Home page Planetmountain.com
Leo Houlding libera The Prophet, El Capitan, Yosemite, USA
Fotografia di Alastair Lee
Leo Houlding su The Prophet, El Capitan, Yosemite, USA
Fotografia di Alastair Lee
Leo Houlding libera The Prophet, El Capitan, Yosemite, USA
Fotografia di Alastair Lee
Leo Houlding su The Prophet, El Capitan, Yosemite, USA
Fotografia di Alastair Lee

The Prophet, Leo Houlding alla ricerca dell’arrampicata perfetta

di

I film di PlayAlpinismo gratis: The Prophet. Il viaggio di Leo Houlding e Jason Pickles alla ricerca della via perfetta su El Capitan nella Yosemite Valle, raccontato nel film di Alastair Lee. Recensione di Vinicio Stefanello.

Prendete El Capitan nella Yosemite Valley. Aggiungete Leo Houlding, uno dei più forti, estroversi e intelligenti climber britannici (ma non solo britannici). Provate ad immaginate insieme a lui un filo, imperscrutabile ed invisibile ai più, che dalla base del gigante sbuca in cima percorrendo rigorosamente le vie più belle e impossibili. Cercate di immergervi in quel mondo di roccia senza fine e che sembra non avere nemmeno un fine, un perché. E poi inseguite i suoi sogni sulla parete delle pareti, senza dimenticarvi di Jason Pickles il suo perfetto compagno di cordata. Avrete così The Prophet, una storia di arrampicata e della "difficoltà" applicata all’arrampicata. Ma anche di quella sua "sofferenza" e incertezza dell’arrampicata che poi è quella che dona la più grande bellezza e felicità. Quella stessa bellezza e felicità che Alastair Lee fa emergere in questo emozionante film che racconta il grande viaggio di Houlding e Pickles alla ricerca della loro via perfetta.

The Prophet, infatti, è la storia di un viaggio vero. Anzi di un lunghissimo viaggio come sempre nato da un’idea, o meglio dalla ricerca di una via. Fin dall’inizio la visione di Houlding è chiara: aprire una linea su El Capitan è come mettere la propria firma nel libro di storia dell’arrampicata sulle big wall. Per questo la nuova via deve essere all’altezza. Quindi non deve essere solo molto difficile ma anche salita nel modo più bello e giusto: dal basso, in libera e in un solo giorno. Nasce così "Il Profeta": una visione che punta ad una impossibile perfezione ancora tutta da verificare ma soprattutto ancora tutta da scalare. Lui non lo sa ma sarà una scalata che durerà 9 anni, anche se alla fine i tentativi veri e propri per portarla a termine sono stati solo 5.

Dunque, l’inizio della storia parte dal basso. E, da subito, le cose si fanno molto complicate anche perché Houlding è molto parco nel piazzare protezioni e, tra l’altro, Pickles fa un volo memorabile proprio sul primo tiro. Comunque, in un giorno, i due arrivano a metà parete. Da lì però non riescono a proseguire. Houlding fa altri due tentativi, con altri due partner di cordata, ma continua a non trovare la strada per la vetta. Così tutto resta sospeso fino a quando, nel 2008, arrivano Nicolas Favresse e Sean Villanueva che salgono una nuova via la cui parte finale è in comune proprio con il progetto di Houlding. A questo punto l’idea iniziale (salire tutto in libera e in giornata) viene a cadere. Da qui la decisione di cambiare sistema, di andare ad esplorare la parte superiore calandosi dalla cima per vedere se esista una linea indipendente. E’ una scelta necessaria, anche di umiltà se volete. Ed è proprio da qui, dopo questa premessa, che parte la grande avventura.

Houlding e Pickles calandosi dalla cima scoprono due gioielli, due autentici problemi difficilissimi e naturalmente bellissimi. Il primo, che chiamano The Devil's Dyno, è una super traversata di 30 metri che inizia con un gran salto, di 2 metri e mezzo, tanto spettacolare quanto folle. , Invece il secondo, A1 beauty, è una terribile e magnifica lunghezza: una cicatrice perfetta che incide appena la roccia in mezzo al vuoto assoluto. In tutto sono 35 metri, protetti da un unico chiodo a cui occorre aggiungere dei radi micro friends. In più la partenza è di quelle impossibili. L’arrivo pure… Houlding naturalmente se ne accorge da subito: in libera è una "pazzia" senza assicurazione di riuscita. Ma è ben questo il gioco. E’ ben questa l’incertezza dell’arrampicata che la rende unica.

Così, da qui in poi, iniziano le danze e soprattutto le grandi lotte con le relative sconfitte. Tutte da vivere in diretta. Tutte filmate e "interpretate" mentre avvengono. Resta memorabile lo sconforto e la delusione di Houlding in vetta, dopo la mancata libera della fessura "maledetta". Come la felicità assoluta, mista alla distruzione fisica, della prima volta che gli riesce. Ma per quella prima libera si è calato dall’alto, per considerare il "lavoro" finito bisogna percorrere tutte le 13 lunghezze della via senza soluzione di continuità e sempre in libera, cioè partendo dalla base. Il film dà conto di quest’ultima parte, memorabile anch’essa, tra i titoli di coda, quasi a voler sottolineare ancora una volta che quel che conta è il viaggio più che la meta. E questo viaggio di Houlding e Pickles, come il film, è sicuramente da non perdere. A proposito, quasi dimenticavo… The Prophet è una delle vie più belle, impegnative e difficili del mitico El Cap.

Vinicio Stefanello

GUARDA GRATIS THE PROPHET e centinaia di altri film gratis per 30 GIORNI registrandoti a questo link: PROVA GRATIS PLAYALPINISMO PER 30 GIORNI

The Prophet
2010 / 43 min
REGIA: Alastair Lee
CAST: Leo Houlding, Jason Pickles

Tutte le recensioni PlayAlpinismo - GazzaPlay:
> Asgard Jamming, lo stile dell'arrampicata by Favresse & Villanueva
> Tom, il film e il senso dell’alpinismo per Tom Ballard
Metanoia: l’alpinismo, l’equilibrio e il cambiamento di Jeff Lowe
Touching the void - La morte sospesa e le storie immortali
The Man Who Skied Down Everest, Yuichiro Miura e quella prima volta con gli sci sull'Everest
Vincersi con e oltre l'arrampicata
Nanga Parbat - il film sulla storia di Reinhold e Gunther Messner e sulle scelte 

NOTIZIE CORRELATE

02/11/2010 - Leo Houlding, intervista dopo The Prophet, El Capitan
Intervista al climber inglese Leo Houlding dopo la prima libera di The Prophet su El Capitan, Yosemite, USA, effettuata in 6 giorni nel mese di ottobre 2010 assieme a Jason Pickles e gradata E9 7a, 5.13d R, 8b, 510m.

27/08/2001 - Arrampicare nella Yosemite Valley - 5 vie classiche
Chris McNamara, grande esperto dello Yosemite Valley, consiglia 5 vie classiche assolutamente da non perdere.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria