Home page Planetmountain.com

arrowIce arrowItinerari arrowCime di Campo

Cime di Campo

Primi salitori: Francis Fox Tuckett, H. E. Buxton, Christian Michel, Franz Biener 01/08/1864
Scheda a cura di: Eraldo Meraldi, Guida Alpina
Area: Alpi Retiche, Gruppo: Ortles Cevedale, Cima: Cime di Campo, Quota: 3480 m, Stato: Italia

Le Cime di Campo dette anticamente Cime del Cristallo, sono le ultime elevazioni ad oriente della lunga catena del Cristallo: constano di tre vette di cui quella nord-ovest, unita per cresta al passo di Campo, è alta quasi come la sud-est; la centrale è la maggiore. Per ora ancora ben corazzate di ghiaccio sul versante nord precipitano verso la val Zebrù con imponenti pareti rocciose, solcate da profondi orridi canaloni racchiusi fra costole di roccia, formanti la selvaggia sponda settentrionale della valle e che destano stupore, specialmente nel tratto tra la Baita del Zebrù e quella di Pramighen. Tra la vetta orientale e lo sperone sud della Trafoier Eiswand si strozza la vedretta di Campo rompentesi verso valle ora purtroppo in continuo arretramento.

La prima ascensione della vetta maggiore e della N-O fu opera di F.F. Tuckett e H. E. Buxton con Chr. Michel e Fr. Biener l’1 agosto 1864, dal passo di Campo per la cresta N-E alla vetta N-O e per cresta alla centrale. La 1° ascensione italiana fu di Piero Pogliaghi con Luigi Bonetti dalla Vedretta di Campo nel 1881. Nel 1927 i temerari alpinisti Antonio Ballabio, Angelo e Romano Calegari effettuarono una grandiosa ascensione sulla imponente parete meridionale che porta alla cima SE sulla direttiva delle baite di Pecè in val Zebrù; una salita complessa per l’epoca e pericolosa per la continua caduta di sassi, su roccia quasi sempre friabile e con un dislivello complessivo di circa 1500 m.

Nel 1954 invece la cordata composta da Franco Fiocca, A.Fornaro e dal parroco don Biagio Muscetti invitato probabilmente all’ascensione come lasciapassare per i pericoli a cui andavano incontro, salì la maestosa parete sulla direttiva delle baite di Chitomas arrivando sulla cima centrale; superarono la parete in circa 8-9 ore dal fondovalle con oltre 1500 metri di dislivello su roccia da scadente a pessima con difficoltà fino al IV grado, una impresa notevole senza clamori di sorta.

Queste cime furono abbastanza frequentate fino ad oltre la metà del secolo scorso ed addirittura nel 1937 al passo di Tuckett a 3354 m s.l.m. venne costruito il rifugio Locatelli (ora diroccato) ad opera della sezione CAI di Bergamo; esso serviva principalmente come base d’appoggio nella allora molto frequentata traversata dal passo dello Stelvio al rifugio Quinto Alpini in alta val Zebrù. Nel 1975 a sostituire il detto rifugio inagibile è stato installato poco sopra il passo di Tukett, sulla cresta che porta all’anticima del Madaccio di Dentro, il bivacco Ninotta, il quale seppur un po’ malandato rende ancora il suo buon servizio.
Raggiungere le cime di Campo dalla val Zebrù sarà un’occasione unica ed irripetibile perché quando raggiungerete la vetta, un grandioso spettacolo si aprirà ai vostri occhi e non farete altro che ammirare il panorama rimanendo incantati e stupiti in rigoroso silenzio. Mai tanta bellezza alpina avrà riempito i vostri occhi e con qualche palpito ne accumulerete ancora di più quando l’occhio andrà a riposarsi sulla verde val Zebrù che da qui si domina in tutta la sua lunghezza.

ACCESSO GENERALE

Da Bormio si prende la strada che porta in Valfurva, passata la frazione di Uzza si arriva a San Nicolò. Da qui a destra della sede comunale, si sale verso Madonna dei Monti e si raggiunge la frazione di Niblogo dove si posteggia.

ITINERARIO

Si segue la carrareccia della val Zebrù dalla frazione Niblogo e raggiunte le baite di Campo (questo tratto potrebbe essere effettuato in bicicletta) ci si porta in prossimità del rifugio Campo. Poco prima si scende al torrente ed individuato il piccolo ponticello ci si porta sul lato destro idrografico della valle. Si continua ora salendo nel bel bosco di pini mughi lungo il sentiero che a tornanti si alza gradualmente sul ciglio destro della parte iniziale della val di Campo arrivando fino al limite del bosco. Poco dopo l’ultimo tornante conviene gradualmente portarsi a sinistra per un centinaio di metri fino ad una costola prativa che si sale fino al suo termine. Da qui verso sinistra seguendo una cengia ascendente si entra nel vallone lambito a destra dalle irte pareti del Sasso Rotondo. Si segue il solco vallivo per qualche centinaio di metri portandosi poi a sinistra e salendo qua e là su ripidi sfasciumi intervallati da facili tratti rocciosi si raggiunge il bordo del falsopiano che nemmeno tantissimi anni fa era lambito dal ghiacciaio di Campo. Si prosegue più o meno al centro della detritica amena vallata che poi piega decisamente verso occidente e seguendo una costola ci si porta nella parte più alta e a destra della lingua terminale della vedretta di Campo. Si entra così sul ghiacciaio e passando alla base dei contrafforti meridionali del Madaccio di Dentro, si perviene nel grande pianoro sotto il passo di Tukett. A questo punto la parte finale della salita si fa ben evidente e in funzione delle condizioni dell’innevamento si deciderà se salire sulla prima cima, quella orientale (it. 1a), oppure sulla più elevata centrale con la occidentale. Il bacino sommitale del ghiacciaio è sempre stato caratterizzato da un’evidente dorsale nevosa che porta alla cima orientale ma con le condizioni climatiche attuali il ghiacciaio perdendo consistenza ha di fatto reso complicato questo passaggio sopra la crepaccia terminale; un buon innevamento ne facilita certamente il superamento. Oltre questo tratto la pendenza diminuisce gradualmente fino a raggiungere la cresta e seguendola verso sinistra ci si porta in breve alla vetta orientale. Per la traversata alla cima centrale (it. 1b) si segue in discesa la facile cresta verso ovest e arrivati al punto più basso si continua iniziando a salire per un centinaio di metri fino a quando conviene spostarsi sul versante meridionale in traversata ascendente a sinistra rimontando poi la cresta fino alla vetta. In altre condizioni conviene salire alla cima Centrale lungo lo scivolo a destra della direttiva della cima; esso presenta pendenze intorno ai 40-45° ma solitamente l’innevamento rimane perenne. Salito il ripido pendio a destra si raggiunge facilmente la cima nord-occidentale 3468 m (it. 1d) mentre piegando a sinistra seguendo la cresta ovest si raggiunge la cima centrale (it. 1c). Le cime di Campo sono raggiungibili più semplicemente anche partendo dal passo dello Stelvio, passando dalla zona sciistica, dalla vedretta del Madaccio fino al passo di Tuckett per poi scendere sulla vedretta di Campo, ma sarà tutta un’altra storia.

DISCESA

Lungo le vie di salita.

MATERIALE

Base da alpinismo, corda, piccozza e ramponi

NOTE

Quote di partenza: località Niblogo 1600 m - località Campo 1980 m
Punti d’appoggio in val Zebrù: rifugio Campo tel. 0342.929185, 347.2443693 - Ristoro La Baita 0342.1895103 - Rifugio Quinto Alpini 0342.929170

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Kompass 96 Bormio, Livigno, Alta Valtellina 1:50.000

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Cime di Campo"

Nessun commento per l'itinerario Cime di Campo

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

PERIODO

da giugno a ottobre

DIFFICOLTÀ

PD poco difficile

VERSANTE

est, nord-est, nord

LINK ZONA

Vai all'articolo

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario
Ti invitiamo a leggere ed accettare per continuare a usufruire dei nostri Servizi.

Condizioni utilizzo

Gentile utente,

ti informiamo che registrandoti al sito potrai usufruire di una sezione a te dedicata intitolata “Mercatino dell’usato”. Tale sezione si propone di mettere in contatto gli utenti che desiderano vendere, comprare o scambiare beni. Gli accordi stipulati tra gli utenti sono negoziati e conclusi privatamente e Mountain Network Srl (titolare del sito) non interviene in alcun modo nelle trattative. Mountain Network Srl offre la possibilità di effettuare le stesse tramite la propria piattaforma informatica, ma non ne è parte nè si assume alcuna responsabilità sugli oggetti venduti (es. prodotti danneggiati, smarriti, non consegnati, ecc).
L'utente, con la registrazione e con l’utilizzo del Servizio, dichiara di sollevare da ogni responsabilità la Mountain Network Srl per qualsiasi danno subito dall’utilizzazione dello stesso.
L’utente è consapevole che Mountain Network Srl non controlla la veridicità delle informazioni né ha un obbligo di sorveglianza in tal senso.

Qualora decidi di caricare testi, immagini ed ogni altro materiale coperto da copyright sul presente sito, ti impegna ad avere i relativi diritti da parte dell’autore degli stessi ed a manlevare Mountain Network Srl da eventuali pretese di risarcimento danni. Tutti gli altri segni distintivi utilizzati all’interno del sito appartengono ai rispettivi proprietari o licenziatari.
Nessuna parte del sito (compresi testi, immagini ed ogni altro contenuto multimediale) può essere riprodotta o ritrasmessa senza specifica autorizzazione scritta, se non per uso personale non trasferibile. L’utilizzo per qualsiasi fine non autorizzato è espressamente vietato dalla legge.

Ti ricordiamo che tutte le informazioni che potrai trovare all’interno del sito sono di natura puramente descrittiva e non devono essere intese come aventi carattere scientifico o strettamente tecnico (es. itinerari, trekking, consigli e tecniche, ecc ecc). Esse sono frutto di esperienze personali che gli utenti hanno avuto e che hanno deciso di condividere su tale piattaforma, essendo la condivisione lo spirito che anima gli utenti e che ispira il nostro lavoro. Per tale ragione, ogni utente che prosegue la navigazione all’interno del sito, dichiara di manlevare la Mountain Network S.r.l. in caso di danni a persone e/o cose derivanti dalle informazioni ricavate dallo stesso.

In ogni momento Mountain Network S.r.l. si riserva il diritto di sospendere tale servizio senza darne specifico avviso e senza che ciò costituisca violazione di obblighi.

                
 
            


AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA cascate di ghiaccio

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra