Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowRoutes arrowPilastro di Mezzo

Pilastro di Mezzo

First ascent: Reinhold & Günther Messner 6&7/07/1968
By: Planetmountain
Area: Dolomites, Group: Sass de la Crusc, Peak: Sass de la Crusc, Height: 2825m, Country: Italy, Region: Alto Adige

Nice route up solid rock, especially in the upper section. With in-situ gear throughout the entire route, the Messner was long considered one of the hardest routes in the Dolomites. Heinz Mariacher repeated the route adding an easier variation on the hardest pitch.

GETTING THERE

Take the motorway A22 to Bressanone, then continue along the SS49 through the Val Pusteria to S.Lorenzo. Continue along the SS244 through the Val Badia to Corvara. Alternatively, take the motorway A22 to Chiusa and continue along the SS242 up the Val Gardena to Passo Gardena and down to Corvara. At Corvara follow signs for La Villa - Pedraces. At Pedraces take the chairlift on the right to the refuge and church Santa Croce, from where the path leads off to the base of the routes.

ACCESS

From Santa Croce (2045m), beneath Sass dla Crusc, follow path no. 7 that leads beneath the mountain past scree slopes and alpine meadows up to the ferrata. Reach the base of the Pilastro di Mezzo and then turn off left through meadows and over stepped terrain to the start of the route.

DESCENT

From the top of the route follow the crest and path right (south) to reach Furcla dla Crusc 2609m and the cables belonging to the ferrate. Walk down this to meet up with the path that leads to the Santa Croce refuge (1.30 hours).

GEAR

Normal alpine rack.

Share this page

COMMENTS for the route "Pilastro di Mezzo"

03-09-2009, Stefano Gavagna
Bella via. Incredibile immedesimarsi nell'apritore. Usato la relazione di Rabanser che è fatta molto bene (a parte i gradi a mio parere un po' strettini, ma era immaginabile). Raggiunto l'attacco facendo la prima parte del Mayerl, sulla cengia si cammina tranquillamente.
11-09-2006,
Bellissima ed impegnativa; pochi chiodi in posto, in particolare sul tiro della "Placca Messner" mancano alcuni chiodi ed uno mi è rimasto in mano sul traverso. Molto continuo l'ultimo tiro. Accesso alla cengia mediante la prima parte della diretta al grande muro.
11-09-2006,
Bellissima ed impegnativa; pochi chiodi in posto, in particolare sul tiro della "Placca Messner" mancano alcuni chiodi ed uno mi è rimasto in mano sul traverso. Molto continuo l'ultimo tiro. Accesso alla cengia mediante la prima parte della diretta al grande muro.
06-08-2006, antonio antonio
Capolavoro del mitico messner.Via molto impegnativa e poco chiodata.Variante con traverso strano su una piccola lista per piedi,molto caratteristico.sempre impegnativa in ogni tiro. Per arrivare all'attacco del pilastro saliti dalla gabloner:roccia semplicemente squallida!!!
28-03-2005, saverio DE TOFFOL
da povero arrampicatore della domenica ho rinviato quello che c'era da rinviare...e non e' che ci fosse poi molto!
28-03-2005, saverio DE TOFFOL
da povero arrampicatore della domenica ho rinviato quello che c'era da rinviare...e non e' che ci fosse poi molto!
15-03-2005, marco simionato
fatta due volte metà '80, solo la parte alta. Il tiro ad U della variante Mariacher non ricordo abbia dato problemi di attrito. Poi dipende da quanto si rinvia sul tiro, immagino.Un'alternativa simpatica per la parte superiore consiste nel salire il Gran Muro (o qualche altra via) e poi scendere con due doppie per la Kofler Gabloner all'attacco del Pilastro di Mezzo.
18-01-2005, saverio DE TOFFOL
Grande Messner! L'ultimo tiro per me' e' un buon 6+.Dinoia nella sua relazione dice di fare il 3° tiro sopra la cengia includendo il passo chiave della var.Mariacher la quale fa' un giro a U arrivando a fare sosta sopra l' uscita della famosa placca Messner,il che provocherebbe un attrito allucinante!Mi piacerebbe sapere come ha fatto a stimare di 7+ tale placca Dinoia.Pareti sarebbe meglio che si astenesse di pubblicare monografie cosi' superficiali.
05-11-2004, Geremia
Via questi spiti!Veramente un oltraggio al buon sensoGeremia
07-09-2004, Sergio Teresi
facendo i tiri del Mayerl fino alla cengia la via diventa più continua e ne guadagna in qualità della roccia; la 2^ parte della Messner è una linea da "inchino" verso il grande maestro; io ho fatto la variante Mariacher e devo dire che non è così semplice; il diedrino prima della variante è un robustissimo 7, direi tosto. Il tiro dopo la variante (o il passaggio originale) è sottovalutato: meglio il 6* proposto da buon Dinoia. Anche l'ultimo tiro, la fessura, non è così semplice come potrebbe sembrare dal grado. Unico neo, gli spit sulle ultime 2 soste: mi è sembrato un insulto all'etica degli apritori e tra l'altro non necessari!
02-08-2004, marco bozzetta bozzetta
Che dire di una via simile? Ma voi ve lo immaginate Reinold dotato di scarponi su quelle placche con quella esposizione? Con tutte le vie classiche che ho fatto, vi posso garantire che questa è un altra cosa, non solo per le difficoltà, ma per la linea e per il coraggio richiesto ai primi salitori per affrontarla. Attenzione alla corda fissa che immette all'inizio dei tiri duri, andrebbe sostituita. Provare per credere...
21-10-2003, di Marino Diego
Concordo con i commenti precedenti: consiglio di salire la prima metà del diedro mayrl, poi taversare a sinistra per prendere la parte alta del pilastro di mezzo.
18-09-2003, Alberto S.
la relazione che c'è in questo sito è un pò grossolana, se ne accorgerà chi andrà a farla. Io l'ho fatta per intero e secondo me la roccia nella parte alta è ottima, ma nella parte bassa è alquanto friabile e pericolosa.Penso che questo andrebbe specificato, anche perchè non è un giudizio solo mio.Roccia più friabile l'ho trovata solo sul Latemar.La chiodatura sopra è molto buona.Sempre secondo me:il primo tiro sopra la cengia mediana è 4e5, il secondo 6,A0,5+,il terzo è 7(A0),6,7-. Da buttare via sia le relazioni che l'articolo sul Sass dla Crusc di Pareti.Meglio l'articolo di 10 anni fa sulla RdM o la vecchia Dinoia.Per concludere:la parte alta l'ho fatta 3 volte, la parte bassa mi è bastata una volta.Ciao, Alberto.
01-09-2003, Nicola Tondini
Via bella e significativa. Consiglierei di fare la prima parte del diedro Mayerl, traversare in cengia e fare l'ultima parte del Pilastro di mezzo (sono i tiri più difficili ma quelli più belli)
Details / route
BEAUTY

stella stella stella stella stella

DIFFICULTY

8 (7 Mariacher variation)

OBLIGATORY DIFFICULTY

6 A1

FACE

West

LENGTH

500m

VOTES / itinerary
USERS VOTE:
stella stella stella stella stella
Vote the itinerary
COMMENT / itinerary

PERSONAL AREA

Add your email and password:

Username:

Password:


SEARCH routes

GROUP

Peak

Route

More itineraries
EXPO / Products
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com is updated daily: news, rock climbing, walks, trekking, alpinism, freeride skiing, ski mountaineering, snowboarding and ice climbing on the mountains worldwide. Furthermore, climbing techniques explained, gear & book reviews, expert advice, mountain photography, interviews and competition reports.
FORUM
CLASSIFIEDS
Recent Comments
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini