Home page Planetmountain.com
Roberto Ciabattini in cima alla Punta Lucca sull'Isola di Tavolara, verso la Sardegna
Fotografia di archivio Maurizio Oviglia
Maurizio Oviglia sulla via 'Affora sa nato', Isola di Tavolara, Sardegna
Fotografia di Stefano Meloni
Il diedro, passaggio chiave della via 'Affora sa nato', aperta sull'Isola di Tavolara, Sardegna, da Enzo Lecis, Simone Sarti negli anni novanta
Fotografia di archivio Maurizio Oviglia
La linea di 'Affora sa nato', aperta sulla Punta Lucca, Isola di Tavolara, Sardegna, da Enzo Lecis, Simone Sarti negli anni novanta
Fotografia di archivio Maurizio Oviglia

Tavolara, l’arrampicata sull’isola avvolta tra leggenda e realtà

di

Maurizio Oviglia racconta l’affascinate storia dell’arrampicata sull'Isola di Tavolara, sulla costa NE della Sardegna, e ripercorre la via 'Affora sa nato’ (6b, 215m) aperta da Enzo Lecis e Simone Sarti negli anni novanta.

L’Isola di Tavolara è una delle meraviglie del Mediterraneo, un’isola che si erge dal mare per più di 500 metri come una gigantesca nave pietrificata, circondata da ogni lato da pareti e scogliere di roccia di ottima qualità.

Sito carico di mitologie e leggende, da sempre attira lo sguardo di chi, proveniendo dal "continente" con il traghetto, si accinge ad attraccare nel Porto di Olbia. Penso che ogni alpinista o arrampicatore abbia almeno sognato con lo sguardo su quelle pareti e si sia chiesto come mai non fossero state mai stata recensite nelle guide alpinistiche. Eppure le notizie di salite da parte di arrampicatori risalgono ai primi anni settanta, da parte dei soliti finanzieri di Predazzo, primi esploratori del Supramonte di Oliena. Ebbene anche loro avevano compiuto delle salite sulle pareti dell’isola! Lo sapevate? Si vocifera che non le resero note perché non autorizzati a compierle da parte del loro comando eppure esse sono regolarmente recensite nella "bibbia" di Alessandro Gogna, "Mezzogiorno di Pietra". Tuttavia poco dopo Tavolara scompare dalle pagine delle successive guide alpinistiche della Sardegna e sull’isola cala il mistero: si può scalare? Oppure è vietato? A chi bisogna chiedere per poter aprire delle vie? In effetti, come riportato da wikipedia, l’isola è privata e l’accesso alla sua cima rimane vietato se non in possesso di regolare autorizzazione. Tanto bastò a Gino Buscaini per stornarla dalla mia guida "Sardegna" e per lo stesso motivo decisi di escluderla dalle successive edizioni di Pietra di Luna.

Ma la storia alpinistica dell’isola non si è fermata, anzi, è proseguita in modo più o meno "clandestino"... Alla fine degli anni settanta il tedesco Bodo Habel vi apre numerose vie tradizionali; poco dopo il forte dolomitista Giuliano Stenghel si innamora dell’isola e vi apre molte vie nuove, spesso in compagnia di scalatori di origine sarda. Stiamo sempre parlando di vie tradizionali, senza materiale fisso. La prima via moderna arriva però negli anni novanta ad opera di Lecis e Sarti, come riportato da Gogna nel suo ultimo libro: se reato c’è stato, ormai dovrebbe essere caduto in prescrizione… :-) Mai pubblicata per esteso, raramente ripresa, questa estate ho avuto occasione di ripeterla due volte e sistemarla un po’, ripulendola dall’erba e aggiungendo qualche cordone. A differenza di quel che si legge sul libro di Alessandro Gogna "La pietra dei sogni", non mi pare che la via ricalchi la Via dei Finanzieri, semmai risulta spesso vicina a quella di Bobo Habel, senza però mai sovrapporsi ad essa. Ciò almeno secondo le mie ricerche ed i miei sopralluoghi sul campo. Quindi, forse, possiamo finalmente pubblicare questa bella via!

Ma allora, si può scalare a Tavolara? Che volete, fate un po’ voi… Ogni estate centinaia di escursionisti salgono sulla Punta Cannone, il suo punto più elevato, dove si può godere di una vista straordinaria. E ci salgono con l’aiuto di corde fisse ed ogni altro genere di manufatto, accompagnati da ottime guide escursionistiche locali (consigliamo ai non esperti di farsi assolutamente accompagnare). Quindi perché non potrebbero frequentarla gli scalatori?

Particolare attenzione va però prestata a seguire i sentieri di accesso indicati nella scheda, evitando di passare, una volta sbarcati, nelle proprietà private. Chissà, potrete magari incontrare il "Re" di Tavolara, che peraltro è una persona gentile a cui non dispiace che la sua parte di isola sia frequentata dai turisti. Eh si, perché su quest’isola vige ancora la monarchia, lo sapevate?! Se volete saperne di più procuratevi il libro di Giuliano Stenghel "Nonno… perché abbiamo i denti d’oro?"

di Maurizio Oviglia


SCHEDA: Affora sa nato, Isola di Tavolara, Sardegna

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria