Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowCresta delle Rocce del Nivolet

Cresta delle Rocce del Nivolet

Scheda via a cura di: Umberto Bado, Guida Alpina
Area: Alpi Graie Gruppo: Valle Orco Cima: Rocce del Nivolet Stato: Italia Regione: Piemonte

La cresta delle Rocce del Nivolet, posta nei pressi dell'omonimo colle nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso, è composta da tante piccole torri di buona roccia che poggiano su un terreno di pietraie e sfasciumi. Da sempre percorsa in lungo ed in largo, la cresta offre tanti bei passaggi "granitici" su roccia salda, ma che spesso vengono evitati per la mancanza di possibilità di poter poi scendere comodamente, o semplicemente perchè il terreno offre delle alternative più semplici.

Tra il 2017 e il 2018, insieme a Gabriele Pellerino e Giulia Cibrario, abbiamo rettificato l'itinerario così da consentirne una ripetizione più divertente dal punto di vista dell'arrampicata. L'idea di attrezzare parzialmente l'itinerario non è dovuta al voler addomesticare la salita ma, proprio il contrario, ovvero di renderla tecnicamente più interessante e meritevole di ripetizione. La cresta, che mantiene la caratteristica di un itinerario classico e richiede capacità di orientamento, di sapersi proteggere e di camminare "spediti" nelle numerose parti a corda corta, da oggi, offre anche dei passaggi di arrampicata in più e qualche bella calata in doppia tra i numerosi pinnacoli di roccia. Insomma, può essere un valido banco di apprendimento per creste ben più selvagge e impegnative.

Lungo la cresta sono stati posizionati alcuni fix da 10 mm per permettere il superamento di salti non proteggibili, per poter fare delle buone soste e per scendere in doppia dalle torri più impervie.

ACCESSO GENERALE

Risalire la Valle dell'Orco lungo la provinciale 460. Superare il paese di Ceresole Reale e proseguire fino al Colle del Nivolet a quota 2612 m. Strada del Nivolet aperta dal 15 giugno al 15 ottobre. Nei weekend estivi possibilità di navetta. Parcheggiare al Colle del Nivolet presso la fermata del bus.

ACCESSO

Dal piccolo posteggio del Rifugio Città di Chivasso prendere la mulattiera che risale le rocce montonate verso est. La cresta è ben visibile.
Seguire la mulattiera e, scendendo alcuni tornanti, raggiungere un piccolo lago con i ruderi di una cucina militare. 10 minuti dall'auto. Questo lago è raggiungibile anche salendo dal sentiero che parte poco dopo l'ultimo tornante della strada del Nivolet, 150 metri prima del punto panoramico.
Dalle sponde del laghetto salire la pietraia in direzione della cresta giungendo alla base del primo salto. 15/20 minuti

ITINERARIO

Per facilitarne la descrizione, la cresta è suddivisa in cime (vedere foto) e il percorso non obbligato ma adattabile alle capacità di ognuno aggirando i salti impegnativi sul lato ovest o est

Il primo salto si affronta sulla destra lungo una breve placca fessurata. Cordone in cima. Superando altri due semplici salti e percorrendo la cresta di blocchi si arriva sotto un evidente paretina compatta con spit.

Cima 1: affrontare lo spigolo atletico utilizzando gli spit ( 6a+ o Ao) e arrivare in cima al salto. Sosta con un spit. Possibilità di integrare. Seguire il facile filo di cresta fino al salto successivo che si affronta sul lato sinistro.
Cima 2: superare un breve strapiombo e seguire la fessura in placca fino a scavalcare la cresta. Cordone sul filo di cresta. Ridiscendere fino all'intaglio( spit) e sostare a friends sulla comoda cengia. Proseguire a corda corta e dopo una breve disarrampicata arrivare sotto il salto successivo.
Cima 3: salire sul filo di spigolo portarsi sul lato destro. Fino sotto una evidente fessura/diedro. Spit e chiodo. Salire la fessura. Spit di sosta in cima
Scendere fino alla salto successivo.
Cima 4: per cengia erbosa spostarsi a destra e salire un bel diedro con fessura via via più larga, spit. Raggiungere la cima e sostare su uno spit.
Scendere al salto successivo che si affronta a sinistra.
Cima 5: superare la larga fessura, spit, e giungere ad un bel terrazzo ( sosta su spuntone). Proseguire con facile arrampicata fino in cima.
Scendere al salto successivo per facili placche.
Cima 6: affrontare lo spigolo atletico ma ben manigliato, uno spit. Sosta in cima con spit e friend.
Scendere all'intaglio con la cosidetta Testa di Garibaldi. Facile scappatoia sul lato ovest.
Cima 7: Testa di Garibaldi: per cengia portarsi sul lato est e sostare su uno spit + friend
Salire fino sotto la parete compatta e traversare a destra passando in un buco che da accesso alla parete nord. Sosta su friend e chiodo a pressione. Salire la bella placca chiodata a pressione giungendo sulla piatta e aerea vetta.
Ridiscendere con una corda doppia all'intaglio da cui si è partiti.
Facile scappatoia sul lato ovest.
Aggirare ad ovest il piccolo gendarme successivo e portarsi alla base di un bello spigolo a gradoni con spit.
Cima 8: salire lo spigolo con arrampicata facile e divertente. Ribaltarsi sulla piatta cima e seguirla verso nord, sempre più stretta. Al termine della " passerella" uno spit con cordone protegge la discesa sul lato est. Mettere piede sulla piattaforma sottostante e seguirla verso nord fino ad una sosta con due spit. 30 metri.
Calarsi o disarrampicareall'intaglio. Spit per ancorarsi.
Proseguire sul lato ovest fino ad uno spit con maillon che consente di scedere alla sella sottostante.
Cima 9: raggiungibile in due maniere. A destra diedro atletico da proteggere e con due spit ( qualche sasso instabile) oppure da sinistra per rocce facili. Sosta con cordone blu in clessidra appena fuori dal diedro atletico. Proseguire verso la cima lungo una facile placca via via più inclinata ed aerea. Quasi nel punto più alto vi è la sosta per la doppia sul lato ovest. 15 metri di discesa. Disarrampicare alla forcella e salire alla parete successiva.
Cima 10: il salto si presenta con belle fessure atletiche. Salire quella di destra e con arrampicata fisica raggiungere la cima. Sosta con uno spit. Possibilità di aggirare il salto facilmente sul lato est.
Continuare lungo la cresta con tratti di disarrampicata e arrampicata facile su blocchi.
Cima 11 detta " L'arca di Noè": affrontare il salto lungo una bella ma breve fessura che conduce al blocco sommitale. Spit di sosta. Salire sul blocco, punto più alto della traversata, e seguendo un cengia sul lato est raggiungere la sosta di calata.

DISCESA

Una breve calata conduce ad una grande piattaforma. Sullo spigolo nord ( continuare nel senso di marcia) reperire un altro ancoraggio che con 15 metri di doppia conduce su una bella cengia alla base del gendareme della " Caffettiera" che non si sale. Per un camino con blocchi contornare ad est la Caffettiera e ritornare ad ovest dopo di esso puntando al bordo nord del terrazzo ingombro di massi. Un metro sotto il bordo troverete la sosta di calata che con 15 metri esatti conduce alla fine delle difficoltà della cresta.

Possibilità di rientro verso il laghi del Nivolet a ovest (20 minuti fino al lago e alla strada che riporta al colle del Nivolet. 40 minuti in totale) oppure continuare sulla ormai facile cresta di sassi giungendo alla Costa di Mentà da dove per tracce di sentiero si può scendere sia verso il Nivolet sia verso la Valle Orco se si è parcheggiato prima del punto panoramico.

MATERIALE

30 metri di corda, friends dallo 0,4 al 3 BD, scarpette d'arrampicata per facilitare la libera del gendarme 1 e della Testa di Garibaldi.

NOTE

Tempi: circa 4 ore di cresta. Molto variabili a seconda dei salti aggirati.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Cresta delle Rocce del Nivolet"

Nessun commento per l'itinerario Cresta delle Rocce del Nivolet

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

5a

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

guidealpinetorino.com

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra