Home page Planetmountain.com
Jacqui Becker e Kevin Jorgeson
Fotografia di archive Kevin Jorgeson
Kevin Jorgeson
Fotografia di archive Kevin Jorgeson
Kevin Jorgeson lavora Mescalito, autunno 2009, El Capitan, Yosemite
Fotografia di Tim Kemple / Black Diamond
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Kevin Jorgeson: dall'arrampicata agli aiuti umanitari a favore dei migranti

di

Intervista al climber americano Kevin Jorgeson, famoso per la prima libera della Dawn Wall su El Capitan in Yosemite (insieme a Tommy Caldwell nel gennaio 2015), che sta per intraprendere un viaggio di due settimane sull'isola greca di Lesbo insieme alla sua fidanzata Jacqui Becker. I due lavoreranno come volontari per aiutare i migranti in fuga dalla guerra e dalla povertà.

"Conosci quella sensazione di intimidazione ed eccitazione quando stai per iniziare una nuova avventura? In questo momento la sento alla grande, ma per una volta l'obiettivo non è legato all'arrampicata. Ma cercare di aiutare gli altri. Fra una settimana Jacqui ed io andremo ad aiutare gli uomini, le donne ed i bambini che arrivano sulle coste di Lesbo, in Grecia, in cerca di un futuro più luminoso. Non posso cambiare le cause principali di questa crisi umanitaria, ma posso fare una piccola differenza nelle vite di coloro che sono più colpiti." Questo testo, pubblicato due giorni fa da Kevin Jorgeson - uno dei migliori climber statunitensi - ovviamente non poteva essere ignorato.

Kevin, prima di tutto: complimenti per questa vostra decisione di andare in Grecia per portare aiuto ai migranti. Ci puoi raccontare come è nata?
Lo scorso agosto, il mio buon amico Brad Parker è caduto mentre arrampicava in solitaria a Tuolumne. Questa perdita mi ha scosso profondamente. E ha scosso radicalmente tutta la nostra comunità di climber. Il dolore mi ha portato ad avere dei seri dubbi circa il mio impegno per la Dawn Wall, al punto che la scorsa stagione quasi quasi non sarei nemmeno più tornato in parete. Quando il nostro dolore collettivo ha cominciato ad alleviarsi, la nostra comunità ha creato un'associazione no-profit nel nome di Brad chiamata B-Rad Foundation. Questa fondazione è costruita sui principi a cui Brad ha dedicato la sua vita. Una delle cose che ha sempre trasmesso, sia verbalmente sia attraverso le sue azioni, era: fate qualcosa che conta.

Poi c'è stata la tua Dawn Wall
Sì, ma dopo la mia salita mi sono trovato sempre più spesso coinvolto con organizzazioni che aiutano le persone che hanno bisogno di aiuto. Come climber, gran parte della mia attenzione è focalizzata sui miei progetti personali. Era importante per me quindi trovare un equilibrio tra ciò che voglio ottenere come atleta, e quello che voglio fare come essere umano. Così ho partecipato a raccolte di fondi per organizzazioni come l'UNICEF (in collaborazione con Gear Co Op a Los Angeles) e Outward Bound qui a San Francisco. Sono orgoglioso di quel lavoro, ma alla fine dell'anno scorso Jacqui ed io abbiamo cominciato a vedere queste immagini orribili provocate dalla crisi dei rifugiati. La maggior parte di queste immagini venivano dalle spiagge di Lesbo, in Grecia. Non abbiamo potuto fare a meno di renderci conto che stavamo assistendo alla peggiore crisi umanitaria della nostra generazione.

E così…
Un nostro caro amico, Sheldon, ha lasciato la sua famiglia durante le feste del Thanksgiving e di Natale per lavorare come volontario a Lesbo (tra l'altro io e Jacqui ci sposeremo sulla sua proprietà entro la fine dell'anno). Sheldon è stato un grande esempio e ci ha ispirati a fare di più che donare denaro. Quando è tornato e ha condiviso con noi la sua storia, abbiamo iniziato a progettare questo viaggio. Il mio modo di pensare è simile a come ho pensato quando stavo lottando sul 15° tiro della un anno fa: non volevo essere il tizio che aveva "quasi" salito la Dawn Wall. Non potrei vivere con quel ricordo. E non voglio guardare indietro, a questa situazione, e sapere che avrei potuto fare qualcosa, ma che non l'ho fatto. Siamo in buona salute, capaci, e abbiamo tempo per viaggiare. Non abbiamo scuse. Ancora più importante, sentiamo che è la cosa giusta da fare. Perché ciò che facciamo importa.

Come vi sentite adesso? E di cosa avete paura?
In questo momento mi sento molto simile a quando ero in macchina, verso Yosemite, per iniziare il tentativo definitivo sulla Dawn Wall: eccitato, intimidito, nervoso, concentrato. Non vedo l'ora di arrivare lì, essere coinvolto, fare una piccola differenza. Sono preoccupato per quello che vedremo, di non poter essere di aiuto, per le barriere linguistiche e per il conflitto. Se non altro, stiamo portando 1.000 coperte d'emergenza di Adventure Medical Kits. In un primo momento Adventure Medical Kits ed io stavamo parlando di vari progetti di arrampicata da fare insieme, ma poi mi sono reso conto che questo avrebbe avuto un impatto maggiore per tutti. Quindi, gli sono super grato per il loro sostegno.

Questa di chi scappa dalle guerre e da situazioni di estrema povertà è immensa
Per me, è facile sentirmi impotente di fronte ad un conflitto ed una crisi così enorme. So che da solo non potrò influenzare in alcun modo i motivi alla base di questa crisi. Ma con questo viaggio non vogliamo prendere le parti di qualcuno o fare una dichiarazione politica. Questi uomini, donne e bambini fuggono dalle loro case in cerca di un futuro più luminoso. E, veramente, si tratta soltanto di essere lì ed aiutare le persone che ne hanno bisogno.

Per saperne di più del progetto di Kevin e Jacqui, e per fare una donazione, visitate: www.gofundme.com/hoopsandrocks

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria