Home page Planetmountain.com
Maurizio Oviglia, Monte Bianco, estate 1983
Fotografia di Valerio Bertoglio
La parete Nord de Les Courtes (Monte Bianco) dove corre la via degli Svizzeri
Fotografia di Maurizio Oviglia
Valerio Bertoglio, Monte bianco, estate 1983
Fotografia di Maurizio Oviglia
Valerio Bertoglio - estate 1983
Fotografia di Maurizio Oviglia

Storie di alpinismo e arrampicata: Tra fortuna e realtà di Maurizio Oviglia

di

Estate 1983, via degli Svizzeri, parete Nord de Les Courtes, Monte Bianco. Un storia vera, come tante altre. Una storia di alpinismo che, ancora una volta, svela quanto profonda ed immediata possa essere l'esperienza vissuta in parete. Di Maurizio Oviglia.

C'è una storia, narrata in una famosa canzone di Fabrizio De Andrè, che dopo tanti anni mi continua a turbare. E' la vicenda del massacro del fiume Sand Creek, 29 novembre 1864, dove le Giubbe Blu sorpresero nel sonno donne, bambini e vecchi di un villaggio indiano e li massacrarono senza pietà.

Chiusi gli occhi per tre volte
Mi ritrovai ancora lì
Chiesi a mio nonno è solo un sogno
Mio nonno disse sì


Ho sempre pensato, ascoltando questa canzone, a cosa avrei fatto io trovandomi in una situazione del genere e la risposta è sempre stata la stessa: mi sarei finto morto, aspettando da un momento all'altro una pallottola nella schiena. Ma con un po' di fortuna, forse, mi sarei salvato... Già, solo questione di fortuna.

Eravamo partiti dal rifugio di notte ed il cielo era limpido. Volevamo fare veloci e di buona lena ci eravamo fatti tutto il ghiacciaio sino alla base della grande parete nord. Immensa, quasi 1000 metri, ci sovrastava, silente e glaciale. L'alba ci aveva colto sulle prime lunghezze, tutto procedeva bene, salivamo spediti. Ce la saremmo tolta in fretta. Ma, ad un certo punto, verso le 11, l'aria si era fatta improvvisamente calda. Un fohn inaspettato aveva cominciato a soffiare e la neve si stava ammorbidendo a vista d'occhio sino a divenire una pappa appicicosa. L'improvviso rialzo di temperatura ci aveva convinto a tenerci prudentemente a ridosso delle rocce, su misto, evitando il colatoio centrale. Ma, ad un certo punto era giocoforza attraversarlo, per raggiungere una crestina dalla parte opposta, che ci avrebbe portato verso la vetta...

Quando il mio compagno fu a metà del traverso alzai gli occhi e vidi il cielo cosparso di punti neri, che si stavano avvicinando a velocità supersonica. Corrrriiiiii!!!! Gridai al mio compagno. Lui corse più veloce che potè sul pendio a 60 gradi, mentre io, praticamente nel mezzo, non potevo fare più niente... Mi appiattii sulla neve e incominciai a piangere, mi sorpresi a pregare. Stavo dunque per morire, immobile aspettavo la fine, con sassi grossi come macchine che sibilavano e come bombe colpivano il pendio a fianco a me.

Ma la fine non venne e rialzai la testa, guardando timidamente verso l'alto. Un sassolino di un cm mi colpì la guancia ferendomi. Mi toccai e la mano era piena di sangue, ma non sembrava grave. Allora cominciai a correre anch'io verso il mio compagno, salvo anche lui. Ci trascinammo annaspando nella neve sino in cima. La discesa nella neve marcia fu penosa oltre che pericolosa. Faceva caldissimo. Perdemmo il trenino di Montenvers e, 23 ore dopo aver lasciato il rifugio, raggiungemmo la strada a monte di Chamonix. Un’automobilista, vedendomi sanguinante, mi caricò.

Molti anni dopo appresi che un amico, Lorenzo, era morto così sull'Ortles. Appiattito sul pendio aveva aspettato in silenzio di essere colpito, oppure la miracolosa salvezza, che per lui non arrivò.

Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso
Il lampo in un orecchio nell'altro il paradiso
Le lacrime più piccole
Le lacrime più grosse
Quando l'albero della neve
Fiorì di stelle rosse


di Maurizio Oviglia

(ispirato ad Abbi Fede, racconto contenuto in "La linea Invisibile", Fabula Editore)

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
La linea invisibile, 35 anni di scalate di Maurizio Oviglia
11.12.2017
La linea invisibile, 35 anni di scalate di Maurizio Oviglia
La linea invisibile, il nuovo libro di Maurizio Oviglia, un'autobiografia attraverso i racconti di 35 anni di scalate. La recensione del libro, che verrà presentato il 19 dicembre a Cagliari, di Tatjana Göx.
Una normale salita di Free Rider su El Capitan. Di Maurizio Oviglia
13.11.2017
Una normale salita di Free Rider su El Capitan. Di Maurizio Oviglia
Il racconto di Maurizio Oviglia che insieme a Rolando Larcher e Roberto Vigiani ha ripetuto su El Capitan (Yosemite) la via Freerider, una delle big wall più famose dell'arrampicata moderna.
Valle dell'Orco; una via nuova ed una classica dimenticata. Di Maurizio Oviglia
07.10.2015
Valle dell'Orco; una via nuova ed una classica dimenticata. Di Maurizio Oviglia
Maurizio Oviglia, Eugenio Pinotti e Paolo Seimandi hanno aperto una nuova via d’arrampicata interamente a friend sulla Parete dei Falchi, a destra del Caporal in Valle dell’Orco. Con l’occasione Oviglia ha stilato la relazione aggiornata, oltre che della nuova via, anche della vicina Un tenebroso Affare, via “cult” di Daniele Caneparo aperta nel 1986.
Valle dell'Orco e l'intervista a Maurizio Oviglia
20.07.2015
Valle dell'Orco e l'intervista a Maurizio Oviglia
Prendendo spunto dalla 70esima via d'arrampicata aperta da Maurizio Oviglia in Valle dell'Orco, Damiano Ceresa intervista il prolifico climber, torinese di nascita e sardo di adozione. Dopo 30 anni di attività di Oviglia in Valle, questa è una buona occasione per fare il punto della situazione tra passato, presente e futuro di questa meravigliosa valle.
Valle del Rolwaling in Nepal, una spedizione in famiglia. Di Maurizio Oviglia
02.12.2014
Valle del Rolwaling in Nepal, una spedizione in famiglia. Di Maurizio Oviglia
La valle del Rolwaling, il Yalung Ri (5630m) e una spedizione in famiglia e tra amici per godere dell'avventura, del viaggio e del respiro della natura e dell'amicizia. Di Maurizio Oviglia

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria