Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowCugi's Corner, nuova via sulla NO del Cimon di Palantina per Bona e Favero

Uscita in vetta da Cugi's Corner al Cimon di Palantina
Photo by arch. Bona - Favero
Barry Bona sul quinto tiro di Cugi's Corner, NO del Cimon di Palantina
Photo by arch. Bona - Favero
Tracciati vie NO del Cimon di Palantina
Photo by arch. Bona - Favero
INFO / links & info:

Cugi's Corner, nuova via sulla NO del Cimon di Palantina per Bona e Favero

09.03.2011 di Planetmountain

Il 5 marzo 2011 Barry Bona e Simone Favero hanno aperto Cugi's Corner, una nuova via sulla parete Nord Ovest del Cimon di Palantina (Gruppo Col Nudo-Cavallo, Alpago, Dolomiti)

Non poteva chiamarsi diversamente, la nuova via aperta dall'accoppiata bellunese sul Cimon di Palantina, Barry Bona e Simone Favero sono cugini di primo grado, arrampicano in cordata ormai da qualche anno, e il loro chiamarsi continuamente “cugi” a vicenda, desta sempre ilarità nei soci di scalata.

Con questa salita – dopo la recente Questo Gioco di fantasmi aperta con Peter Moser - Bona mette in sacco anche l’ultima linea logica sul Cimon di Palantina, un diedro estetico e verticale, una linea che la montagna disegna da sola, senza forzature. La via è impegnativa, con un tiro di 6+ ghiaccio e un paio di passaggi duri di misto e, nelle condizioni di poco ghiaccio con cui è stata salita, le possibilità di proteggersi erano poche.



CUGI’S CORNER di Simone Favero

Appuntamento consueto alla sala boulder di Puos d’Alpago giovedì sera, consueto più per Barry che per me, dato che esco da tre mesi di inattività a causa di una caduta in arrampicata, e il mio non amore per il bouldering. Ma tant’è, iniziamo coi traversi e il cugi propone: “cugi, sabato andiamo sul Cimon?”, la risposta non poteva essere che: “sì, basta che tiri tu”.

Ci troviamo a Tambre alle otto, un breve controllo del materiale e si parte con la macchina di Barry sino a Col Indes. Fino alle baracche Mognol avanziamo tranquilli in compagnia di qualche sci alpinista, poi è l’ora di mettere le ciaspe e battere traccia fin sotto la parete; la neve cambia consistenza ogni tre metri, e arrivare all’attacco (due ore circa da Col Indes) è giù una sfaticata. Saliamo slegati il primo canalino che ci porta alla sosta su uno striminzito larice, le condizioni sono accettabili, nonostante il poco ghiaccio siamo felici di non dover patire per il vento: dentro al diedro fa freddo, ma almeno siamo riparati.

La via risulta più impegnativa di quanto ci aspettavamo, sette tiri continui, soste non proprio comodissime e passaggi di misto resi ancora più duri dal variare della quantità di ghiaccio; una condizione di arrampicata mista autentica, con passaggi in dry che si alternano alle goulotte formatesi lungo il diedro. Solo l’ultimo tiro lascia un po’ di respiro e “spiana” un pochino, assestandosi sui 65 gradi.

Per quanto mi riguarda è stata la mia prima esperienza di apertura, su condizioni di misto così mutevoli e particolari, l’aleatorietà data dalla scarsa possibilità di proteggersi è forse la più grossa difficoltà in ambienti così. La via è dura, considerato anche l’avvicinamento e il rientro con una doppia su uno spuntone, fin dentro un canalino in cui si sprofondava nella neve sino alle spalle.

Mi piace arrampicare con Barry, vuoi per la tranquillità che trasmette, vuoi per l’affetto che ci lega, riusciamo sempre a sdrammatizzare anche i momenti di tensione, specialmente in apertura dove la possibilità di infognarsi e non passare è una variabile di cui tener conto.

Arrivati in cima abbiamo risposto all’urlo che Alvio (mio zio, il papà di Barry, che durante tutta la salita ci ha seguito con il teleobiettivo), il terzo di cordata appostato sul versante opposto, ci ha lanciato, è stata un’emozione grandissima, che si è sciolta con un grande abbraccio una volta ritrovati alla base della parete. Arrampicare sulle montagne di casa è anche e soprattutto questo, farlo in cordata tra cugini, avendo gli stessi obiettivi e condividendo le stesse gioie è quello che per me ha realmente valore.

Simone Favero ringrazia lo sponsor tecnico CAMP – Cassin


Cascata
Grado
Lunghezza
Bellezza
Cugi's Corner
TD+
350m
Itinerario di misto che segue il logico diedro roccioso, posto a sinistra del pilastro su cui sale “Questo Gioco di Fantasmi”. La qualità della roccia su cui si svolge la via è a tratti friabile e molto sporca d’erba, quindi richiede condizioni favorevoli del ghiaccio affinché la scalata risulti fattibile.
Questo Gioco Di Fantasmi ED 320m
Via di misto esile e di rarissima formazione, che sale al centro di un pilastro verticale, sulla parete nord-ovest di questa montagna prealpina, caratterizzata da calcare di scogliera, molto spesso ricoperto d’erba. La salita è stata effettuata usando chiodi solo su due punti di sosta, in stile Trad, invece, tutto il resto dell’ascensione. La formazione della colata di ghiaccio, che ha suggerito la linea da seguire, necessita di annate particolari, con nevicate alternate a piogge e repentine gelate.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale
  • Icterus
    Qualcuno ha qualche informazione sulla via sportiva Mr Berna ...
    2014-08-02 / Michele Marchesoni
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo