Home page Planetmountain.com

arrowIce arrowItinerari arrowTrip in the night

Trip in the night -

Primi salitori: F. Bertino, R. Zorzettig 1988
Scheda a cura di: Elio Bonfanti
Area: Alpi Occidentali, Gruppo: Valsavarenche, Quota: 1750m, Stato: Italia, Regione: Valle d'Aosta

In assoluto una delle più belle cascate della Valle d'Aosta. La sua formazione è legata a periodi di freddo intenso in quanto ha un importante debito di acqua. Generalmente la prima lunghezza (aggirabile) anche se facile risulta essere la più psicologica in quanto su ghiaccio sottile. La parte superiore oppone ghiaccio generalmente a meduse strapiombanti da superare con un'arrampicata molto fisica. La cascata prende il sole nel pomeriggio tenerne quindi conto per eventuali frange sospese.

ACCESSO GENERALE

Da Torino si segue l’autostrada per il tunnel del Monte Bianco uscendo ad Aosta ovest/Saint Pierre. Si prosegue in direzione Courmayeur, dopo circa 3 Km si prende a destra per Valsavarenche. Si risale la valle fino all’abitato di Degioz. Da Chamonix si percorre il Tunnel del Monte Bianco sbucando a Courmayeur. Si segue la statale in direzione di Aosta e dopo l’abitato di Arvier si seguono le indicazioni per Valsavarenche sino a Degioz. Qui giunti prendere la stretta carrareccia in direzione della chiesa del paese e parcheggiare dietro al cimitero. 

ACCESSO

Dal parcheggio un evidente sentiero tracciato porta diagonalmente ed in pochi minuti alla base del primo salto. 15 minuti dall'auto.

ITINERARIO

Attaccare la colata nel suo lato destro e per una rampa a cavolfiori (75°) raggiungerne il centro. Procedere direttamente in spaccata scegliendo i punti migliori (85°) fino in uscita dove sostare comodamente su ghiaccio S1 (60m). Risalire il canale superiore che si apre ad anfiteatro alla base del salto superiore. Risalire quindi alcuni metri sul lato destro per andare a sostare in una comoda nicchia S2. Salire direttamente sul lato destro un colonnino esile oppure inoltrarsi in un dedalo di "meduse" strapiombanti per raggiungere un comodo punto di fermata a metà muro 90° S3  (30m). Uscire sul ripido colonnato che con numerosi passi in strapiombo vince la parte centrale della cascata (90° 95°) buoni riposi ma molta continuità. Sostare nuovamente in una comoda nicchia S4 (25m). Uscire verso sinistra su una rampa aggettante che va ad esaurirsi in un ultimo risaltino (80°) che precede la fine delle difficoltà S5 (30m). Risalire il facile pendio per raggiungere la goulotte di uscita che si supera con 60 metri di corda (passi a 80°) S6.

DISCESA

La prima doppia è attrezzata su chiodi. La seconda è sull'ampio ripiano al di sopra delle difficoltà e deve essere attrezzata su abalakov. La terza (molto ripida) deve essere fatta tirando leggermente verso sinistra per raggiungere una sosta a spit all'altezza del candelone di sinistra della cascata. Consigliabile posizionare un chiodo per facilitare l'ingresso nella nicchia. Da questa una volta alla base traversare scendendo verso sinistra e per un ripido pendio aggirare la prima parte della cascata. Si può anche scendere a piedi risalendo il canale superiore tenendo la sinistra sino a raggiungere il sentiero che riconduce a Degioz.

MATERIALE

Normale dotazione da cascata.

CARTOGRAFIA/BIBLIOGRAFIA

Grassi, Cambiolo "Diamanti di Cristallo" - Damilano, Perroux "Cascades autour du Mont blanc" -  M. Sertori "Alpin Ice".

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Trip in the night"

Nessun commento per l'itinerario Trip in the night

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

III/5+

VERSANTE

Ovest

LUNGHEZZA DISLIVELLO

170m

RICERCA cascate di ghiaccio

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós