Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowSenza perdere la tenerezza

Senza perdere la tenerezza

Primi salitori: Roberto Iannilli in solitaria il 28 e 29 luglio 2009 (con bivacco in parete), dopo un tentativo con Cesare Giuliani dell’anno precedente.
Scheda via a cura di: Roberto Iannilli
Area: Appennino Centrale Gruppo: Gran Sasso Cima: Gran Sasso d'Italia, Corno Piccolo Stato: Italia Regione: Abruzzo

La via sale gli strapiombi gialli sotto il “Pancione di Cavalcare” e prosegue per una fessura al limite destro della placconata superiore. I due tiri degli strapiombi sono prevalentemente in artificiale, con difficoltà superiori a quelle de “L’eredità di Marco”, mentre la parte superiore non supera il VI+. Sicuramente ripetibile in giornata. Il tiro chiave è consigliabile farlo in scarpe da trekking, portandosi le scarpette da arrampicata da calzare per fare il tratto finale in libera. La via è dedicata a Giampiero Capoccia.

ACCESSO

Attacco poco oltre la rampa/canale dove inizia “Cavalcare la tigre”, subito a destra di una piccola grotta, con accanto un diedro.

ITINERARIO

1 e 2) Salire il diedro (VI; friend) e le rocce più facili che seguono, fino ad una sosta attrezzata, al termine del canale/rampa di attacco di “Cavalcare la tigre”. (60 m.; sosta con due chiodi. Tiro unificabile)
3) Continuare per roccette ed erba, prima sulla destra della sosta e poi in verticale, verso la parete leggermente appoggiata che è alla base degli strapiombi. (25 m.; sosta da attrezzare)
4) Salire la parete su roccia articolata e ben appigliata (IV), in direzione di una “spaccatura” che incide in modo interrotto gli strapiombi verso sinistra (ce ne è un’ altra che dallo stesso punto va verso destra). (30 m.; sosta con due chiodi poco prima della “spaccatura”. C’ è anche una seconda sosta all’ attacco degli strapiombi, nel punto di inizio delle due “spaccature” divergenti)
5) Superare il difficile muretto che porta al vero inizio della spaccatura e continuare fino ad una scomoda sosta in una nicchia, dove la spaccatura si chiude (A2+, V+ e VI; sky-hook  chiodi e friend). (25 m.; sosta con tre chiodi)
6) Continuare per una fessura (prosecuzione della “spaccatura”) e poi andare verso sinistra con arrampicata artificiale sostenuta e precaria. Quindi in verticale superare il tratto più strapiombante e liscio, fino ad una fessura interrotta che va verso destra e che porta ad un’ altra fessura, finalmente arrampicabile in libera, che esce nel punto in cui “C. la T.” fa il passo in discesa per raggiungere l’ inizio delle difficoltà (A3+/A4 [?], V+, passo di VI+; nove/dieci chiodi [alcuni auto costruiti di dimensioni minime, tre lasciati], uno spit [limite del tentativo con Cesare Giuliani], molti sky-hook, quattro bird beak, una clessidra, un allumin-head lasciato [copper-head in alluminio], sei rivetti [alcuni lasciati con rivet-hangers incastrato], friend e due dadi [uno lasciato smartellato]). Fare il passo di “C. la T:” in salita (V+; dado) ed accedere alla comoda cengia erbosa, alla base della fessura di “Viaggiatore incantato”. (45 o 50 m.; sosta con due chiodi sotto una vecchia corda fissa. Punto di bivacco, ottimo anche per due persone)
7 e 8) Spostarsi al limite destro della cengia, alla base di una fessura con l’ attacco strapiombante e salirla (passo di A1, passo di VI+, il resto V+; friend). Continuare sempre per la fessura un po sulla sinistra e al suo termine proseguire per una bella placca appoggiata (V e V-; clessidra con cordino lasciato alla base). (70 M.; soste da attrezzare)
9 e 10) Superare la placca/muretto solcata da profondi rivoli sopra la sosta (V) e continuare in direzione di un evidente diedrone/fessura. Salirlo  (IV+) e sostare al suo termine (trovata una clessidra con cordino), sotto un poco marcato e lungo tetto. (70 m.; sosta da attrezzare)
11 e 12) Superare il tetto per una spaccatura (V) e continuare su difficoltà contenute (III+/IV-) fino ad uscire in cresta. (60 m.; sosta da attrezzare)

DISCESA

La discesa più breve è quella lungo la cresta Nord del Corno Piccolo (due brevi doppie e passi di II°), riporta direttamente all'arrivo della seggiovia. Se si deve ripassare per il Rifugio conviene salire in vetta e prendere la ferrata Danesi, che riporta alla Sella dei Due Corni e di li, in breve, al Rifugio.

MATERIALE

Per una ripetizione occorrono chiodi di varia foggia (tre o quattro a punta, piccolissimi), friend fino al N° 5 della serie Camalot, dadi, quattro o cinque bird-beak (rurp con la lama un poco più lunga e sottile), quattro rivet-hangers (cavetti da strozzare sui rivetti), almeno due sky-hook, due doppie staffe e gancio fiffi all'imbrago.

NOTE

La via è dedicata a Giampiero Capoccia. Giampo era una persona che aveva il potere di farti sentire bene, era capace di darti sempre qualcosa di positivo. Passare del tempo con Giampiero in montagna, a teatro, o a cena, era arricchirsi. La sua dolcezza era a disposizione di chi ne aveva bisogno, senza fatica, come trasmettere calore, con tenerezza, garbo, passione; come comunicare con un senso a molti  sconosciuto.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Senza perdere la tenerezza"

Nessun commento per l'itinerario Senza perdere la tenerezza

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

EX- (tiro di A3+/A4 [?] e passaggi fino al VI+)

VERSANTE

Est

LUNGHEZZA DISLIVELLO

390m

LINK

www.planetmountain.com/News/shownews1.lasso?l=1&keyid=36985

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni