Home page Planetmountain.com
Primo Levi nell'agosto del 1942, in cima al Monte Disgrazia in Valtellina
Fotografia di archivio Eredi Primo Levi
Primo Levi nel 1960 alla Capanna Regina Margherita (4553m) Monte Rosa, Gressoney
Fotografia di archivio Eredi Primo Levi
Lo scrittore, partigiano e chimico italiano Primo Levi
Fotografia di archivio Eredi Primo Levi

Primo Levi, l'alpinismo, la montagna e la carne dell'orso

di

Ricordando Primo Levi a trent'anni dalla scomparsa: un invito a leggere Il sistema periodico ed in particolare il capitolo Ferro, tra le pagine più belle mai scritte sulla passione per la montagna e l'alpinismo.

Sono passati 30 anni, ieri. L'11 aprile 987, un sabato appunto di trent'anni fa, è morto Primo Levi. Aveva 67 anni. Mi ha sorpreso leggere la notizia della ricorrenza solo oggi, quasi per caso. Lo scrittore, il partigiano, il chimico, il testimone di Auschwitz... ho molto amato i libri di Primo Levi. Se questo è un uomo, La tregua, La chiave a stella, Se non ora, quando? hanno fatto parte della mia formazione. Hanno fatto parte di quella scuola che ringrazio. Forse tutti li hanno letti. Anzi tutti dovrebbero averli letti.

Ma c'è un altro suo grande libro che non posso scordare. Anche da appassionato di montagna. Si tratta del Sistema Periodico (1975, Einaudi) ed in particolare del capitolo Ferro. Proprio quel libro e quel racconto sono la prima cosa che mi è venuta in mente. L'ho scovato e l'ho riletto. Ed ecco il motivo per cui scrivo queste poche righe: ancora una volta mi sono commosso a rileggere quelle pagine, sicuramente tra le più belle, se non le più belle, che io abbia letto sulla passione per la montagna e l'alpinismo. E forse anche le più umane.

In uno dei (tanti) passi che mi catturarono dalla prima volta, Levi racconta il ritorno da una salita invernale (con bivacco) affrontata con il suo compagno di università Sandro, che poi è il protagonista del racconto ma anche chi l'ha iniziato alla passione per la montagna. "Tornammo a valle coi nostri mezzi e al locandiere, che ci chiedeva ridacchiando come ce la eravamo passata, e intanto sogguardava i nostri visi stralunati, rispondemmo sfrontatamente che avevamo fatto un’ottima gita, pagammo il conto e ce ne andammo con dignità. Era questa, la carne dell’orso: ed ora, che sono passati molti anni, rimpiango di averne mangiata poca, poiché, di tutto quanto la vita mi ha dato di buono, nulla ha avuto, neppure alla lontana, il sapore di quella carne, che è il sapore di essere forti e liberi, liberi anche di sbagliare, e padroni del proprio destino."

A me sembra che parole più giuste non ci siano per descrivere un'avventura in montagna e il suo rapporto con la vita e la giovinezza. Così, per ricordare Primo Levi, l'uomo che è stato, e quello che ci ha insegnato, vi consiglio di leggere Ferro e poi tutto Il sistema periodico. Non ve ne pentirete (anche perché scoprirete chi era quel Sandro, alpinista e partigiano torinese).

>> Ferro, Il sistema periodico, Primo Levi

>> Gli ultimi giorni di Primo Levi - Il Post

http://centrostudi.primolevi.it

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria