Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowVia Chiaraviglio - Berthelet

Via Chiaraviglio - Berthelet

Primi salitori: Curio Chiaravigli, Ettore Berthelet, 9 settembre 1918.
Scheda via a cura di: Luca Mazzoleni
Area: Appennino Centrale Gruppo: Gran Sasso Cima: Gran Sasso d'Italia, Corno Piccolo Quota: 2655m Stato: Italia Regione: Abruzzo

Via storica del Corno Piccolo, divertente, varia e panoramica. Discontinua nelle difficoltà ma consigliabile come facile primo approccio all’arrampicata. Si svolge lungo l’articolata cresta Sud del Corno Piccolo dalla Sella dei Due Corni fino alle scalette della Ferrata Danesi, aggirando la Punta dei Due, il Torrione Aquila e la Torre Cicchetti prima sul versante est (la prima Punta), poi su quello ovest (le successive due).

ACCESSO GENERALE

Dalla SS. n°80 L’Aquila-Teramo al bivio di Ponte Arno si sale lungo la provinciale a Pietracamela ed ai Prati di Tivo.  Dai Prati di Tivo per il rifugio Franchetti.

ACCESSO

Dai Prati di Tivo si prende la nuova cabinovia per la Madonnina 2028m. Se non volete prendere l’impianto di risalita potete percorrere la strada che dal piazzale sale al campeggio e prosegue alla sella di Cima Alta, chiamata anche del Laghetto o Balcone e senza nome sulla carta. Qui una stradina sale verso sud, attraversa un prato e incrocia perpendicolarmente una strada sterrata più larga che va verso un grande crocifisso: questa va ignorata, la si attraversa e ci si porta sul vicino e visibile crinale dell’Arapietra, seguendolo integralmente. Dopo un breve tratto più ripido il sentiero si fa comodo e oltrepassa i ruderi dell’Albergo Diruto 1896 m (costruito prima dell’ultima guerra mondiale e mai inaugurato). Si continua per il largo crinale dell’Arapietra e si arriva alla stazione superiore della cabinovia della Madonnina (ore 1.00).

Dall’impianto l’itinerario prosegue, difficile a smarrirsi, per la cresta verso le balze rocciose del Corno Piccolo: si evita in prossimità di un tornante un bivio a destra che va alla Ferrata Ventricini e si continua entrando nel grandioso Vallone delle Cornacchie attraverso il Passo delle Scalette. Superato il Passo si è nel Vallone delle Cornacchie, chiuso ai lati dalle incombenti pareti dei Due Corni e sospeso a valle sulle verdi colline dell’Abruzzo teramano.  La mulattiera si snoda tra i giganteschi massi di antiche frane fino a un punto in cui il vecchio muro in pietra a secco ha ceduto e la pista si fa più stretta: qui un cavo d’acciaio fa da mancorrente per aiutare i meno esperti. Oltre la Corda Fissa il sentiero sale deciso a svolte rapide e fitte, prendendo rapidamente quota nel Vallone. Dopo innumerevoli tornanti ecco apparire prima la bandiera e subito poi il rifugio Franchetti 2433 m (ore 1.00 dalla Madonnina).

ITINERARIO

Dalla Sella dei Due Corni 2547 m scendere una ventina di metri nel Vallone dei Ginepri tenendosi sulla destra, lungo il sentiero che costeggia le pareti della Punta dei Due. L’attacco è alla base del primo canale-camino che si incontra, dove è ancora visibile la scritta Chiaraviglio-Berthelet e il primo degli stinti triangoli che segnano l’itinerario. Salire il canale-camino (2°) e prima della paretina verticale che in alto lo chiude aggirare a sinistra lo spigolo (1 ch., 30 m). Seguire la rampa e con una breve prima Dulfer (3°-, 2 ch.) ci si porta in un largo camino di cui si scala la paretina che lo chiude uscendone sulla destra (1 ch., 30 m, 3°). Si è ora sull’ampia e solare cengia che taglia il versante est della Punta dei Due, con bella vista sul Vallone delle Cornacchie ed il rifugio Franchetti (dalla cengia due distinte catene consentono la calata in doppia (due corde da 50 m) o nell’ultimo camino della Chiaraviglio o sul versante est, verso il Vallone delle Cornacchie. Percorrere la cengia fino ad un forcellino e oltre per la cresta molto facile, sempre cercando la strada segnata da precari ometti e sbiaditi triangoli bordò. Si arriva così sotto un impressionante blocco di roccia incastrato a ponte tre due pilastri: è la spettacolare  “Finestra della Chiaraviglio” che si può aggirare o cavalcare da un lato all’altro, inquadratura perfetta per il fotografo. Si prosegue prima sul lato ovest, poi ad est della cresta, arrivando ad un altro forcellino proprio alla base della guglia del Torrione Aquila; da qui un vero pozzo consente la discesa (fettuccia su masso incastrato per una breve doppia di 8 m, altrimenti 3°-). Si scende leggermente su cenge e muretti fin sotto la compatta placca della Torre Cicchetti (fettuccia su masso incastrato). Ora via per la 2° Dulfer, appesi per le mani al netto scaglione detto  “Cengia del Pendolo” (6 m, 3° esposto), in piena esposizione sui brecciai da cui sale la Ferrata Danesi. Proseguire per rocce più facili fino ad incontrare la Danesi all’altezza della seconda scaletta metallica. Per i più la Chiaraviglio-Berthelet termina qui, ma i puristi certamente porteranno a termine la scalata salendo non per la scaletta ma la fessura-diedro e destra (3°), che sempre alla Danesi porta, pochi metri sopra la scaletta snobbata. Non rimane che seguire la ferrata e guadagnare la cima del Corno Piccolo (ore 2.00-3.30).

DISCESA

Per la via Normale da Sud o per la stessa ferrata Danesi.

NOTE

Dislivello: circa 120 m
Sviluppo: oltre 500m
Tempo di salita: ore 2.00-3.30

Rifugio Franchetti - 0861-959634 / 333-2324474.
Luca Mazzoleni è gestore del Rifugio Franchetti dal 1988, inoltre autore di  "La montagna incantata, 204 itinerari di scialpinismo nell’Appennino Centrale" edita da Porzi Editoriali nel 2004 e "Guida della’Alta Via scialpinistica dell’Appennino" edita da Porzi Editoriali nel 2010.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Gran Sasso, CAI Aquila

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Via Chiaraviglio - Berthelet "

Nessun commento per l'itinerario Via Chiaraviglio - Berthelet

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

PD+ (3°)

VERSANTE

Sud

LUNGHEZZA DISLIVELLO

500m

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.rifugiofranchetti.it

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra