Home page Planetmountain.com
Tomas Franchini e Silvestro Franchini sulla cima NE di Cerro Penitentes in Patagonia
Fotografia di Tomas Franchini, Silvestro Franchini
Sulla prima parte della via El Mariano, aperta sul Cerro Penitentes in Patagonia il 26/01/2017 da Tomas Franchini e Silvestro Franchini
Fotografia di Tomas Franchini, Silvestro Franchini
Tomas Franchini e Silvestro Franchini sotto il parete SE di Cerro Penitentes in Patagonia
Fotografia di Tomas Franchini, Silvestro Franchini
La parete SE di Cerro Penitentes in Patagonia e la via El Mariano (750m, 85° M4 Tomas Franchini, Silvestro Franchini, 26/01/2017).
Fotografia di Tomas Franchini, Silvestro Franchini
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Patagonia: i fratelli Franchini aprono nuova via sul Cerro Penitentes

di

Alpinismo: il 26/01/2017 Tomas Franchini e suo fratello Silvestro Franchini sul Cerro Penitentes in Patagonia hanno aperto in veloce stile alpino la nuova via ‘El Mariano’ (750m, 85° M4).

Sono partiti all’avventura, in una valle di cui sapevano poco o nulla, seguendo semplicemente il consiglio di un amico ed il loro istinto. Così, visto il maltempo che imperversava in Patagonia a gennaio, Tomas Franchini e suo fratello Silvestro hanno intrapreso in jeep per due giorni il lungo viaggio di 500km da El Chalten fino a El Rincón, l’entrata da sud alla riserva provinciale di Cerro San Lorenzo nel parco nazionale Perito Moreno. Da lì, insieme al guardia parco Mariano Ignacio Spisso che hanno conosciuto grazie a Cesare Fava, figlio di Cesarino Fava, si sono "scaldati" aprendo in giornata una nuova via sull’inviolata parete ovest del Cerro Colorado, poi sono partiti con pochissimi informazioni a loro disposizione per tentare la vergine parete SE del Cerro Penitentes e raggiungere l’inviolata cima nordest 2771m. Il punto più alto di questa enorme montagna di 2801m era stato raggiunto per la prima volta dagli espertissimi della Patagonia Gino Buscaini e sua moglie Silvia Metzeltin il 22 gennaio 1985 attraverso il ghiacciaio nord.

"Il gruppo del San Lorenzo non era assolutamente in programma" ci ha raccontato Silvestro "volevamo salire qualcosa su roccia nel gruppo del Cerro Torre o Fitz Roy, ma non era l’estate giusta e le finestre di bel tempo erano cortissime. E, sai, non ci piace assolutamente stare fermi. Siamo saliti con Spisso in valle San Lorenzo, da nord lungo un avvicinamento assolutamente sconosciuto persino per lui, un giorno intero seguendo il nostro istinto. Non sapevamo nulla, nemmeno le previsioni del tempo. E abbiamo avuto grande fortuna, davanti a noi si è aperta una parete che non potevamo non salire. Non capita tutti i giorni di trovane una cosi!"

I tre avevano con sé soltanto una tenda ed un sacco a pelo, viveri per tre giorni, quattro chiodi da ghiaccio ed una manciata di nuts, friends e chiodi. Visto quanto era ripida la parete, Spisso ha deciso di rimanere in attesa al campo. I fratelli hanno bivaccato sulla morena del ghiacciaio, poi il 26 gennaio sono partiti alle 2:30 di mattina per salire il più possibile durante le ore fredde "La parete era immersa in un silenzio totale" racconta Silvestro " volevamo evitare le scariche di roccia e siamo saliti velocemente sul lato destro della parete, inizialmente lungo una goulotte, poi attraverso terreno di misto e rampe di neve. Alle 6 è spuntato il sole, poco dopo le 8 invece abbiamo raggiunto la cima nordest."

Raggiungere questi 2771m è stata nettamente la parte più facile della salita, infatti la discesa si è rivelata ardua e, a volte, non priva di rischi. Un primo tentativo a scendere la cresta sull’altro versante è fallito a causa del forte vento e la roccia marcia, e i due sono stati costretti a fare delle complicate calate giù per i 750m della parete appena salita. "Non c’era alcuna possibilità di costruire delle soste su Abalakov, abbiamo dovuto lasciare in parete tutto il nostro materiale e scaricava di continuo." Soltanto alle 17:00 i due sono rientrati alla loro tenda.

La nuova via si chiama El Mariano (750m, 85° M4) e, come esperienza, è stata "un regalo completamente inaspettato. Un ripiego non indifferente" conclude Silvestro. "Abbiamo respirato un po’ il lato selvaggio della Patagonia, quella di una volta."

I fratelli Franchini visitano la Patagonia dal 2012 e Tomas ha salito diverse nuove vie in questa zona. Nel 2013 insieme a Francesco Salvaterra ha aperto la difficile e spaventosa Ruleta Trentina(650m M5 WI5) sulla parete sud del Cerro Rincón, mentre nel 2014 insieme a Salvaterra e Nicola Binelli ha salito la nuova via sulla parete ovest del Domo Blanco. Sempre in sud America, ma nel 2015, i fratelli Franchini hanno aperto una nuova via sulla parete ovest del Nevado Churup (5495m) nella Cordillera Blanca in Perù, mentre la bella via sull’inviolato pilastro est del Kishtwar Shivling nell' Himalaya Indiano insieme a Nicola Binelli e Luca Cornella risale al giugno 2016.

I fratelli ringraziano in particolare Mariano Spisso, e Natalia e Federico Echeverria del ristorante Ahoniken a El Chalten per la loro ospitalità.

Condividi questo articolo

NEWS / News correlate:
Kishtwar Shivling pilastro Est, prima salita lungo la Via dei Trentini
22.06.2016
Kishtwar Shivling pilastro Est, prima salita lungo la Via dei Trentini
Alpinismo: dal 8 - 9 giungo 2016 Nicola Binelli, Luca Cornella, Silvestro Franchini, Tomas Franchini hanno salito l’inviolato pilastro est del Kishtwar Shivling nell' Himalaya Indiano.
La Divina Providencia, nuova via sul Nevado Churup in Perù dei fratelli Franchini
16.11.2015
La Divina Providencia, nuova via sul Nevado Churup in Perù dei fratelli Franchini
Il 2 giugno 2015 sulla parete ovest del Nevado Churup (5495m), Cordillera Blanca, Perù, Tomas e Silvestro Franchini hanno aperto La Divina Providencia, una nuova via di arrampicata mista di 650m con difficoltà valutate fino all' M7.
Cerro Torre e le salite italiane in Patagonia
19.12.2014
Cerro Torre e le salite italiane in Patagonia
Numerose le cordate italiane in Patagonia ed in particolare nel massiccio del Chalten, dove in questi giorni il Cerro Torre è stato salito lungo la via dei Ragni da Marcello Cominetti, Massimo Lucco, Francesco Salvaterra, Marco Majori, Marco Farina e François Cazzanelli. La la prima salita della stagione di questa via è stata effettuata già a settembre da Ermanno Salvaterra, Thomas Franchini e Nicola Binelli.
Ermanno Salvaterra e il tentativo sulla Torre Egger in Patagonia
09.12.2013
Ermanno Salvaterra e il tentativo sulla Torre Egger in Patagonia
Il racconto di Ermanno Salvaterra del tentativo, effettuato a novembre assieme a Tomas Franchini, Paolo Grisa e Francesco Salvaterra, al centro della parete ovest della Torre Egger in Patagonia. Durante gli ultimi giorni della spedizione Tomas Franchini e Francesco Salvaterra hanno aperto la difficile e 'spaventosa' Ruleta Trentina (650m M5 WI5) sulla parete sud del Cerro Rincón.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria