Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowNuova via di alpinisti olandesi sulla parete NE del Great Wall of China in Kirghizistan

Bas Visscher impegnato su una colata di ghiaccio durante la prima salita di Double Trouble (TD-, AI4, 800m) sulla parete nordest della Great Walls of China in Kirghizistan il 16/08/2013.
Photo by archive Bas van der Smeede
Bas vd Smeede e Vincent Perrin durante la prima salita di Double Trouble (TD -, AI4, 800m), Great Walls of China, Kirghizistan il 16/08/2013.
Photo by archive Bas van der Smeede
La linea scelta dagli olandesi Bas Visscher, Vincent Perrin e Bas van der Smeede il 16/08/2013 per salire Double Trouble (TD -, AI4, 800m) sulla parete nordest della Great Walls of China in Kirghizistan
Photo by Evrard Wendenbaum
Vista panoramica di tutte le vie sulla Great Walls of China in Kirghizistan
Photo by archive Bas van der Smeede

Nuova via di alpinisti olandesi sulla parete NE del Great Wall of China in Kirghizistan

04.12.2013 di Planetmountain

Il 16/08/2013 gli alpinisti olandesi Bas Visscher, Vincent Perrin e Bas van der Smeede hanno effettuato la prima salita di Double Trouble (TD -, AI4, 800m) sull'inviolata parete nordest della Great Wall of China in Kirghizistan.

Quest'estate una spedizione di sei alpinisti olandesi si è recata ai piedi della Great Walls of China, situata nella catena montuosa Kookshal-Too in Kirghizistan, con l'obiettivo di aprire una nuova linea sulla formidabile parete est. La stessa che era stata salita per la prima volta nel 2004 da una spedizione scozzese composta da Pete Benson, Matt Hallsand, Guy Robertson, Robin Thomas ed Es Tressider, mentre nel 2011 i tedeschi Ines Papert e Wolfgang Russegger avevano scelto una linea vicina per aprire la loro via Quantum of Solace. Entrambi questi spedizioni non hanno raggiunto la cima principale.

A differenza delle precedenti spedizioni Bas van der Ploeg, Bas van der Smeede, Bas Visscher, Vincent van Beek, Vincent Perrin e Saskia van der Smeede sono riusciti a raggiungere il campo base trasportati da un enorme camion a 6 ruote. Poi, il Campo Base Avanzato è stato stabilito dopo 10 giorni di esplorazione e trasporto materiale. La strategia era quella di salire in gruppi di due e dopo un primo periodo di tempo instabile gli alpinisti sono partiti su tre linee diverse, con attrezzatura e provviste per 4 giorni. Ben presto però, due dei tre team si sono fermati: Saskia è stata colpita da un sasso e, anche se non ferita gravemente, non poteva continuare, mentre Perrin e Visscher hanno abbandonato il loro tentativo per mancanza di un bivacco al riparo dalle cadute di sassi. Sebbene Vincent van Beek e Bas van der Ploeg avessero continuato lungo il pilastro centrale, alcuni giorni più tardi anche loro sarebbero scesi per mancanza d'acqua e attrezzatura adeguata.

Il giorno dopo il ritorno al Campo Base Avanzato, Bas van der Smeede, Vincent Perrin e Bas Visscher hanno individuato una bella linea sulla parete nord-est della Great Wall of China che sembrava ideale per una salita in stile alpino su una cima ancora vergine. Hanno subito raccolto tutto il materiale a disposizione (da notare che avevano a disposizione soltanto 3 viti da ghiaccio) e il 16 agosto sono partiti alle 05:00 di mattina. Le condizioni erano buone, cielo limpido e freddo, e dopo aver attraversato la terminale hanno salito alcune belle goulotte di ghiaccio. Un salto di 80°, alto 10m, è stato superato con solo un chiodo da ghiaccio ed un birdbeak martellato nel ghiaccio come protezione aggiuntiva. Altro terreno interessante e ghiaccio nero li hanno condotti alla sezione finale.

"Anche se il tratto finale non era verticale" spiega Bas Visscher " viste le difficili condizioni della neve siamo rimasti legati. Il vento aveva creato delle enormi cornici verticali, come non avevo mai visto prima. Più mi avvicinavo alla cima, più la neve diventava polverosa e pericolosa. Siamo dovuti salire con grande attenzione. Appena sotto il punto più alto della cresta ho fatto sosta per assicurare Bas e Vincent. Non riuscivamo a vedere se avevamo raggiunto il punto più alto in assoluto su questa lunghissima cresta orizzontale, ma abbiamo subito concordato che nuotare ulteriormente attraverso queste pericolose cornici di neve sarebbe stato troppo pericoloso. Questa era la nostra cima."

Secondo Bas van der Smeede, la vetta principale si trovava soltanto 40 metri più in alto ma era separata dalla cresta che avrebbe richiesto almeno un'altra mezza giornata. Felici per la loro salita, ma preoccupati per la "missione di dover affrontare 800m di calate su Abalakov" hanno subito iniziato la discesa.

La via è stata chiamata Double Trouble - guaio doppio - in riferimento alla difficile salita e discesa ma anche ai soliti problemi intestinali di cui molti alpinisti soffrono durante le spedizioni." Eravamo felici per la nostra via, un buon premio di consolazione dopo il nostro fallimento sulla parete di roccia" ha spiegato Bas van der Smeede prima di concludere "Ma la parte principale della parete est rimane ancora inviolata e rappresenta una grande sfida per le future spedizione. Se il tempo lo permette."

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello