Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowDiretta Centrale

Diretta Centrale - Parete di Ferro - Lastia di Framont

Primi salitori: Daniele Costantini, Stefano Santomaso, Gianni Del Din 1990
Scheda via a cura di: Gianluca Benedetti
Area: Dolomiti Gruppo: Civetta - Moiazza Cima: Parete di Ferro - Lastia di Framont Stato: Italia

La Diretta Centrale offre un'elegante ed impegnativa arrampicata in placca con difficoltà piuttosto continue. Risale verticalmente la parete e supera i caratteristici grandi tetti soprastanti sul loro limite destro, dove si interrompono. La salita, orientata da pochi cordini e qualche chiodo, non è sempre ottimamente proteggibile ma si svolge su roccia ottima.

ACCESSO GENERALE

Raggiunta Malga Framont (1575 m) da Agordo per strada asfaltata, si procede a piedi oltre la malga lungo una carrareccia pianeggiante che si trasforma poi in sentiero (n. 552 CAI). All'intersezione con l'Alta Via n. 1 si segue verso sinistra il sentiero CAI n. 554 per il rif. Vazzoler e la forc. del Camp, che si raggiunge costeggiando il versante orientale delle Torri del Camp. Superata la forcella (1933 m) si scende verso sud nella Busa del Camp, tenendo la sinistra a prendere la traccia diretta al Mont Alt di Framont, che lambisce una parete rocciosa (è anche possibile scendere più a destra per traccia sui prati fino all'omonima casera e da lì puntare a sinistra costeggiando le pareti). Scesi sul fondo della Busa si attraversano verso destra un prato e un torrente fino alla grigia parete sul lato opposto della valle. Si costeggia la parete, su traccia incerta, oltrepassando prima una caratteristica grande grotta e in seguito un enorme masso appoggiato (zona di chiodatura di una nuova falesia attrezzata). Dopo qualche centinaio di metri si incontrano le prime vie della Parete di Ferro (Presapoc e poi Il ragno e la polenta). 1,30 h da Malga Framont.

Al ritorno può essere conveniente attraversare il bosco verso est, restando più o meno in quota, fino a raggiungere la Forcella delle Sejere (2003 m), quindi scendere verso sud per il ripido sentiero fino a riportarsi, per mulattiera pianeggiante, sui prati di Malga Framont, dopo aver tenuto la sinistra a un bivio (quota 1578 m). 1,10 dalla Parete di Ferro.

ACCESSO

Attacco in comune con Monotonia Ottica. È situato una decina di metri a sinistra della grande colata che di solito bagna centralmente la parete, sotto un’evidente grande fessura (chiodo visibile) che si origina a qualche metro dal suolo, sopra una liscia placchetta. È anche possibile attaccare alcuni metri più a sinistra (chiodo) obliquando subito a destra per fessurine e ricongiungendosi in breve all’itinerario originale.

ITINERARIO

L1. Si supera la placchetta sotto la grande fessura di Monotonia Ottica per poi obliquare subito a sinistra lungo un’altra evidente fessura. Si sale quindi più o meno verticalmente (chiodo), ricercando i passaggi più facili e puntando al bordo di una rigola nera oltre la quale calano le difficoltà. Proseguendo verticalmente su placca più appoggiata (non obliquare né a destra verso un diedro con pulpito sulla sommità né a sinistra verso il gradino dove sosta La Sorpresa) si raggiunge il cordone di sosta. VI+°.
L2. Si sale in leggero obliquo a sinistra lungo una bella placca e dopo un passaggio più delicato (piccolo cordino su clessidrina) si raggiunge la sosta, posta alcuni metri sotto ai grandi tetti soprastanti. VI°.
L3. In salita verso destra ci si porta sotto un tettino (chiodi) che si aggira a destra, ritornando poi leggermente a sinistra e quindi proseguendo in verticale su rocce appoggiate più facili fino alla cengia erbosa soprastante, dove si sosta. VII-°.
L4. Si segue in obliquo verso destra la cengia, prima erbosa e poi rocciosa, traversando fino al primo ancoraggio di calata posto sul bordo del colatoio.

DISCESA

Con tre calate verticali, prima all'interno del colatoio (CD1 su chiodi e clessidra, CD2 - CD3 ed eventualmente CD4 su soste a spit) e poi lungo la via Free Gorby si raggiunge la base della parete, poco a destra dell’attacco.

MATERIALE

Utili friend in particolare piccoli (eventualmente raddoppiare qualche misura) e cordini in kevlar anche aperti per le clessidre. Consigliati martello e chiodi. Mezze corde.

NOTE

Da una ripetizione del 05/07/2020

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Diretta Centrale"

Nessun commento per l'itinerario Diretta Centrale

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

VII-

DIFFICOLTÀ OBBLIGATORIA

R3. L’itinerario è piuttosto continuo e le protezioni non sempre ravvicinate.

LUNGHEZZA DISLIVELLO

130m

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

sites.google.com/view/paretediferro

RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra