Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowKiss or Kill, la recherche

Kiss or Kill, la recherche

02.01.2007 di PlanetMountain

Il 26/12/2006 Luca Vuerich e Michele Martina hanno aperto "Kiss or Kill" (M6), una nuova linea che si districa tra i meandri, i canali e i budelli della parete Nord della Cima Castrein (2502m), nel Gruppo dello Jof Fuart (Alpi Giulie).



A volte ci attira la parte più nascosta delle cose, quella stessa visione che non si può percepire restandone fuori. Forse è per questo che si affronta una montagna d'inverno. Ed è per questo ci si tuffa nell'avventura della solitudine, con tutta la sua in-consistenza di neve e ghiaccio.

Il 26 dicembre scorso, Luca Vuerich e Michele Martina sono andati alla ricerca di quello speciale silenzio e di quell'abbandonarsi alla stagione più fredda. E l'hanno trovato in "Kiss or Kill", una linea - già tentata da Vuerich e Meroi nel 2002 - che si districa tra i meandri, i canali e i budelli della parete Nord della Cima Castrein (2502m), nel Gruppo dello Jof Fuart (Alpi Giulie).

Kiss or Kill (il riferimento al libro di Mark Twight non è casuale) è risultato un viaggio di "misto", con lunghe sezioni di "neve pressata", lungo quasi 12 ore per 800 metri di salita. Le difficoltà - paragonabili a quelle della via Sanjski Ozebnik sulla nord del Tricorno - raggiungono il grado M6. Luca Vuerich descrive la via come "una salita molto psicologica... Il tutto condito da scariche di neve polverosa...". O meglio ancora: come un'esperienza che "va oltre il passaggio e il grado"...


KISS OR KILL
nuova via sulla Cima Castrein 2502m (Gruppo dello Jof Fuart)
di Luca Vuerich


Ormai erano quattro anni che seguivo con attenzione questa linea che taglia la Cima Castrein, da quella volta che con Nives (Meroi ndr) ne tentai la salita, purtroppo quella volta sottovalutai le difficoltà e così dopo 3 tiri decidemmo di scendere.

Il 24 Dicembre 2006 con Michele avevo in programma di salire un canale sulla nord del Tricorno (Slovenia). Ma purtroppo la mattina stessa Michele si accorge di aver dimenticato i documenti e così cambiamo programma: decidiamo per una gita di "esplorazione" per controllare le condizioni delle cascate e dei canali in Val Spragna.

Cascate purtroppo neanche l'ombra... Però notiamo che sono ottime le condizioni dei canali sulla nord del Buinc e della Cima Castrein: grazie alle nevicate di neve umida si sono intasati per bene... Così decidiamo di tornare sul vecchio progetto.

26-12-2006, ore 05.00: con Michele partiamo dal parcheggio in fondo alla Val Saisera e, grazie al sentiero già tracciato, saliamo "veloci" alla base della nostra via. La giornata è splendida e la temperatura mite.

Ore 08.00: Partenza... saliamo slegati i primi cento metri di neve pressata, quasi un divertimento con qualche breve tratto a 70 gradi. Michele è galvanizzato, forse non ha idea di cosa ci aspetta più in alto.

Ore 08.30: Si comincia a fare sul serio. La neve che sui tratti appoggiati era bella pressata sul verticale è molto inconsistente, con poche possibilità di sistemare protezioni decenti. E' una salita molto psicologica, devo rimanere molto concentrato quando non vedo più l'ultima protezione e mi trovo a raschiare con la picca la roccia sotto la crosta di neve... Il tutto condito da scariche di neve polverosa... Ho provato sensazioni simili solo su Sanjski Ozebnik, la difficile via di misto sulla nord del Tricorno.

Gli ultimi due tiri sono in un budello di roccia con due impegnativi camini molto lisci, difficili da proteggere: era il tratto che mi spaventava meno ma che mi ha impegnato di più. Ho impiegato quasi due ore per queste ultime lunghezze. Dopo finiscono le difficoltà e si entra nel grande canale: trecento metri di neve fresca da battere che porta dritti in cima.

Ore 16.30: Finalmente la vetta, dopo quasi 12 ore non stop. Riusciamo a gustarci la splendida luce del tramonto per qualche minuto dopo di che cominciamo la discesa illuminati dalla luce fredda delle nostre lampade frontali.
Ore 19.20: Arriviamo alla macchina dove 14h e 20 min. dalla partenza.
 
"Kiss or Kill" rappresenta uno stile di salita, una specie di filosofia. Leggendo l'omonimo libro di Mark Twight ho trovato molte affinità con il mio modo di interpretare la montagna e questo genere di salite in particolare: uno stile veloce, pulito, di ricerca. A mio parere è così che andrebbe considerato l'alpinismo: non è il grado, la difficoltà pura, ma qualcosa che va oltre al passaggio.

di Luca Vuerich

SCHEDA
Cima Castrein 2502m, Gruppo dello Jof Fuart
Via: Kiss or Kill
Salitori: Luca Vuerich, Michele Martina (26/12/06)
Lunghezza: 500m + 300m di canale nevoso
Difficoltà: Neve pressata a 85°-90° - M 6
Esposizione: Nord
Avvicinamento: 3 ore circa. Partenza dal fondo della val Saisera direzione Bivacco Mazzeni e poi seguire per la Forcella Mosè. Canale ben visibile a destra.
Discesa: seguire verso Est la cresta con sali scendi e poi scendere verso la forcella Mosè, direzione Nord, prima lungo un crinale e dove termina per canali di neve. Dalla forcella scendere il canale fino al canale (1h). Possibile anche atrezzare la discesa in doppia dalla fine delle difficoltà. 4 soste già pronte.


Portfolio

Nelle foto: alcuni momenti della salita di Kiss or Kill (arch. L. Vuerich)

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini