Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowVia dei Camorzieri

Via dei Camorzieri

Primi salitori: Franco Miotto, Valentino Prest e Piero Fornasier il 14 Luglio 1984 - Probabile nuova variante nella parte iniziale Beppe Ballico e Saverio De Toffol il 24 Ottobre 2019
Scheda via a cura di: Beppe Ballico
Area: Dolomiti Gruppo: Dolomiti Bellunesi Cima: La Palazza Stato: Italia Regione: Veneto

Via aperta da Franco Miotto, Valentino Prest e Piero Fornasier il 14 Luglio 1984 sulla Palazza nei Monti dei Sole, Dolomiti Bellunesi, raramente ripetuta. Probabile nuova variante nella parte iniziale Beppe Ballico e Saverio De Toffol il 24 Ottobre 2019. Quota attacco: 1450 m

ACCESSO GENERALE

Dalla Località Mas (Bl) all'inizio della Val Cordevole, seguire le indicazioni per San Gottardo (Bl). Una volta raggiunto l'antico convento della Certosa di Vedana, proseguire la strada asfaltata verso sinistra fino a imboccare la stretta strada asfaltata che sale alla piccola frazione "Le Rosse alte" (540 m). Parcheggiare subito dopo le ultime case a sinistra su ampio parcheggio.

ACCESSO

Due possibilità: per la Val Salèt (Vedasi guida M.ti del sole di Sommavilla e Celi) oppure dalla località Le Rosse di Vedana 500 m circa (consigliato).
Dalle Rosse di Vedana: dal villaggio Le Rosse Alte, dove si parcheggia, si segue il sentiero in direzione Ovest ben marcato che prima in leggere discesa e poi in salita, che porta a girare un crinale in vista del Lago del Mis. Si continua a scendere fino al fondo di una stretta valletta denominata Val de San Danièl e si prosegue sull'altro versante. Si scende una scaletta metallica in corrispondenza di un salto in corrispondenza della profonda Val Carpenàda e successivamente ad un bivio con indicazioni in legno, si segue a destra in salita per Casera Nusièda alta (970 m), sulle pendici sud-occidentalidel Piz de Nusièda. Raggiuntola, si sale nel bosco mantenendo leggermente la destra verso una fonte d'acqua e per tracce e ometti salire ripidi nel bosco di nocciolo fino ad una radura in vista del caratteristico Sass de Peralòra. Seguendo vari tagli su mughi lo si raggiunge, proseguendo per il crinale sempre in salita si perviene alla Forzèla delle Canèvuze (1560 m). Ci si abbassa nel bosco e seguendo con lunga traversata con qualche segnalazione di colore rosso, per lo più sbiadita, si passa sotto un anfratto giallo, superando un ghiaione e un pendio con mughi. Si continua sotto le rocce del versante est del Zìmon de Peralòra e aggirata una conca, da ultimo in discesa intorno a una costola rocciosa, si prosegue individuando il passaggio tra tagli di mughi, fino allo stretto canale che sale al Forzelòn de le Mughe. Si prosegue attraversando tra fitti mughi e brevi salti di rocce fino ad un canalino di ghiaia che si scende per circa 50 m. Facendo attenzione, si prosegue in direzione nord ovest (sinistra faccia a valle) fino ad una stretta zona prativa a ridosso delle pareti proprio di fronte alla parete Ovest della Palazza. Abbassandosi per ripide zone erbose, si individua il passaggio tra mughi per ridiscendere zig zagando le ripide fasce rocciose in direzione alta Val Salèt (passaggi di II). Senza via obbligata ci si porta in direzione dello sbocco di un largo canale, dove si risale con passaggi di II la Busa del Fornèl fino a 1450 m circa (acqua anche a stagione avanzata). L'attacco si trova in corrispondenza di un camino spesso bagnato. Calcolare 4.30 h circa.

ITINERARIO

L1: Salire il camino per circa 15 m, obliquare a sinistra fino sotto ad un diedrino nerastro. Sosta da attrezzare, IV, 30 m.
L2: Proseguire per il diedrino fino sotto a delle pareti strapiombanti. Sosta da attrezzare, V, 25 m.
L3: Attraversare in leggera discesa verso destra per circa 10 m fino a risalire un sperone a sinistra di un vago canale. Continuare su roccia più facile e ben appigliata verso sinistra fino sotto a delle brevi placche compatte. Sosta da attrezzare, V, IV-, 50 m.
L4: Proseguire in direzione di una fascia di strapiombi, superando delle compatte placche di roccia ottima fino sotto ad un tetto. Sosta da attrezzare, IV+, V, 55 m.
L5: Seguendo una facile rampa verso sinistra per circa 10 m, si risalgono alcuni salti fino all'inizio del catino erboso. Sosta da attrezzare, IV-, 25 m.
L6: Salire per 150 m il ripido pendio rimanendo verso sinistra sotto le pareti. Raggiungere la grande nicchia con passi di III. Sosta su ottima clessidra con cordone (lasciato).
L7: Alzarsi a sinistra e superare in leggero strapiombo un atletico passaggio (ch con vecchio cordino). Proseguire su roccia ottima, ma di difficile protezione con friend e superando una strozzatura (vecchio cuneo cilindrico con cavetto in ferro) si raggiunge una piccola nicchia. Sosta 1 ch (lasciato), IV+, 45 m.
L8: Attraversare su cengia esposta fino ad un mugo, proseguire brevemente in verticale fino a raggiungerne un altro su buon terrazzo. Sosta mugo, II, 30 m.
L9: Risalire un tratto di roccia giallastra (III) per raggiungere una larga cengia, proseguire attraversando delicatamente verso destra tra zolle d'erba e roccia instabile fino ad una parete rocciosa. Da questa abbassarsi arrampicando delicatamente (cl con cordino lasciato) fino alla conca erbosa. Sosta da attrezzare su masso, III+, 60 m.
Facilmente si risale il ripido pendio fino ad un breve e facile canalino che porta alla Forcella del Mònt Alt. 80 m

DISCESA

Individuando i vari tagli su mughi, raggiungere i resti di una vecchia casera. Seguendo una vaga traccia, ci si abbassa nel largo vallone denominato Val dei Pèz e facendo attenzione a non perdere la traccia che si districa tra fitti mughi. Individuando un valloncello, lo si scende rimanendo a destra su vaga traccia fino ad una radura dove si trova una sorgente. Superata la zona prativa, si scende nel bosco ripidamente entrando nella Cengia Longa Alta che si percorre con attenzione fino al Col dei Pòrz (1113 m). Facendo sempre attenzione a non perdere la traccia, si individua il sentiero che inizia a scendere in mezzo al bosco fino al Col de la Cazèta (826 m) e sempre ripidamente si scende lungo l'evidente sentierino per il Costone del Col dei Spin. Raggiunto il sentiero che proviene da San Gottardo, lo si segue verso destra costeggiando il fiume Cordevole fino a che si riesce a guadare nel punto più agevole in direzione di Candàten (419 m). Calcolare 3 h

MATERIALE

Normale dotazione alpinistica con buon assortimento di chiodi e martello.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Via dei Camorzieri"

Nessun commento per l'itinerario Via dei Camorzieri

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

ORARIO

4.30 h circa

DIFFICOLTÀ

La via originale fino al IV+. Con la variante, alcuni passi di V

VERSANTE

Ovest

LUNGHEZZA DISLIVELLO

550 m

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
COVER
Via delle Rosine, prima discesa, #iorestoacasa
Federico Ravassard Outdoor Photography