Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowPassione Verticale a Courmayeur

La rassegna di Courmayeur dedicata a montagna, climbing, alpinismo e sfide ad alta quota proporrà al pubblico del’ Jardin de l’Ange quattro sezioni: Volti, Libri, Film e Spettacoli Teatrali.
Photo by Passione Verticale
Ermanno Salvaterra
Photo by
Patrick Gabarrou
Photo by archivio Patrick Gabarrou
Ines Papert durante la prima salita di Finnmannen (M9+ WI7, 400m) effettuata assieme a Bent Vidar Eilertsen sull'isola di Senja, Norvegia
Photo by visualimpact.ch | Thomas Senf
INFO / links & info:

Passione Verticale a Courmayeur

19.07.2013 di Planetmountain

Quest’anno nel mese di agosto la rassegna dedicata a montagna, climbing, alpinismo e sfide ad alta quota proporrà al pubblico del’ Jardin de l’Ange quattro sezioni: Volti, Libri, Film e Spettacoli Teatrali. Parole, immagini e testimonianze celebreranno l’aspirazione verso l’infinito e il brivido dell’ascesa. Tra gli ospiti Patrick Gabarrou, Ines Papert, Ermanno Salvaterra, e le guide alpine “di casa” Francesco Civra Dano, Edmond Joyeusaz, Luca Rolli e Davide Capozzi.

I volti cotti dal sole dei 4000 metri e oltre, i sorrisi franchi di chi ha imparato ad apprezzare la solitudine delle vette e la condivisione con i propri compagni, gli sguardi limpidi di chi contempla spettacoli tali da mozzare il fiato e far girare la testa. Facce segnate per sempre dall’avventura, che non si dimenticano facilmente. Sono i ritratti dei protagonisti di Passione Verticale, una rassegna di appuntamenti che rende omaggio a quell’impulso irrefrenabile che accompagna l’umanità fin dall’alba dei tempi: il desiderio di spingersi al di là dei propri limiti e scoprire cosa c’è oltre. Il ciclo di incontri porterà a Courmayeur, patria ideale dell’alpinismo, i più grandi esploratori della montagna. Tutti gli appuntamenti si svolgeranno al Jardin de l’Ange, il salotto culturale della cittadina alpina, alle ore 21.15.

Parole, immagini, racconti di viaggio e testimonianze dal sapore estremo apriranno uno spiraglio su un mondo remoto eppure vicino, quello di chi ha fatto della montagna il centro della propria vita. La prima parte della rassegna sarà dedicata ai Volti, ovvero alle persone, alpinisti, scalatori e “interpreti” della montagna, che condivideranno, per una sera, assieme al pubblico, la loro significativa esperienza. Storie di vita e di “sana follia”, sospese tra rischi difficili da calcolare e ricompense inimmaginabili, gratificazioni che fanno dimenticare la fatica. Ogni incontro sarà moderato da Enrico Montrosset.

I primi a raccontarsi saranno, mercoledì 31 luglio, Francesco Civra Dano, Edmond Joyeusaz, Luca Rolli e Davide Capozzi, guide alpine di Courmayeur. Cresciuti professionalmente all’ombra della vetta più alta d’Europa, nella culla dell’alpinismo internazionale, conoscono tutti i segreti della “montagna di casa”, e si sono resi protagonisti di avventure al limite dell’incredibile nell’ambito dello sci estremo, come la prima discesa assoluta del canale sud delle Dames Anglaises, e la seconda discesa della parete est dell’Aiguille Blanche de Peuterey. In quelle condizioni di velocità e pendenza occorre la massima concentrazione.

Sabato 3 agosto
Courmayeur ospiterà “L’uomo del torre”, come è stato ribattezzato il grande alpinista Ermanno Salvaterra, il cui nome da trent’anni è legato a doppio filo al Cerro Torre, in Patagonia, di cui è il maggiore conoscitore. Si tratta della vetta forse più inaccessibile al mondo: per raggiungerla, da ogni lato, occorre affrontare 900 metri di parete granitica e un fungo di ghiaccio perenne sulla sommità. Salvaterra è rimasto affascinato giovanissimo dal Cerro Torre, che è stato il primo a salire in inverno. L’alpinista racconterà il suo rapporto con una vetta che non ha eguali al mondo e con una terra, la Patagonia, selvaggia e di forti contrasti.

Mercoledì 14 agosto
sul palco del Jardin de l’Ange approderà un vero mito vivente dell’alpinismo, il francese Patrick Gabarrou. In circa 40 anni ha inanellato oltre 300 ascensioni, con 30 prime assolute e 20 nuove vie, molte delle quali nel suo regno, la sua “cattedrale di luce”, come ama chiamare il Monte Bianco. Gabarrou non è semplicemente un uomo da record: laureato in filosofia alla Sorbona, ha iniziato ad arrampicare a 14 anni, ed ha sempre affrontato la montagna come un percorso di conoscenza più vasto, un’esperienza esistenziale profonda, una fonte inesauribile di arricchimento spirituale.

Martedì 20 agosto
il testimone passa al quarto volto presentato a Courmayeur, Ines Papert, quattro volte campionessa mondiale di ice climbing. Nata a Wittemberg in Sassonia, in piena pianura, non appena ha potuto conoscere da vicino la montagna è stata fatalmente catturata dalla “Passione Verticale”, ovvero dall’adrenalina che lo sport in alta quota può regalare. Il ghiaccio e la roccia sono suoi alleati e compagni di avventure, da affrontare con spirito competitivo, ma anche con grande rispetto e umiltà.

Andando in montagna, confrontandosi con le pareti verticali e il loro silenzio, si impara a pesare le parole, ad usarle con parsimonia e precisione, ma anche a trasmettere molte emozioni. Per questo i libri che parlano di ascensioni sono così apprezzati da un pubblico molto vasto. Dopo i Volti, la seconda parte della rassegna Passione Verticale è dedicata ai Libri.

Lunedì 19 agosto
, alle ore 18, al Jardin de l’Ange, il pubblico scoprirà “Ritratti da parete”, una galleria di interviste realizzate da “Tgr Montagne” ad ottanta alpinisti, a cura di Alberto Gedda e Roberto Mantovani. Saranno le parole dei protagonisti a raccontare con semplicità esperienze difficili da comunicare, perché estremamente intense, tali da riassumere il senso di una vita intera passata tra la terra e il cielo.

Mercoledì 21 agosto, sempre alle ore 18, al Jardin de l’Ange, la protagonista sarà lei, la vetta più alta d’Europa. Al centro del libro “Monte Bianco 1787-1865. 65 anni di ascensioni” di Gianluigi Discalzi ci sono l’epoca gloriosa e poco nota delle prime esplorazioni, l’affermazione delle guide alpine e di una scuola di alpinismo senza eguali, e l’influsso dell’esplosione del turismo di massa. Ogni fase storica si contraddistingue per un diverso modo di intendere l’alta montagna e il rapporto con essa, con inevitabili riflessi dal punto di vista dell’alpinismo. Partecipano Gianluigi Discalzi e Leonardo Acerbi. A Trento, da più di sessant’anni, la montagna si racconta attraverso la magia del cinema. Passione Verticale, con la sezione dedicata ai Film, apre le porte alle migliori pellicole internazionali del 61° TrentoFilmFestival, capaci di regalare momenti di grande intensità visiva e forza narrativa.

Venerdì 2 agosto si partirà per l’amazzonia venezuelana, con il film Autana (regia di Alastair Lee). lo scalatore Leo Houlding ha deciso di tentare la prima scalata della parete est del cerro Autana, un tepui, un gigantesco altipiano dall’incredibile sviluppo verticale, che sorge nel cuore della giungla.

Martedì 13 agosto
andrà in scena un doppio appuntamento con l’avventura, con due pellicole della durata di 32 minuti ciascuna. Si inizierà con Honnold, un film di 58 minuti che i registi Josh Lowell e Peter Mortimer hanno dedicato all’omonimo climber, considerato il più audace della sua generazione. Alex Honnold, forte delle sue imprese precedenti, si prepara alla sfida della vita, lo Yosemite Triple. Oltre alla preparazione atletica serve anche quella mentale, necessaria per affrontare il dilemma che oppone, talvolta, l’ambizione all’istinto di sopravvivenza. Seguirà La Dura Dura, il racconto di una doppia “tenzone” cavalleresca, una battaglia all’ultimo spit tra personalità del climbing riunite in Catalogna. Sotto l’occhio del regista Josh Lowell, Chris Sharma e Adam Ondra cercheranno di aprire il primo 9b+ della storia, mentre poco distante due tra le migliori scalatrici, Sasha DiGiulian e Daila Ojeda, abbatteranno ogni record femminile.

Chiude il festival Passione Verticale un’eccellente selezione dedicata agli Spettacoli Teatrali. Domenica 4 agosto la mini-rassegna teatrale si aprirà con (S)legati, tratto dal bestseller "La morte sospesa", che racconta la storia vera degli alpinisti Joe Simpson e Simon Yates al Siula Grande, in Perù. Tenacia, resistenza fisica e mentale, volontà di ferro sono le doti messe in rilievo in questa incredibile vicenda, che ha sollevato una forte eco internazionale.

Sabato 10 agosto “Due amori”
ripercorrerà la vita di Renato Casarotto, indimenticato alpinista simbolo della sua generazione, legato a due amori profondi e viscerali, la montagna e Goretta, la moglie, grande alpinista, che con lui ha condiviso moltissimo.

Infine, domenica 11 agosto, Marco Albino Ferrari, accompagnato dal chitarrista jazz Denis Biason, racconterà, con La via del lupo, il ritorno di un animale mitico oggi emblema della natura da proteggere, tra le montagne italiane. Il lupo è tornato a convivere con l’uomo, anche se la sua presenza, marginale e praticamente invisibile, resta avvolta in un alone di mistero.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
The Rectory e Castelton Tower
arch. Desert Sandstone Climbing Trip 2014