Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowAiguille Blanche de Peuterey, dopo 29 anni la prima ripetizione della parete che non c'è

Aiguille Blanche de Peuterey, parete est.
Photo by Giorgio Sitta
La parete est di Aiguille Blanche de Peuterey, discesa da Stefano de Benedetti nel 1984 e il 23/04/2013 da Francesco Civra Dano, Luca Rolli, Julien Herry e Davide Capozzi
Photo by archivo Davide Capozzi
INFO / links & info:

Aiguille Blanche de Peuterey, dopo 29 anni la prima ripetizione della parete che non c'è

27.04.2013 di Davide Capozzi

Il 23/04/2013 Francesco Civra Dano e Luca Rolli in sci, Julien Herry e Davide Capozzi in snowboard hanno effettuato la prima ripetizione della parete est di Aiguille Blanche de Peuterey. La famosa "parete che non c'è", scesa in sci per la prima volta il 18 giugno 1984 da Stefano de Benedetti. Il racconto di Davide Capozzi.

Un sogno che si realizza. Sono più di dieci anni che faccio discese ripide, la mia esperienza in montagna prima di allora era quasi nulla, piano piano ho cercato di apprendere, con l'obbiettivo un giorno di realizzare i miei sogni. La Est della Blanche è la "parete che non c'é", per uno come me che vive a Courmayeur è la discesa che tutti i giorni ha davanti gli occhi ed è inevitabile che diventi il sogno più grande.

Stefano De Benedetti nel giugno del 1984 scese questa parete, da allora più nessuno. Nel 2007 Francesco con Roch Malnuit ci avevano provato, erano riusciti a sciarne un po' più di metà. Negli ultimi anni l'abbiamo nuovamente osservata, corteggiata, ci abbiamo provato e abbiamo fallito.

Credo che il vero valore di questa nostra realizzazione vada oltre la difficoltà o la pendenza; per noi rimarrà la discesa ventinove anni dopo il capolavoro di Stefano De Benedetti. Se sono dovuti passare tutti questi anni penso che il motivo principale non sia la difficoltà, legata a trovare le condizioni giuste o all'avvicinamento su un ghiacciaio così tormentato come quello della Brenva, ma questo vuoto che da quel giugno del 1984 ha condizionato qualsiasi sciatore che volesse confrontarsi con questa parete.

Mi piace pensare che certe discese abbiano un valore storico più di altre, dal punto di vista tecnico ormai quasi tutto è stato fatto, nel Monte Bianco vengono sciate linee difficili a ripetizione, a Chamonix c'è la più grande concentrazione di alpinisti e sciatori di alto livello ma nonostante questo è bello sapere che alcune discese, anche qui, possano rimanere per anni inviolate e rimanere il sogno di tanti sciatori. Da oggi si volta pagina, altri affronteranno la parete est, ma questa sarà un'altra storia.

Un grazie a Francesco, forse colui che più ha sognato questa discesa, a Luca per essere stato il mio compagno perfetto di tante discese e a Julien che ha voluto condividere con noi il nostro sogno e ha dimostrato ancora di più di essere una persona speciale oltre che un grande alpinista.

Aiguille Blanche de Peuterey - parete est (4112m)
Pendenza: 50°/700m
Esposizione: E4

di Davide Capozzi

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale