Home page Planetmountain.com
Via Miotto-Saviane-Corona: Tito Arosio sulla fessura iniziale
Fotografia di Tito Arosio, Luca Vallata
Via Miotto-Saviane-Corona: Luca Vallata sul primo traverso
Fotografia di Tito Arosio, Luca Vallata
Via Miotto-Saviane-Corona: Tito Arosio affronta il secondo traverso
Fotografia di Tito Arosio, Luca Vallata
Luca Vallata e Tito Arosio in cima al Col Nudo, dopo aver compiuto la prima ripetizione della via aperta dal 5 al 7 giugno 1982 da Franco Miotto, Benito Saviane e Mauro Corona sulla parete nord.
Fotografia di Tito Arosio, Luca Vallata
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Tito Arosio e Luca Vallata, prima ripetizione della Miotto-Saviane-Corona al Col Nudo

di

Il 7 luglio 2016 Tito Arosio e Luca Vallata hanno effettuato la prima ripetizione della Via Miotto-Saviane-Corona sulla parete nord del Col Nudo (Col Briè), aperta dal 5 al 7 giugno 1982 da Franco Miotto, Benito Saviane e Mauro Corona.

Quasi tutti gli ertani sanno che sul Col Briè - la maniera in cui noi chiamiamo il Col Nudo - proprio su quella parete che vedono dalle finestre di casa, vi sono almeno due vie. In realtà le vie sono tre: la Hasse-Leukroth (sì, Dietrich Hasse), la Miotto-Saviane o via del Gran Diedro ripetuta per la prima volta da Alessio Roverato e Alessandro Baù nel 2006, e la Miotto-Saviane-Corona.

Quest'ultima è una via che nella parte iniziale presenta un lunghissimo traverso da destra verso sinistra (come tutti i traversi dolomitici che mi vengono in mente (?) sopra dei grandi strapiombi, su roccia abbastanza marcia e adornata da zolle d'erba. Nella seconda parte della via si cerca di seguire la direttiva fornita da un grande sistema di diedri camini spesso sbarrata da tetti friabili.

Come accade spesso per le vie vicino a casa, magari aperte o tentate da un amico o un amico di amici, su una parete di cui hai sempre letto o sentito parlare, si è creata nel tempo un'aura di timore e riverente rispetto attorno alle vie di Miotto; il traverso, in particolare, è entrato nell'immaginario degli arrampicatori locali. Oggi, per le vie di Miotto sul Col Nudo, ci sono tutti i presupposti per creare, come direbbe il potente Mass, il “complesso del mito”: accessi proibitivi, viaz esposti, rocce "particolari", alte difficoltà, pochissimi chiodi in parete, ambiente grandioso e cupo.

Oltre alla confidenza con le pareti della zona e la pratica nella chiodatura, per ripetere questa via è stato necessario andare contro l'immagine della via che mi ero costruito nel corso degli anni e dei racconti.

Ovviamente quanto ora dico vale solo per me, Tito prima di due settimane fa non aveva mai sentito parlare di Cima Col Nudo e ancora mi sto chiedendo cosa possa attrarre un bergamasco in posti del genere...

Note tecniche: La via è stata aperta nel 1982 in tre giorni con due bivacchi, dal 5 al 7 giugno, da Franco Miotto, Benito Saviane e Mauro Corona, e presenta un dislivello di 650m ed uno sviluppo di circa 900m. Difficoltà dichiarate VI e A2. Per la prima ripetizione sono state necessarie 8 ore e la via è stata risolta in arrampicata libera fino al VI+ nel tratto di traverso. In parete si trovano 7 chiodi (quattro aggiunti da noi), 4 cunei di legno e due cordini passati in altrettante clessidre.

Ci teniamo a ringraziare le persone che tra le nuvole che coprivano la parete sono riusciti a scorgerci con i binocoli da Erto e tutti quelli che, con nostra grande sorpresa, ci hanno seguiti, contattati e aiutati durante e dopo la salita. Tra tutti in particolare: Riccardo Rich da Canal, il folletto Pino Bottino, l'orso Adriano Roncali e Gaia, staff del Rifugio Casera Ditta.

Luca Vallata ringrazia Scarpa
Tito Arosio ringrazia Grivel, Kayland, Wild Climb

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini