Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowDavid Lama, Bellavista e Voie Petit

David Lama sale Bellavista, Cima Ovest, Tre Cime di Lavaredo
Photo by Rainer Eder
David Lama sale Voie Petit, Grand Capucin, Monte Bianco
Photo by archive Lama

David Lama, Bellavista e Voie Petit

13.07.2010 di Planetmountain

Doppio colpo per David Lama, che nel giro di un paio di settimane ha ripetuto due grandi vie nelle Alpi, Bellavista sulla Cima Ovest delle Tre Cime di Lavaredo, e la Voie Petit sul Gran Capucin.

Il tour su queste due emblematiche cime è iniziato in Dolomiti, sulla via che Alexander Huber aveva aperto da solo nell' inverno 1999 con difficoltà in artificiale fino all' A4, e che il tedesco aveva poi liberato nel luglio 2001, gradandola 8c. Come molti si ricorderanno, la via era stata ripetuta in maniera "anticonformista" da uno scatenato Mauro Bubu Bole durante il suo incredibile periodo di Sturm und Drang verticale.

Lama ha provato la via un giorno di circa tre settimane fa, cadendo una volta nel tiro chiave e salendo anche il tiro di 8a sopra il tetto, prima di ritirarsi. In compagnia di Peter Ortner è poi tornato una settimana più tardi e ha ripetuto la via in velocità, cadendo ancora una volta nel tetto per poi salire questo tiro chiave in rotpunkt. I due hanno poi continuato, raggiungendo la cima proprio al tramonto. Dopo la salita Lama ha scritto: "Con la sua via Alex ha creato una pietra miliare nella storia alpinistica delle Tre Cime. La prima volta che l'ho tentata molte prese ed appoggi erano segnati, c'erano tutte le protezioni e così ho risparmiato molto lavoro. Una prima salita richiede ben di più, che una ripetizione. Rispetto per questa grande via!"

Un paio di settimane più tardi Lama si è recato in quota, verso il tetto d'Europa e la Voie Petit, aperta nel 1997 dai francesi Arnaud Petit e Stefanie Bodet sulla parete est del Grand Capucin. All'epoca un tiro della via era rimasto con un punto in artificiale, ed è stato proprio Alexander Huber a liberarlo nel 2005 gradandola 8b. Lama si è diretto verso il Monte Bianco il 30 giugno assieme a Daniel Steurer, il giorno successivo ha attraversato la Valleé Blanche e il Glacier du Geant, poi ha tentato di salire la via a-vista ma è stato "stoppato" dal tiro chiave. Steurer ha poi iniziato a sentire l'effetto della quota - ricordiamo che siamo a più di 3000 metri - e i due si sono ritirati. Ma c'è stato poco tempo per riprendersi: alle 6.00 del mattino successivo Lama si trovava già alla prima sosta. Tutta la salita è filata liscia, l'8b non si è più presentato problematico e tutti gli altri tiri sono stati saliti a vista. I due hanno raggiunto i 3838m della cima nel primo pomeriggio poi, durante le calate, una bella sorpresa: un incontro fortuito con Arnaud e Stéphanie, nuovamente sulla via 13 anni dopo la loro prima salita!

A proposito di questo incontro è curioso segnalare che Arnaud Petit e Stefanie Bodet sono nati come (grandi) atleti delle competizioni di arrampicata. Un percorso condiviso anche da David Lama che è una delle attuali star del circuito mondiale. Proprio in questo momento, infatti, Lama si trova a Chamonix, dove sta disputando la prima tappa della Coppa del Mondo Lead, dopo di che lo vedremmo in azione da venerdì a domenica prossimi anche al Rock Master di Arco.

Ma, per ritornare al rapporto tra l'esperienza di gara e l'alpinismo, va detto che da tempo Lama si dedica anche alla montagna e le vie lunghe. Molti ricorderanno che quest'inverno si è recato in Patagonia per salire in libera la via del Compressore sul Cerro Torre. Al progetto partecipava anche una troupe cinematografica che aveva il compito di realizzare un film sull'impresa. Ma si sa la Patagonia è sempre la Patagonia, e il tentativo non è andato a buon fine a causa del maltempo... Senza contare che la spedizione e Lama sono stati duramente contestati da molta parte del mondo alpinistico per le corde fisse lasciate in parete e soprattutto per l'aggiunta di nuovi spit su questa montagna simbolo dell'alpinismo mondiale.

Come dire che la difficoltà in arrampicata ha le sue regole e sicuramente Lama è capacissimo di affrontarle ai massimi livelli, ma anche che l'alpinismo, anzi lo stile e la storia dell'alpinismo non possono non essere tenuti in considerazione. Forse dopo l'esperienza sul Cerro Torre questo è più chiaro anche a Lama.

Bellavista, Cima Ovest delle Tre Cime di Lavaredo
Prima salita: Alexander Huber in solitaria durante l'inverno 1999
Prima libera:
Alexander Huber 18/07/2001
Tiri: 7b, 6c+, 6a+, 7a+, 7b, 8c, 8a, 7a, 6c, 6b

Voie Petit, Grand Capucin 3838m, Monte Bianco
Prima salita:
Arnaud Petit & Stefanie Bodet 1997
Prima libera: Alexander Huber 17/07/2005
Lunghezza: 450m
Tiri: 6a, 7b, 6b, 6b, 8b, 6a, 7c+, 7b+, V+, 8a, 6b, 7b, 6b, 6a

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello