Home page Planetmountain.com
Giacomo Rossetti, alla base del fungo sommitale del Cerro Torre
Fotografia di arch. Salvaterra
PORTFOLIO / gallery Portfolio: Per Giacomo Rossetti
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Per Giacomo Rossetti

di

Il 24 marzo, mentre saliva con un compagno su una nuova via del Cornone di Blumone, ha perso la vita Giacomo Rossetti, forte ed esperto alpinista di Nave (Bs).

Giacomo Rossetti era noto per la sua grandissima passione e per le molte sue scalate. Con Ermanno Salvaterra nel 2004 aveva aperto "Quinque anni ad paradisum", nuova via sulla parete Est del 'mitico' Cerro Torre. Così lo ricorda Ermanno Salvaterra suo compagno in quella avventura.

"Cosa dire mai di Giacomo. Lo conoscevo poco ma mi piaceva. Lo stesso accadde nel 2004, quando ci incontrammo per la prima volta. Gli avevo proposto di venire in Patagonia per tentare la est del Torre. Mi disse che non ne era all’altezza, che il Torre era troppo grande per lui. Una bella cosa ma un sogno irrealizzabile. Non ricordo quali giri di parole usai per fargli dire sì, non ricordo perché forse non erano vere le cose che gli dicevo per convincerlo a dirmi di sì e soprattutto le bugie io le dimentico in fretta. Ma insistetti tanto che alla fine disse di sì. E perché lo feci! Perché mi piaceva quel ragazzo, lo trovavo semplice, spontaneo e carico di volontà. E così si dimostrò. Quando Matteo, suo compaesano, rinunciò a salire sulla est, Giacomo si caricò ulteriormente e riuscì a trasmettere quella carica che aveva addosso anche ad Alessandro ed a me. Non passava giorno che non mi ringraziasse per averlo tirato in quella storia. Mai l’ho sentito lamentarsi per lo zaino che gli segava le spalle, per il freddo che aveva alle mani, per le fatiche a tirar su il saccone, mai… Era proprio un bravo “scèt”, come dicono dalle sue parti. Quando era ora di entrare nelle porta-ledge, quando il tempo era brutto e non si vedeva l’ora di mettersi al riparo, lui era sempre l’ultimo ad aprire la porta. Rimaneva fuori fino all’ultimo per chiedere se ci serviva ancora qualcosa. A volte quasi dovevamo alzare la voce per far sì che entrasse. Ed anche tornati a casa ogni volta erano sempre quelle sue parole spontanee e sincere che mi riempivano il cuore di gioia. “Grazie èrman, grazie per avermi portato in quei posti, grazie…”
Ciao Giac, non riesco a dire altro di te anche se meriteresti di più. Sto piangendo, non mi vergogno di questo, tu meriteresti molto di più. Ciao Giac"

Ermanno Salvaterra

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni
  • Vento di passioni
    Leggo solo ora: ripetuta da C. Migliorini ed A.Tocchini il 2 ...
    2016-02-11 / stefano michelazzi