Home page Planetmountain.com
Spes Ultima Dea, Crozzon di Brenta: Gianni Canale in partenza su L16
Fotografia di Alessandro Beber / Gianni Canale
Spes Ultima Dea, Crozzon di Brenta: lo stupendo diedro rosso del 14° tiro
Fotografia di Alessandro Beber / Gianni Canale
Spes Ultima Dea, Crozzon di Brenta: Gianni Canale e Alessandro Beber, due che non perdono mai la speranza!
Fotografia di Alessandro Beber / Gianni Canale
Spes Ultima Dea, Crozzon di Brenta, Dolomiti di Brenta (VII+, 810m, Alessandro Beber & Gianni Canale 2012 -2016)
Fotografia di Alessandro Beber / Gianni Canale

Spes Ultima Dea, nuova via d'arrampicata al Crozzon di Brenta

di

Il report di Alessandro Beber che in tre giorni tra il 2012 e 2016 insieme a Gianni Canale ha aperto 'Spes Ultima Dea', una nuova via d'arrampicata al Crozzon di Brenta, Dolomiti di Brenta.

I ricordi cominciano a sfumare, ma se non sbaglio le cose sono andate all’incirca così… Nell’agosto 2012, nell’ambito del progetto "Dolomitiche - opere d’arte a cielo aperto", ci eravamo accordati per un’uscita sulla via Emi al Castello di Vallesinella ma poi all’ultimo momento Franco Cavallaro, il protagonista, era stato bloccato da un impegno… così con l’amico Gianni Canale, alias la forza della Natura, avevamo una giornata libera da riorganizzare!

Tempo prima avevo adocchiato una linea molto attraente sul Crozzon di Brenta, ma la possibilità che non fosse già percorsa da altre vie sembrava assolutamente improbabile, per cui proposi di andare in perlustrazione. Sapevamo dell’esistenza di un paio di vie in quella zona della parete, la Via del friend perso e la via Los Angeles, ma non avevamo informazioni precise sul loro tracciato.

Quel giorno ci alzammo per sette lunghezze di corda senza trovare segni di passaggio, su roccia fantastica e difficoltà tutto sommato abbordabili, quindi giù in doppia con il morale alle stelle. Neanche un mese dopo eravamo di nuovo alla base, pronti a proseguire: questa volta però trovammo subito un paio di chiodi e un hexentric incastrato sui due tiri successivi (a tutt’oggi non abbiamo capito a quale via appartengono…), ma decidemmo di proseguire comunque verso il magnifico pilastro giallo della parte alta.

Qui le cose diventano più serie, ma con un po’ di fortuna a fine serata avevamo trovato la strada verso l’alto, aggirando con un paio di spettacolari traversi le zone più repulsive. Sapevamo che ormai un’altra giornata sarebbe stata sufficiente per concludere la via, ma l’arrivo dell’autunno sentenziò la fine della stagione.

Nel 2013 per qualche ragione non ci fu modo di riunire la cordata, così come nel 2014… e anche il 2015 non ci portò fortuna. La via sul Crozzon era sempre lì nella nostra testa, ma le telefonate che ci scambiavamo con Gianni servivano solo a prendere consapevolezza che ottenere un appuntamento con il diavolo sarebbe stato più semplice. I nostri pochi buchi liberi da impegni famigliari e lavorativi non combaciavano mai. Nel 2016 giuriamo solennemente di riunirci entro l’anno, e ci riusciamo in extremis a fine settembre: quattro anni dopo la nostra scalata è finalmente conclusa, a dimostrazione del fatto che la speranza è l’ultima a morire!

In quest’estate del 2017 siamo tornati a godercela, ripetendo la via per intero e liberando un paio di lunghezze dove in apertura ci eravamo appesi per chiodare. Bisogna dire che la pazienza messa in campo è giustificata, perché la via è semplicemente stupenda: varia, continua, impegnativa al punto giusto, su roccia "titanica", come direbbe Gianni.

Quel paio di lunghezze centrali dove abbiamo trovato dei segni di passaggio forse potevano essere modificate ed evitate con delle varianti, ma alla fine abbiamo deciso di dare la precedenza alla logica del tracciato, mantenendo quella che ci sembrava la linea più ovvia per raccordare la parte bassa alla parte alta.

Auguriamo ai ripetitori buon divertimento e ringraziamo di cuore Corrado & Pia del rifugio Casinei e tutta la famiglia Leonardi del Rifugio Brentei per la sempre magnifica accoglienza!

di Alessandro Beber

Alessandro Beber ringrazia gli sponsor SCARPA, Millet e Rock Empire


SCHEDA: Spes Ultima Dea, Crozzon di Brenta

LINK: Vai a tutte le vie delle Dolomiti di Brenta nel database di planetmountain.com

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Fumo negli occhi sul Cimon della Pala in Dolomiti
19.09.2016
Fumo negli occhi sul Cimon della Pala in Dolomiti
Il racconto di Alessandro Beber dell'apertura della via d'arrampicata Fumo negli occhi (800m, VIII, A2) sulla parete sud-ovest del Cimon della Pala (Pale di San Martino), salita 'inseguendo lo stile alpino in Dolomiti' nell'agosto 2015 insieme ad Alessandro Baù e Matteo Faletti.
Brenta Base Camp #3 - la nuova via Attraverso il Tempo sul Campanile Basso
04.09.2014
Brenta Base Camp #3 - la nuova via Attraverso il Tempo sul Campanile Basso
Terza ed ultima puntata del Brenta Base Camp - piccola 'spedizione' nelle Dolomiti di Brenta per il Discover Brenta Dolomites e i 150° anni della prima traversata delle Dolomiti di Brenta: il report di Alessandro Beber e di Matteo Faletti dell'apertura della Via Attraverso il Tempo (420m, VIII) sulla parete SO del Campanile Basso, una nuova linea aperta a più riprese nell'agosto 2014, insieme a Alessandro Baù e Matteo Faletti.
Brenta Base Camp #2 - due vie nuove su Punta Jolanda
22.08.2014
Brenta Base Camp #2 - due vie nuove su Punta Jolanda
Il report di Alessandro Beber e di Alessandro Baù di due nuove vie aperte contemporaneamente sulla Punta Jolanda: Prua degli Onironauti (250m, VII) e Badanti al seguito (220m, VIII), aperte il 04/08/2014 insieme a Matteo Baù, Fabrizio Dellai, Matteo Faletti e Claudia Mario. La seconda puntata del Brenta Base Camp, la piccola 'spedizione' nel cuore delle Dolomiti di Brenta per il Discover Brenta Dolomites e i 150° anni della prima traversata delle Dolomiti di Brenta.
Brenta Base Camp #1 - Tra incontri, nuove salite e saette
14.08.2014
Brenta Base Camp #1 - Tra incontri, nuove salite e saette
La prima puntata del Brenta Base Camp, la piccola 'spedizione' nel cuore delle Dolomiti di Brenta per il Discover Brenta Dolomites e i 150° anni della prima traversata delle Dolomiti di Brenta. Il report di Alessandro Beber su Scintilla (450m, VIII), nuova via sulla est della Brenta Alta salita salita con Simone Banal, Alessandro Baù e Claudia Mario.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria