Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowNessuno vuole essere Robin

Nessuno vuole essere Robin

Primi salitori: Gianluca Forti con l'aiuto di Nicholas Ferrari il 5 luglio 2019 e di Nicholas Ferrari e Sandro De Toni il 6 luglio 2019
Scheda via a cura di: Gianluca Forti
Area: Alpi Retiche Gruppo: Valle Daone Cima: Parete Cascata di Danerba Stato: Italia Regione: Trentino - Alto Adige

Nessuno vuole essere Robin è una via alpinistica moderna: ha passaggi molto belli a volte lontani dalle protezioni. In più punti è vietato cadere, pena la possibilità di farsi male. Bisogna prestare attenzione in particolare su L2 (6b+ lontano dalla protezione) e su L5 dove si deve integrare a nut piccoli e friend sulla fessura che congiunge secondo e terzo fix.

La via è consigliabile solo a cordate in grado di proteggersi in modo adeguato e capaci di muoversi su granito con difficoltà obbligatorie di 6b+. L1 permette di valutare se proseguire o meno.

Ultima precisazione: sulla via ci sono fix di marche diverse. Questo perché Nicholas e io, da operai con scarse disponibilità economiche, abbiamo comprato i fix un po’ alla volta e in negozi diversi, in base alle finanze del momento. Comunque, estetica a parte, i fix sono inox 10 mm, lunghi da 85 ai 90 mm, tutto materiale omologato e piantato da un gommista con 10 anni di esperienza. In caso di dubbi sulla linea da seguire, tenere la dx.

ACCESSO GENERALE

Raggiungere la Valle di Daone. Raggiunto il Lago di Boazzo, continuare per la SP 27 superando il ponte sul Rio Danerba; subito dopo il ponte sulla destra c’è una grande costruzione (colonia estiva con chiesetta). Ci sono discrete possibilità di parcheggio a sx o poco oltre, sempre a sx. Subito sopra la colonia parte una marcata traccia (scarse segnalazioni bianco-rosse); imboccarla e continuare fino a individuare in breve segnalazioni gialle (punti e piccole frecce poco visibili) che in obliquo a dx portano su terreno boscoso ripido, ma pulito; seguirle fin sotto le evidenti placche situate sopra la Cascata di Danerba. Il primo itinerario che si incontra è “Un Tempo Furono Guerrieri”; tramite corda fissa su albero superare un breve salto roccioso, proseguire alla base della parete superando le targhette di attacco di “Cavalcando l’Orso“, “Per Chi Mi Hai Preso” e “Le Fiabe di Danerba” e continuare a traversare prima su ampia cengia e poi su placca insidiosa, se umida (fissa); al suo termine salire a sx per canale vegetato (fisse – la parete resta sulla sx nel senso di marcia) e proseguire diritti per il successivo, breve pendio boscoso. Un gigantesco abete caduto durante la tempesta di ottobre 2018 sbarra l’accesso alla base della parete. A dx attacca “In Viaggio per l’Anniversario”, a sx “Ci Rivediamo Paolino”. Ancora più a dx, nei pressi di un albero a più fusti scendere verso il torrente contornando una placca; appena possibile risalire per vago canale (fisse); al suo termine per placca erbosa a un pulpito con abeti sulla sx (fisse).

ACCESSO

Subito sopra la colonia parte una marcata traccia (scarse segnalazioni bianco-rosse); imboccarla e continuare fino a individuare in breve segnalazioni gialle (punti e piccole frecce poco visibili) che in obliquo a dx portano su terreno boscoso ripido, ma pulito; seguirle fin sotto le evidenti placche situate sopra la Cascata di Danerba. Il primo itinerario che si incontra è “Un Tempo Furono Guerrieri”; tramite corda fissa su albero superare un breve salto roccioso, proseguire alla base della parete superando le targhette di attacco di “Cavalcando l’Orso“, “Per Chi Mi Hai Preso” e “Le Fiabe di Danerba” e continuare a traversare prima su ampia cengia e poi su placca insidiosa, se umida (fissa); al suo termine salire a sx per canale vegetato (fisse - la parete resta sulla sx nel senso di marcia) e proseguire diritti per il successivo, breve pendio boscoso. Un gigantesco abete caduto durante la tempesta di ottobre 2018 sbarra l’accesso alla base della parete. A dx attacca “In Viaggio per l’Anniversario”, a sx “Ci Rivediamo Paolino”.

ITINERARIO

Attacco - Alla base di un vago pilastro, sulla dx di L2 di “In Viaggio per l’Anniversario”.

L1: Salire il pilastro e la placca successiva; primo fix alto (12 metri - attenzione!); obliquare poi a dx puntando al secondo fix; da questo ancora in obliquo per placche ed erba e in traverso a dx su cengia erbosa e boscosa (cordone fosforescente - luglio 2019) (45 m - 5b)

L2: Dalla sosta a dx sulla cengia per 7-8 metri; appena possibile salire in lieve obliquo a sx ribaltandosi in placca e puntando alle protezioni; tra secondo e terzo fix c'è un passo obbligatorio tecnico su funghi svasi. In apertura sono salito diritto dalla seconda protezione. Ci si può spostare anche più a sx, su funghi buoni che però non sono stati puliti; si consideri che, salendo a sx, un eventuale volo sarebbe lungo e in obliquo. Dal terzo fix a dx per breve placca e cengia (friend #0.4); quindi puntare all'albero con cordone e raggiungere la comoda sosta su boschetto sospeso (25 m - 6b+);

L3: Tiro stupendo, che sale l’intero muro a onde ricoperto di knobs; dalla sosta puntare al fix e superare con passo atletico un bombè; proseguire poi per placca scegliendo la traiettoria migliore. Sosta al termine del pilastro, a dx di una gradinde fessura non visibile dal basso. 3 protezioni sul tiro (40m - 6a)

L4: Dalla sosta abbassarsi 4 m e iniziare un lungo traverso verso dx puntando alla stupenda placca visibile in lontananza. Il tiro non è difficile e per i primi 10 m è bello. Non è chiodato. Io mi sono protetto con un BD #0.5; ma c'è la possibilità di aggiungere altro (a occhio #0.3 e #1). (25 m - 5b)

L5: Molto bello. Dalla sosta puntare diritti al fix; quindi iniziare un delicato e tecnico traverso ascendente a dx per arrivare al secondo fix (non visibile da sotto). Da questo ancora a dx puntando alla fessura sul fondo di un bel diedro (nut piccolo e fr). Quando la parete si verticalizza, uscire per placca a dx e proseguire in direzione di una cengia erbosa sopra cui si nota il terzo fix - VII- obbl. - protezioni fisse distanti). Dal fix diritti per placca e risalti erbosi (fix con cordone aggiunto a via conclusa) fino alla sosta su faggio, rinforzabile con friend in fessura poco più sopra (soluzione adottata in apertura) (45 m - 6b);

L6: Collegamento. Da S5 traversare nel bosco per 10 m, fino alla comoda sosta a fix (10 mt - I); è possibile unire il tiro con L5, ma a costo di attriti.

L7: Doveva pur esserci un tiro brutto… Alzarsi in obliquo a dx su placca sporca e puntare a una fessura orizzontale dove ci si protegge; poi ancora in obliquo e diritti per placca terrosa (1 fix aggiunto in seguito); salire tra l’erba e, aggirando una macchia di alberi, puntare verso sx a un’ampia cengia erbosa e boscosa. Riportatisi sotto la parete a sx, rimontare il primo tratto della placca terminale e arrivare alla comoda sosta su cengia erbosa (40 m - 5c)

L8: Dalla sosta a dx, puntando al primo fix in placca; continuare sulla grande, bella placca inclinata a dx prima dritti e poi in obliquo a dx. 5-6 metri dopo il secondo fix la placca si abbatte, Ma mancano 15-20 m per arrivare in sosta, su albero (cordone con maglia rapida) - (50 m - 5c).

DISCESA

Discesa: doppie sulla via - Quando possibile usare i cordoni in loco; in particolare su S3 e S1 i maillon rapide aumentano gli attriti in fase di recupero.

- Da S8 a S7 (albero posto in corrispondenza di S7 7 metri più in basso nel bosco - Cordoni e maglia in loco)
- Da S7 a S3 per bosco; disporre bene le corde
- Da S3 a S2 (la calata diretta a S1 è possibile; ma, da nostra prova provata, le corde tendono ad annodarsi sui knobs)
- Da S2 a S1
- Da S1 a S0 (scomoda perché in traverso; in alternativa da S1 a larice ca 30 m sotto; e da questo alle fisse sulla placca di accesso - portare un cordone per attrezzare la sosta sull’albero.

MATERIALE

Per una ripetizione corde da 60 metri, 8 rinvii, BD da #0.4 a #1, nut piccoli.
Tra qualche anno cordoni e maglie nuovi (luglio 2019).

NOTE

La via è più ingaggiosa e impegnativa delle sorelle vicine. Va evitata dopo piogge: L1, L2 e L4 si bagnano molto. Il secondo, il terzo e il quinto tiro valgono la via. Considerate le caratteristiche dell’itinerario, ricordiamo che l'arrampicata in ambiente è uno sport pericoloso e che chi la pratica lo fa a suo rischio e pericolo.

Prima ripetizione: Sandro De Toni, seguito da Gianluca Forti e Nicholas Ferrari il 13 Luglio 2019

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Le vie del cielo (P.Amadio & A.Davorio) edizioni Alpine Studio.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Nessuno vuole essere Robin"

Nessun commento per l'itinerario Nessuno vuole essere Robin

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

6b+

DIFFICOLTÀ OBBLIGATORIA

6b+

LUNGHEZZA DISLIVELLO

260 m

PDF

Nessuno vuole essere Robin

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.daoneclimbing.it

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni