Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowWalter Bonatti, il saluto del mondo dell'alpinismo a Lecco

Rosanna Podestà e i nipoti a Villa Gomez per il saluto al loro Walter Bonatti.
Photo by A. Giorda

Walter Bonatti, il saluto del mondo dell'alpinismo a Lecco

19.09.2011 di Planetmountain

Sabato 19 settembre a Villa Gomez (Maggiano, Lecco) il mondo dell'alpinismo ha dato il suo ultimo saluto a Walter Bonatti. Il video testimonianza di Andrea Giorda e un pensiero di Manuel Lugli in ricordo del grande alpinista.

"Un omaggio dovuto da tutti quelli della mia generazione che hanno sognato con le sue avventure”. Con questa frase Andrea Giorda ci ha proposto questa sua video testimonianza sull'addio a Bonatti. E a noi è sembrato bello e anche giusto che questo omaggio fosse proprio una delle più classiche canzoni dell'alpinismo. Quel “Signore delle cime” che, come ha detto Rossana Podestà nel suo commovente saluto, “Walter amava”. E' stato toccante e sentito addio, interpretato dal Coro Alpino Lecchese insieme alle tantissime persone presenti a Villa Gomez, che ha unito Bonatti a tutti gli alpinisti che lo hanno preceduto nel grande viaggio che ci aspetta tutti.



Un pensiero per Walter Bonatti di Manuel Lugli
Walter Bonatti se n'è andato, con la discrezione e l'eleganza che hanno sempre contraddistinto la sua vita. Ha avuto una vita intensa e ricchissima di esperienze: dalle prime durissime vie sulle Alpi e in particolare sul suo amato Monte Bianco, fino a quella terribile al K2, che ne ha segnato per sempre la vita. Tanto da indurlo a staccarsi dal "pubblico" per cercare nella solitudine delle sue esplorazioni la più pura e selvaggia immersione nella natura, la quale spesso sa essere più accogliente e madre degli esseri umani. Non che Bonatti si sottraesse indefinitamente al contatto con gli appassionati; tante sono state le sue conferenze in giro per l'Italia negli anni. Nessun alpinista, la cui attività esige sempre un'alta dose di egoismo e narcisismo, può d'altronde rinunciare completamente a comunicare le proprie esperienze - e quindi a ribadire le proprie capacità - soprattutto quando queste sono, come nel caso di Bonatti, eccezionali. Ma la sua insofferenza all'eccessiva esposizione mediatica - e soprattutto ai suoi aspetti più biecamente commerciali - ed un rigetto totale di ogni ipocrisia, sono stati tratto distintivo di tutta la sua vita, rendendolo spesso personaggio duro e leggendariamente scontroso.  La battaglia condotta per vedere riconosciuta la sua verità sulla salita del K2 del 1954, battaglia vinta dopo 54 (!) anni di scontri con il Club Alpino Italiano ed il suo apparato-moloch di burocrati, è stato il leit-motiv della sua vita ed al tempo stesso la sua lotta più furiosa contro la peggiore ipocrisia e contro la manipolazione della verità - anzi la vera e propria menzogna - asservita a certo potere. Difetti, questi, profondamente insiti, purtroppo, nella natura e nella cultura italiana di ogni tempo, in ogni campo. Con la sua storia, le sue capacità, la sempre più palese evidenza dei fatti accaduti, Bonatti avrebbe potuto scegliere di volare ben alto sopra le polemiche, le reticenze interessate e le bugie, snobbando i piccoli grigi burocrati che avevano voluto incastrarlo. Ha preferito invece combattere senza mai mollare, fino alla sua personale vittoria, con una determinazione tutta "alpinistica". Ora che da uomo ed alpinista leggendario è divenuto leggenda in senso assoluto, non rimane che inchinarsi e salutare Walter Bonatti con la gratitudine che si riserva agli artisti.
Manuel Lugli

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello