Home page Planetmountain.com
Markus Pucher durante la prima invernale solitari di Aguja Guillaumet in Patagonia (08/09/2017)
Fotografia di Markus Pucher
Markus Pucher durante la prima invernale solitari di Aguja Guillaumet in Patagonia (08/09/2017)
Fotografia di Markus Pucher
Markus Pucher durante la prima invernale solitari di Aguja Guillaumet in Patagonia (08/09/2017)
Fotografia di Markus Pucher
Markus Pucher durante la prima invernale solitari di Aguja Guillaumet in Patagonia (08/09/2017)
Fotografia di Markus Pucher
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Markus Pucher: sull’ Aguja Guillaumet in Patagonia ho dovuto dare tutto

di

Il racconto dell’alpinista austriaco Markus Pucher che l’ otto settembre 2017 in Patagonia è riuscito a compiere la prima solitaria invernale dell’ Aguja Guillaumet (2579 m).

Ne abbiamo dato notizia due giorni fa, adesso su Facebook l’alpinista Markus Pucher ha raccontato i dettagli della prima solitaria invernale dell' Aguja Guillaumet in Patagonia.

Solo un piccolo momento di Markus Pucher

L'8 settembre, poco prima delle quattro del pomeriggio, mi trovavo in cima alla Guillaumet. All’inizio di quella giornata non avrei mai pensato che lo stesso giorno mi sarei trovato in cima ad una montagna. Sono stato accompagnato durante quella patagonica giornata invernale fino al Paso Guillaumet da Hans e Juan che volevano filmare, almeno fino al passo, la mia salita. Siamo partiti alle 4 del mattino dal campo Fraile e poco tempo dopo ha cominciato a nevicare.

Inizialmente non era così male, ma poi la nevicata si è intensificata sempre di più e ben presto ci siamo trovati in una vera e propria bufera di neve - ho pensato di dover tornare indietro, ma poi mi sono detto “Dai, saliamo fino al Paso Guillaumet, guardiamo un po’ di qua e di là, poi scendiamo.” Durante la salita abbiamo incontrato anche Ines e Paolo (Ines Papert e Paolo Marazzi ndr), anche loro non molto entusiasti della grande quantità di neve.

Abbiamo impiegato circa 5 ore per raggiungere il Passo, che quasi quasi non abbiamo nemmeno trovato a causa della pessima visibilità. Raggiunto il colle siamo rimasti lì con le mani in tasca, nel vero senso della parola. Dopo qualche minuto eravamo quasi congelati, il vento fischiava forte sopra la sella e abbiamo cercato rifugio dietro alcune pietre.

Nevicava ancora forte e mentalmente ero pronto per tornare indietro. Ma qualcosa mi ha detto di aspettare un po', non so bene per quale motivo. Ma le previsioni del tempo, o meglio Rolo (Rolando Garibotti) aveva pronosticato la fine della nevicata ed un miglioramento del tempo. Così abbiamo atteso. Dopo un'ora circa sopra di noi sono apparse delle schiarite mentre cominciava a nevicare sempre di meno.

Senza pensarci due volte mi sono messo l’imbrago, ho bevuto un po’ della mia acqua ormai fredda, ho buttato giù una barretta energetica e sono partito. Non so esattamente perché l’ho fatto, ma la mia sensazione mi diceva di andare. Hans mi ha filmato mentre partivo. Gli ho detto: “Vado a vedere! Se non va torno presto, altrimenti arriverò un po’ più tardi!" E poi mi sono trovato da solo.

La neve era molto profonda, metro dopo metro ho dovuto lottare per guadagnare quota, davvero è stata una lotta contro la neve, con l’arrampicata tutto ciò aveva poco in comune. La via, solitamente gradata V, era davvero difficile, per non dire difficilissima! Ovviamente potrebbe anche essere che io abbia arrampicato male. Mi sono assicurato in alcuni punti, perché sinceramente mi sono cagato addosso alcune volte. Le fessure e i diedri ricoperti di neve erano tutt'altro che facili, e ho dovuto dare fondo a tutte le mie risorse e capacità per andare avanti. Dopo 5 ore, e sulla parte sommitale sprofondando a volte fino alla pancia nella neve fresca, ho raggiunto la cima del Guillaumet.

Se adesso penso a quel momento, potrei gridare nuovamente di gioia. Perché il tempo è veramente diventato bello e quando sono arrivato in cima, le nuvole si sono aperte e il sole mi ha sorriso. Sono rimasto sul punto più alto della vetta, ho sorriso al sole e mi sono sentito come un vincitore! Come un vincitore contro la tempesta di neve, come il vincitore contro me stesso. E non volevo scendere, ma dovevo... i miei due amici mi stavano aspettando e volevo dirgli quanto era bello quassù. Dopo qualche passo nella neve profonda mi sono girato, ho salutato la vetta e l’ho ringraziata per avermi concesso di stare brevemente lassù. In quel momento mi sentivo come un vincitore, ma sapevo: .... rispetto a LEI, sono solo un piccolo momento!

Info: www.markuspucher.atFB Markus PucherGrivelFerrinoSCARPA

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Patagonia: Aguja Guillaumet, Markus Pucher firma la prima solitaria invernale
11.09.2017
Patagonia: Aguja Guillaumet, Markus Pucher firma la prima solitaria invernale
L’ 8 settembre l’alpinista austriaco Markus Pucher è riuscito a compiere la prima solitaria invernale dell’ Aguja Guillaumet (Patagonia).
Patagonia, invernale solitaria di Markus Pucher sul Cerro Pollone
21.09.2016
Patagonia, invernale solitaria di Markus Pucher sul Cerro Pollone
Intervista all’alpinista austriaco Markus Pucher dopo la salita solitaria invernale del Cerro Pollone in Patagonia.
Cerro Torre in inverno e solitaria, Markus Pucher si ferma a 40 metri dalla cima
08.09.2016
Cerro Torre in inverno e solitaria, Markus Pucher si ferma a 40 metri dalla cima
L’alpinista austriaco Markus Pucher è salito lungo la Via dei Ragni fino a 40m sotto la cima del Cerro Torre, durante il suo tentativo di prima solitaria invernale di questa montagna simbolo della Patagonia.
Markus Pucher e il sogno della prima solitaria invernale del Cerro Torre
02.08.2016
Markus Pucher e il sogno della prima solitaria invernale del Cerro Torre
Il video che documenta il tentativo, nell’estate 2015, dell’alpinista Markus Pucher di effettuare la prima solitaria invernale del Cerro Torre in Patagonia.
Markus Pucher effettua la prima salita della parete ovest del Marconi Sur in Patagonia
29.05.2015
Markus Pucher effettua la prima salita della parete ovest del Marconi Sur in Patagonia
Il 16/04/2015 l'alpinista austriaco Markus Pucher ha effettuato la prima salita della parete ovest del Marconi Sur in Patagonia percorrendo una nuova via chiamata Into the Wild (800m, M5). La salita di Pucher è soltanto la seconda salita di questa montagna, dopo la solitaria del 1995 lungo la parete est da parte di Antonio Taglialegne.
Markus Pucher in solitaria sul Cerro Torre in piena bufera
02.01.2015
Markus Pucher in solitaria sul Cerro Torre in piena bufera
Un anno dopo la sua veloce solitaria della Via dei Ragni sul Cerro Torre, l'alpinista austriaco Markus Pucher ripete la via in solitaria, questa volta nel bel mezzo di una feroce tempesta.
Markus Pucher e la solitaria della via dei Ragni su Cerro Torre
21.02.2013
Markus Pucher e la solitaria della via dei Ragni su Cerro Torre
Il 14/01/2013 l’austriaco Markus Pucher ha salito in solitaria la via dei Ragni sul Cerro Torre in Patagonia nel tempo lampo di 3 ore 15 minuti dal suo bivacco sotto il Colle della Speranza… Il racconto di Pucher e la nostra intervista.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria