Home page Planetmountain.com

Moro e Ogwyn in vetta al Batokschi, ma la spedizione al Batura II è finita

di

Il 10 luglio scorso dopo aver raggiunto la cima del Batokschi (6050m) Joby Ogwyn e Simone Moro sono costretti a rinunciare alla salita del batura II per un incidente occorso in discesa a Ogwyn.

Broad Peak

Finisce in anticipo l'avventura di Simone Moro e dell'alpinista e cameraman americano Joby Ogwyn sul Batura II (7762m Pakistan - Karakorum Occidentale), la montagna più alta della terra ancora in attesa della prima salita. Il 10 luglio scorso, infatti, dopo aver raggiunto per un nuovo itinerario la cima del Batokschi (6050m) - “dopo 3 giorni di scalata in stile alpino e sempre slegati lungo una cresta affilata e pericolosa” - Joby Ogwyn è stato travolto da una valanga lungo la difficile discesa. Per fortuna, come racconta nel suo ultimo report Simone Moro, l'americano è riuscito a lanciare l'allarme ed è stato prontamente soccorso dal cuoco della spedizione e dallo stesso Simone Moro che (più veloce) nel frattempo aveva già raggiunto il campo base.

Per fortuna le condizioni di Ogwyn, sempre secondo il report di Moro, non sembrano preoccupanti: “i primi accertamenti sembrano escludere fratture, ma restano ematomi e difficoltà di movimento della gamba sinistra”. Per i due, dunque, la spedizione è finita in anticipo, anche se con due cime raggiunte - prima del Batokschi, infatti, i due avevano salito lo Ya Chhish (5130m). E' mancato però il risultato più importante ed ambito: la cima del Batura 2. Ma, come scrive Moro: “Poteva però mancare un componente della spedizione se la sorte non ci avesse sorriso...”

tutto il diario della spedizione sul sito: www.simonemoro.it

SPEDIZIONE FINITA!
di Simone Moro

Nel giorno in cui è arrivata la cima del Batokschi 6050 m dopo 3 giorni di scalata in stile alpino e sempre slegati lungo una cresta affilata e... pericolosa, è iniziata la discesa per un itinerario diverso e molto impegnativo. Lunghissimi tratti in Piolet traction, appesi alle punte dei ramponi e alle lame delle piccozze con pericolo altissimo di valanghe. Obbligo era essere il più veloci possibili.
In 3 ore riuscivo ad essere alla base della parete salvo, trovando la via di discesa tra un labirinto di seracchi e crepacci. Joby purtroppo non riusciva ad essere altrettanto veloce e fortunato e a 300 metri dalla fine della discesa veniva travolto da una valanga...

Broad Peak

La walky talky che avevamo come dotazione individuale si mise in collegamento quando io ero al campo base a sorseggiare una bibita fresca: "Simone, sono stato travolto da una valanga...sono vivo...ma penso di avere un'anca rotta..." silenzio... "non so come ho fatto ad uscire vivo da quella tremenda valanga".
Io ero al telefono satellitare in quel momento e realizzai dopo qualche secondo il significato di quelle parole... Scattò subito l'operazione di soccorso portata a termine magistralmente dal cuoco Didar e poi aiutato da Karim ed dal sottoscritto accorsi sul luogo dell'incidente. Era notte fonda quando stremati raggiungemmo tutti e quattro il campo base sorreggendo Joby che agonizzava ad ogni passo. Durante quella marcia io effettuai già le telefonate satellitari all'agenzia Adventure Tour Pakistan per richiedere l'elicottero di soccorso che magistralmente è atterrato oggi alle 12:20 al campo base per trarre in salvo Joby accompagnato dal sottoscritto. Nel tardo pomeriggio i primi accertamenti sembrano escludere fratture, ma restano ematomi e difficoltà di movimento della gamba sinistra.

La spedizione è dunque finita in anticipo, con due cime raggiunte ed una via nuova. E' mancato però il risultato più importante ed ambito ossia la cima del Batura 2. Poteva però mancare un componente della spedizione se la sorte non ci avesse sorriso...

Voglio ringraziare Ashraf Aman e tutto lo staff della sua agenzia (in particolare Essar e Neiknam) per le acrobazie "diplomatiche" rapidissime che hanno mosso la macchina militare che ha permesso l'invio dell'elicottero. Ringrazio Dio per l'epilogo di questa avventura...

di Simone Moro


DIARIO SEPDIZIONE
archivio news Simone Moro
Expo The North Face
Expo CAMP

Nelle foto: il tracciato (in verde) della nuova via sul Batokschi, in rosso la via che i Moro e Ogwyn pensavano di percorrere per raggiungere la cima del Batura II. Qui sopra: sulla pericolosa cresta.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria