Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowLa Mia Sardegna

La Mia Sardegna - Monte Oddeu

Primi salitori: Nicola Lanzetta, chiodata dal basso in solitaria
Scheda via a cura di: Nicola Lanzetta
Area: Sardegna Gruppo: Supramonte Cima: Monte Oddeu Stato: Italia Regione: Sardegna

La Mia Sardegna sul Monte Oddeu è stata aperta dal basso ed in solitaria da Nicola Lanzetta a destra di La nostra Svizzera e a sinstra di A chent’annos. Sale un corridoio dritto verticale fino in cima, completamente libero.

ACCESSO

Da Dorgali si scende nella valle di Oddoene verso le Gole di Gorroppu, proseguire la strada subito dopo il ponte di cemento di Su Flumineddu direzione Surtana, da qui proseguendo a piedi si vede un netto sentiero che sale verso la parete di Monte Oddeu, si percorre per quindici minuti fino a una deviazione a destra segnata con omini di pietra, da dove si risale per una pietraia fino sotto le pareti che si costeggiano lasciandole a sinistra, una volta giunti sotto le placche sotto un grosso olivastro proprio a dx si nota un pulpito di roccia da dove parte la via, proprio a dx della via La nostra Svizzera.

ITINERARIO

L1: si procede per la bellissima placca superando un passaggio tecnico di 6b fino alla prima sosta su piccola cengia.

L2: da qui si sale fino a un piccolo tettino dove si trova il primo passaggio con partenza delicata fino a buone prese con passaggio di 6a+, proseguendo si arriva a un muro rosso con fessura a sx che permette di superare la parete per giungere in sosta su grossa cengia.

L3: partenza su passaggio strapiombante con uscita a dx, si percorre una placca discontinua fino alla sosta.

L4: tiro semplice su grossi pilastri un po' disturbato dalla vegetazione 5c.

L5: partenza su placca tecnica, fino a grosso diedro da dove si monta su grossa pianta di quercia lasciandosi a sx placca priva di appigli 6b, da dove si giunge su piccola cengia.

L6: tiro chiave della via, si sale per placca povera di appigli per montare su cengia da dove parte una grossa fessura 6c che porta su miro di roccia solidissima fino a cengia.

L7: partenza tecnica con uscita su fessura orizzontale che a sinistra conduce a muro di roccia solidissima fino in vetta 6a+.

DISCESA

Essendo una via con una linea verticale è possibile calarsi senza troppi problemi utilizzando una corda singola da 70m, oppure scendere a piedi seguendo a destra la cresta fino ad intercettare il sentiero che porta alla valle di Surtana.

MATERIALE

Corda da 70 metri, 13 rinvii piu 2 moschettoni a ghiera per soste

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "La Mia Sardegna"

Nessun commento per l'itinerario La Mia Sardegna

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

6c

DIFFICOLTÀ OBBLIGATORIA

6a+/A2

LUNGHEZZA DISLIVELLO

210m

LINK ZONA

Vai all'articolo

RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós