Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowAngoscia

Angoscia - Sojo Rosso, Monte Pasubio

Primi salitori: Andrea Micheletto, Andrea Dalle Nogare, Alessandro Galasso, 10 Novembre 2002.
Scheda via a cura di:
Area: Prealpi Venete Gruppo: Piccole Dolomiti Cima: Sojo Rosso, Monte Pasubio Stato: Italia Regione: Veneto

Dal basso in cinque riprese e con l’uso esclusivo di protezioni tradizionali, è stata aperta la via più impegnativa sia tecnicamente che psicologicamente dell’intero gruppo delle Piccole Dolomiti-Pasubio. 'Angoscia' sale diretta sulla parte più repulsiva ed impressionante del Sojo Rosso, attraversando tratti di roccia poco consistente nella prima parte, tetti, strapiombi e tratti di roccia compatta e priva di appoggi fino a raggiungere la colata nera che porta all’imbocco del diedro finale, dove la roccia diviene compatta e ben lavorata. Per una ripetizione portare con sè dadi e friends delle misure più piccole e una serie di chiodi ben assortiti. Le soste sono a spit da 8mm. piantati a mano e dalla quarta a salire sono tutte nel vuoto. Da tenere ben presente che una volta oltrepassato il tiro del traverso, la discesa in corda doppia NON è più possibile. La via è stata percorsa in ore 8,30 in arrampicata libera dagli apritori fino al grado di 7c. Per i tratti con difficoltà superiori i gradi sono indicativi e da confermare.

ACCESSO GENERALE

Da località Ponte Verde sulla strada N°46 del Pasubio, si svolta a destra in direzione Passo Xomo-Posina. Dopo circa 400 mt si imbocca sulla sinistra una sterrata che porta direttamente alla base dei ghiaioni del Sojo Rosso. Da qui si prende il sentiero che porta alla base della parete (Voro D’Uderle) e lo si percorre fino quasi al termine del suo tratto pianeggiante. La via attacca in corrispondenza di un diedro-rampa erboso.

ITINERARIO

L1: Si sale il diedro-rampa per 55.mt fino ad un pulpito. (tiro in comune con la via Gran Solco)
L2: Si prosegue per il diedro fessura sovrastante per poi traversare verso destra per circa 10 mt. fino alla base di un diedro verticale che si percorre fino a raggiungere la sosta su di un terrazzino. (25 mt. max 6-/5 nessun chiodo)
L3: Su roccia friabile si percorre il diedro che descrive un arco verso destra fino ad uno strapiombo che blocca l’accesso alla rampa erbosa soprastante e quindi alla sosta. (25 mt. max 6c o 5° e A0. 12 chiodi. Tiro già esistente.) L4: Salendo verso sinistra su una gialla placca con dei buchi ci si porta sotto un tetto (6b), lo si supera al margine sinistro e si sale direttamente fino a raggiungere una lama formata da un grande scheggione appoggiato (6+). Una volta saliti oltre lo scheggione più facilmente si guadagna la sosta posta alcuni metri sopra e a destra (5/4). (30 mt. max 6b. 6 chiodi).
L5: Dalla sosta verso destra puntando a due chiodi a lama si sale per 3 metri per poi traversare verso sinistra sotto ad un tettino a forma di triangolo e quindi raggiungere una mensola in alto a sinistra (7b o 6+ e A2). Dalla mensola più direttamente puntando ad un chiodo con cordino (7b o A2) continuare mirando alla parte più debole del grande tetto soprastante e ben visibile dal basso (6c). Superare il tetto (7a) per poi salire su di una levigata e molto tecnica placca leggermente appoggiata, fino alla sosta (6c+). (30 mt. max 7b o A2. 14 chiodi).
L6: Leggermante a destra della sosta, alzarsi diritti fino ad una piccola mensola dietro alla quale si trova un chiodo non visibile dal basso. Alzarsi fino a raggiungere (6c+) e poi percorrere per l’intera sua lunghezza, una lama friabile proteggibile con dadi e friends fino a ridosso di una pancia nella roccia che offre una lavagna inclinata per l’appoggio dei piedi e rari appigli per le mani. Attraversare questo settore verso sinistra per circa tre metri (7b+ o 7 e A1), salire quindi su roccia nera per tre metri e compiere un ulteriore difficile traverso a sinistra fino alla sosta (8a o A1). (30 mt. max 8a o A1. 14 chiodi).
L7: Seguire i chiodi che tracciano una linea perfetta dal nostro punto di sosta alla sosta successiva. Si incontra inizialmente un tratto strapiombante caratterizzato da rari appigli, ancor più rari appoggi e chiodi distanziati (8a+ o A3) e un secondo e più facile tratto (7a) che conduce alla sosta. (20 mt. max 8a+ o A3. 9 chiodi).
L8: Leggermente verso destra e poi direttamente su roccia più articolata si sale per circa 8 chiodi (7a+ o A1). Compiendo un traverso a destra (6b) si entra nel tratto composto da roccia grigia e compatta che conduce alla base del diedro finale e quindi alla sosta (6c+ e 6c). (40 mt. max 7a+ o 6°+ e A1. 13 chiodi. Libro di via).
L9: Seguire il diedro fino a portarsi sotto a degli strapiombi (6a+) che si evitano traversando leggermente verso destra per poi imboccare un diedrino tecnico che porta sulla placca appoggiata sotto al grande strapiombo dove è posta l’ultima sosta (6b e 6a). (40 mt. max 6b. 7 chiodi).
L10: Dalla sosta traversare a sinistra per pochi metri (4+) per poi incontrare gl’irti prati sommitali, sui quali ci si innalza per circa altri 150 metri fino a trovare tracce di passaggio. (2° e 3°)

DISCESA

Una volta trovate le tracce di sentiero le si seguono traversando verso sinistra per tutta la lunghezza del Sojo rosso fino ad imboccare il sentiero del Voro D’Uderle che conduce fino all’attacco della via.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Angoscia"

Nessun commento per l'itinerario Angoscia

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

ED Sostenuto. Difficoltà Massima: 8a+

DIFFICOLTÀ OBBLIGATORIA

7a+ e A3

VERSANTE

Sud

LUNGHEZZA DISLIVELLO

310m

PDF

Angoscia

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra