Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowDue generazioni, nuova via di sulla Cima de Cessole per Alessio Cerrina e Michele Perotti

31/05/2013: Cima de Cessole (2950m), Alpi Marittime.
Photo by Alessio Cerrina
31/05/2013: Alessio Cerrina e Michele Perotti durante la prima salita di Due generazioni (400m, ED- (IV / 5)), Punta Est di Cima de Cessole (2950m), Alpi Marittime. Ale in contemplazion su cosa lo aspetta 5 tiro.
Photo by Alessio Cerrina
INFO / links & info:

Due generazioni, nuova via di sulla Cima de Cessole per Alessio Cerrina e Michele Perotti

04.06.2013 di Planetmountain

Il 31/05/2013 Alessio Cerrina e Michele Perotti hanno aperto Due generazioni (400m, ED- (IV / 5)), una nuova goulotte sulla Punta Est di Cima de Cessole (2950m), Alpi Marittime. Il racconto di Alessio Cerrina.

Un inverno incredibile. Quante volte l'abbiamo già detto? Forse troppe. Allora prendiamo in prestito le parole della guida alpina Alessio Cerrina: una "primavera pazza". Che nelle Alpi Marittime ha creato un raro gioiello, una bella linea da cogliere all'istante sulla parete nord della Cima de Cessole. Assieme a Michele Perotti, Cerrina ha effettuato la prima salita di Due Generazioni venerdì 31 maggio, 400m di goulotte e neve pressata "Come non avevo mai visto prima d'ora nelle Alpi Marittime." Il tutto, per la cronaca, è già sparito dopo le elevate temperature di questi giorni. Colpa di questa pazza primavera.

DUE GENERAZIONI di Alessio Cerrina

In questa pazza primavera, ti trovi davanti al telefonino a scorrere le notizie che passano sui social network, c’è quello che ti racconta il concerto del giorno prima, quella che ti mostra la foto del ragazzo in spiaggia… ti viene da pensare come il mondo è cambiato e come diventa pubblica la vita privata.

Poi improvvisamente un click in testa, un immagine che ti è passata davanti ti richiama alla realtà… con l’indice scorri sullo schermo fino a rintracciarla, la ingrandisci, la guardi e pensi "questa dove è stata scattata?" Subito dopo ti trovi a mandare una mail al fotografo che ha fatto lo scatto…. Il giorno dopo trovi risposta alle tue domande nel messaggio di Albi: "Cima de Cessole, catena della Madre di Dio…."

La giornata scorre veloce ma la testa è collegata a quella foto vista la sera prima. La sera in palesta incontri Miki, fai due parole e finisci a parlare della foto… Io ci sarei Venerdì… io vado a vedere sabato… niente, non si può fare, gli impegni non collimano.

Il giorno successivo, alla foto non ci pensi più, hai altro in testa fino a che… Il telefono squilla "Ciao Ale sono Miki… impegno saltato, venerdì andiamo a vedere?…"

Ore 4:30 recupero Miki e saliamo su in valle. La strada è chiusa subito dopo le Terme, quindi ci toccano quei 30 minuti di portage aggiunto… tanto la zaino è leggero. Giunti sotto la parete, impossibile non rimanere incantati dal numero di colate formate.
Non ci sono scelte da fare, la linea è già stata identificata… la più elegante e diretta alla cima…

Il primo tiro salta a pié pari, andiamo direttamente a fare la sosta di partenza nella nicchia. Dal basso sembrava più semplice…

Miki parte ad attacca il diedro, lo vedo salire titubante, piazza una protezione, poi una seconda… ummm non sembrano così buone…. Dopo un po’ tan, tan, tan… questo è il martello della picca che pianta un chiodo… dall’alto la voce "finalmente qualcosa di buono"… guardo la corda che mi dice che fuori ci sono quasi 30 metri … Iniziamo bene!

E’ la mia volta, attacco il diedro e capisco la titubanza di Miki poco prima… più che ghiaccio, è neve pressata ricoperta da uno strato ghiacciato. Esco dalla parte difficile, guardo in alto, rimango basito… ghiaccio e neve attaccate alla parete formano un toboggan fatto di risalti verticali. Questo non è un ambiente da Alpi Marittime!

Altro tiro, parto su neve pressata che si impenna verso uno spuntone di roccia. "La vite" … "quale vite?" dopo un attimo capirò, il porta materiale si è rotto, due viti perse…. "questa salita mi costerà cara", poi una vocina dentro mi chiama "sveglia, la sosta è lontana e non sei ancora riuscito a mettere una protezione e se te ne fossi dimenticato sei sul verticale, su neve inconsistente." Picca incastrata nella roccia, due passi di misto, ribaltamento e via, siamo fuori. Ancora una decina di metri e si sosta.

Riparte Miki, tiro verticale, questa volta le protezioni sembrano buone. Lo raggiungo. Le protezioni erano buone, ma la sosta tocca farla con le picche. Mentre ci passiamo il materiale, il mio sguardo è catturato da quello che ho attorno a me, poi un pensiero mi passa alla mente: "qua una possibile ritirata la vedo dura."

Tocca nuovamente a me, mi stacco dalla sosta e inizio a salire il primo muro, poi la goulotte spiana e mi trovo di fronte ad un camino ghiacciato: qui il ghiaccio mi permette di mettere una buona protezione. Il camino è davvero ostico da superare ma con un po’ di opposizione anche lui è vinto… ancora un muro, l’ultimo, da lontano sento urlare corda finita… sul volto mi si disegna un sorriso compiaciuto "anche le difficoltà sono finite".

Non so quando ci si ripresenteranno condizioni come quelle che ci ha regalato questa assurda primavera, ma una cosa è certa: c’è ancora tanto da scoprire!


SCHEDA: Due generazioni, Cima de Cessole, Alpi Marittime

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara