per un lungo tratto il percorso non è strettamente obbligatorio e le difficoltà non superano il 1° grado, conviene procedere mantenendosi vicino al filo di cresta per passare sempre sul versante N aggirando i tratti più difficili, per poi appena possibile riportarsi verso il filo. Indicativamente dopo 1 ora dal superamento della paretina si arriva a una forcella posta sul filo dove la cresta presenta un passaggio caratteristico: verso S troveremo una placca quasi verticale mentre a N terreno ripido, nel mezzo la famosa “gobba d’asino”, una dorsale poco ripida ma molto stretta, lunga circa 35m. A metà vi è un chiodo e in sosta si trova un cordino metallico, può essere superata in punta di piedi (più elegante ma esposto) oppure a cavalcioni, 1°/2°grado. La cresta torna a rispecchiare le caratteristiche precedenti fino a un terzo e ultimo tratto più tecnico, il “passo del friends” trovandosi di poco sul versante N in un punto di rocce bianche di frana, si trova una breve fessura che va da destra a sinistra, ci sono 2 friends incastrati (passaggio di 2°grado) e poco dopo un fix. In brave ci si trova in cima a un piccolo torrione (sosta con fix e chiodo), in vista della cima, del ristrutturato baraccamento di guerra e del volano della teleferica. Si disarrampica verso N per scendere e su terreno facile si prosegue passando accanto al volano (possibile deviazione verso il basso per vedere la baracca). Per arrivare alla forcella sotto la cima, allo sbocco del canalone E, si segue un traverso detritico di 1° grado. Dalla forcella, lungo la via normale, 30m di 1/2°grado su roccia bella e compatta portano direttamente alla croce.

DISCESA

La discesa più semplice e diretta è lungo la via normale, si può anche scendere per la stessa cresta Cerana ma risulta più complesso. Dalla cima si scende al colletto raggiunto in precedenza, individuare i bolli rossi che scendono lungo la cresta NNO e seguirli, il percorso è marcato con bolli e frecce. Prestare attenzione a un tratto dove occorre girare lo spigolo verso Ovest (val di Fumo) con passo esposto (fix e cordone poi chiodo), da qui entrare nella finestra del bunker oppure salire verso staffa metallica per poi fare una breve calata. Si continua in discesa fino a un punto della cresta dove si reperisce sosta a fix con catena. Due calate (la prima da 17m la seconda dipende dall’innevamento) lasciano sulla vedretta di lares, al margine di quel che resta della “pala nord”. Da qui ci sono due possibilità: si scende verso la sella di Niscli (direzione lago di Lares) per raggiungere il sentiero dei Pozzoni (segnato). Esiste una variante più diretta ma con qualche tratto esposto e sengata solo da ometti: prendendo come riferimento il Croz de la Stria (evidente spina rocciosa) la si punta uscendo prima dal ghiacciaio in una zona di placche montonate, le si scendono seguendo gli ometti passando a circa un centinaio di metri dal Croz de la Stria. Seguire la dorsale di placche fino a intercettare il sentiero nei pressi del guado con cordini d’acciaio. Da qui lungo il sentiero segnato al Bus del Gat.

MATERIALE

Materiale corda da minimo 35m, ramponi, picozza, possono tornare utili 2/3 friends medi.

NOTE

Visto il notevole dislivello da coprire per arrivare all’attacco è consigliabile pernottare al rifugio Carè Alto la notte precedente all’ascensione. Note Il gestore offre la possibilità di far salire gli zaini in teleferica incluso nella mezza pensione.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Carè Alto Cresta Est Via Cerana"

Nessun commento per l'itinerario Carè Alto Cresta Est Via Cerana

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

Il buon innevamento rende l’accesso e il rientro più semplice e piacevole quindi generalmente il periodo migliore è la primavera e inizio estate. Le stabili giornate autunnali possono essere un’ ottima opzione con la luce e i colori più tersi dell’anno.

ORARIO

2.30 h dal parcheggio (pian de la Sega) al rifugio, una cordata competente può partire poco prima dell’alba e tornare per pranzo al rifugio.

IMPEGNO COMPLESSIVO

Tipo di progressione Classico terreno di ghiacciaio, tratti di arrampicata ripida (4 tiri di corda fino al 3° grado di max 30 metri l’uno), molto terreno da progressione in corda corta.

DIFFICOLTÀ

3° 40°

VERSANTE

Cresta Est

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.francescosalvaterra.com

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA cascate di ghiaccio

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni