Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowIker Pou

Iker Pou, Demencia Senil 9a+, Margalef, Spagna
Photo by Maria Torres
Iker Pou, Deep Water Solo a Mallorca, Spagna
Photo by Iker Pou archive
Iker Pou su Orbayu 8c+/9a on Naranjo de Bulnes, Spain
Photo by Iker Pou archive
Eneko and Iker Pou, superstar a Buenos Aires!
Photo by Iker Pou archive
PORTFOLIO / gallery Portfolio: Iker Pou
INFO / links & info:
    Iker Pou - Vitoria 05/02/1977
    1994: El sentido de la vida, primo 8a a-vista
    1994: Gora begira ez dago nekerik, primo 8b+ rotpunkt
    1996: Mala vida, primo 8c rotpunkt
    1998: Guenga, primo 8c+ rotpunkt
    2000: Action Direct 9a, Frankenjura, Germania. 3° salita
    2001: Wallstreet 8c Frankenjura, Germania
    2001: Elfe 8c+/9a, Grimselpass, Svizzera
    2002: Silbergeier 8b+/200m, Rätikon, Svizzera, 5° salita
    2002: prima libera El Pilar del Cantabrico 8a+/500m, Naranjo de Bulnes, Spain
    2003: El Niño 8b/850m, Yosemite, El Capitan, USA. 3° salita.
    2003: Bain de Sang 8c+/9a, Svizzera
    2003: Mendeku 9a, Basque country, Spagna
    2004: prima libera Bravo Les Filles 8b/600m Tsaranoro- Madagascar
    2004: The Nose 8b+/1100m, Yosemite, El Capitan, USA. 32 di 34 tiri in libera
    2005: Eternal Flame 8a/1100m, Trango Tower Himalaya, con il "Pou Brothers Variantion" 8a a 6000m
    2006: Franco-Argentine route 6c+/1300m, Fitz Roy, Patagonia. 5 tentativi, ritirato 40m dalla cima.
    2006: Quinto Imperio, Naranjo de Bulnes, Spagna
    2007: Supercanaleta 6c-M6-90º/2000m, Fitz Roy, Patagonia
    2007: Blaue Lagune 7b+/250m, Legacy 7b+/320m, Batman 7b+/250m, Cleoplatra 7c/270m, Wendenstock, Svizzera. Tutti a-vista
    2007: Begi Puntuan 9a, paesi Baschi, Spagna
    2007: prima salita Lurgorri 8c+/250m, Naranjo de Bulnes, Spagna
    2008: prima salita Azken Paradizua 7a-M6-90º/600m. Zerua Peak, Antartica.
    2009: prima salita Marcados por el Chañi 85/M6/600m, Chañi Chico, Argentina
    2009: prima salita Orbayu 8c+/9a(500m). Naranjo de Bulnes. Spagna.
    2009: Maritxu kilkerra, primo 8b+ a-vista
    2010: Demencia Senil 9a+, Margalef, Spain

    Links Planetmountain
    News Iker Pou
    Arrampicare a Margalef
    Lynn Hill e The Nose, Yosemite
    Links Expo.Planetmountain
    Expo The North Face
    Links www
    pouanaiak.com

Iker Pou

26.02.2010 di Nicholas Hobley

Iker Pou, uno dei più forti rappresentanti dell'arrampicata mondiale, spiega in quest'intervista i suoi pensieri verticali dopo la recente ripetizione di Demencia Senil 9a+ a Margalef.

La scorsa settimana lo spagnolo Iker Pou è riuscito a ripetere Demenica Senil, l'ultra-verticale 9a+ di Margalef liberato da Chris Sharma nel febbraio 2009 a Margalef. Il 33enne basco è ovviamente uno dei più forti climber al mondo, e il suo curriculum spazia dalle vie sportive super difficili come la classica Action Direct di Wolfgang Güllich alle vie alpinistiche di grande classe, come la Supercanaleta sul Fitz Roy e Eternal Flame alle Torri del Trango. E' ovvio quindi che Iker è molto più che una potenza sulle piccole prese...

Iker, ogni anno diventi sempre più forte... Qual è il tuo segreto?
Penso che la cosa più importante sia la motivazione. L'anno scorso ero molto motivato e felice di arrampicare, proprio come quando ho iniziato tanti anni fa. Ora conosco anche meglio i miei limiti e le mie possibilità fisiche e così riesco a pianificare la stagione di arrampicata meglio di prima.

Come sei riuscito a venire a capo di Demencia Senil?
Il motivo principale per cui sono riuscito a farla è che abbiamo avuto un inverno molto brutto qui in Spagna, il che significa che ho trascorso settimane allenandomi in palestra. Solitamente non mi alleno mai sulla plastica, arrampico sempre fuori. Però arrampicando in palestra si diventa più forti più in fretta e quando finalmente è arrivato il bel tempo, ero molto motivato a provare la via. In futuro vorrei provare qualcosa di più, come un 9b.

Quanto è difficile migliorare, passando da 9a al 9a+ per esempio. Oppure dal 9a+ al 9b?
Migliorare dal 9a al 9a+ è molto, molto difficile. Più alta è la difficoltà, più hai bisogno di trovare una via che si adatta alle tue capacità. Ma i gradi in arrampicata sportiva sono una cosa delicata, non sono una scienza esatta. Ciò che è importante è essere onesti con se stessi. E per rispondere alla tua domanda riguardo al miglioramento dal 9a+ al 9b - al momento mi sembra futuristico!

Che valore dai ad una prima salita?
Per me fare una prima salita non è poi così importante. Penso che la cosa importante sia chiudere una via! Non è un problema se sono il primo o l'ultimo, ma posso capire che se pianti gli spit sulla via, ed è una bella linea, a volte fa piacere essere il primo.

Che cosa ti piace di una via?
Sono impressionato dalla bellezza di una linea e se è naturale. E se la via è breve, va ancora meglio!

Breve ed intensa!
Sì, sicuramente mi piacciono le vie di forza pura. Sulle vie brevi ti confronti con l'alta difficoltà richiesta dalle tacche microscopiche, dai buchi difficili... hai davvero bisogno di forza pura. Sulle vie di resistenza non incontri mai l'estrema difficoltà, solitamente hanno grandi prese e le linee tendono ad essere molto strapiombanti. Forse vie come Golpe de Estado di Chris Sharma rappresentano il futuro: una lunga via composta da tantissime sezioni davvero molto difficili.

Con vie come Supercanaleta ed Eternal Flame, sei sicuramente molto di più di super atleta dell'arrampciata sportiva!
Negli ultimi anni ho concentrato i miei sforzi sulle grande pareti. Mi piace molto l'intera avventura che ruota attorno a queste salite, visitare posti nuovi, incontrare persone nuove, viaggiare in tutto il mondo.

Ma anche l'arrampicata sportiva offre questo...
Sì, ma con questo tipo di scalata non è possibile provare le sensazioni che si possono trovare in montagna. Ho capito che ho bisogno di una spedizione all'anno, come quella dello scorso anno a Chani Chico. Ho bisogno di avventura!

L'estate scorsa hai trovato l'avventura più vicino a casa, sul Naranjo de Bulnes. Quello che rende la vostra via Orbayu speciale è che è anche psicologica, con lunghi run-outs. Come fai a valutare il rischio?
Sulla via Orbayu mio fratello Eneko ed io abbiamo subito capito che era molto esposta, ma abbiamo anche visto che era possibile. Se fosse stato troppo duro, o troppo pericoloso, avremmo cercato qualcosa di più facile. Valutiamo sempre ogni situazione attentamente e decidiamo assieme che cosa stiamo facendo!

Tu e tuo fratello formate una grande cordata, siete sempre assieme...
Arrampichiamo insieme perché abbiamo iniziato insieme e conosciamo veramente bene sia i nostri pregi sia i nostri difetti. Ci capiamo bene, sia nella vita sia nell'arrampicata. Credo che siamo un team perfetto, ci divertiamo un sacco assieme.

Con Eneko hai anche salito The Nose su El Capitan in Yosemite. 32 dei 34 tiri sono filati lisci. Tornerai mai per liberare anche quei 2 tiri rimasti?
Sì, vorrei tornare a riprovare The Nose, ma non adesso. E' una via incredibile, ma ha un tiro, Changing Corners, che è molto tecnico e liscio. Bisogna provarlo un sacco di tempo per imparare bene i movimenti... ti fa davvero disperare! Non è un problema di potenza, anzi è soprattutto molto tecnico... Forse qualcosa da provare nei prossimi anni.

Una domanda di poca importanza: quando hai ripetuto Wallstreet hai scelto di farlo seguendo la versione originale, ripetuta raramente. Come mai?
Per me Wallstreet rappresenta una via leggendaria. Ho sognato di salirla da quando ero giovane, quindi quando è finalmente arrivata l'occasione di salirla, volevo farlo nella sua versione originale. Wallstreet per me è la versione originale, ma so che la gente è libera di salire una via come meglio crede.

Lo stesso discorso vale anche per un'altra via di Wolfgang Gullich, Action Direct, di cui ha fatto la terza salita nel 2000. Se non erro, soltanto l'inglese Rich Simpson ha usato la stessa sequenza di Wolfgang...
Sì, su Action Direct ho usato una sequenza diversa da Wolfgang, ma credo che la differenza in questo caso sia piccola perché sono pochi i movimenti diversi. Mentre su Wallstreet se sali a destra cambi totalmente la via; rimane sempre molto difficile, ma è una cosa diversa. Ma tutti sono liberi di scegliere l'opzione migliore per se stessi e questo è la cosa migliore dell'arrampicata, non ci sono né regole né arbitri.

Arrampicare senza corda è un altro aspetto del nostro sport
Per me quelli che arrampicando slegati devono avere una mente speciale e meriti diversi. Ma a me personalmente non piace arrampicare senza la corda - si vive una volta sola e la vita è già così breve!

Parlaci del tuo giorno perfetto?
Avere un giorno intero dedicato soltanto ad andare a scalare, con gli amici, in buona compagnia, divertendosi. E' così semplice.

Mentre quando finalmente vai a letto, cosa sogni?
A volte, quando sono molto concentrato su un progetto sogno i movimenti. Ma solitamente questo accade soltanto quando sono molto vicino a chiudere la via. Adesso sto sognando una bella donna!


Iker Pou ripete Demencia Senil 9a+ a Margalef, Spagna

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale