Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowNuova via sul Kedar Dome per Ian Parnell e Tim Emmett

Nuova via sul Kedar Dome per Ian Parnell e Tim Emmett

20.10.2006 di

Gli alpinisti britannici Tim Emmett e Ian Parnell hanno apert una nuova via sul Pilastro SE del Pillar of Kedar Dome (6830m) nella regione del Gangtori, Garwhal indiano.

Una nuova ed importante via è stata salita da due alpinisti inglesi, Tim Emmett e Ian Parnell sul pilastro SE  del Kedar Dome (6830m) nella regione del  Gangtori, Garwhal, India. La via, gradata ED+  Fr6c, M3, 2000m, è stata salita in stile alpino in  sette giorni completamente a-vista e in libera.  Tim Emmett ha descritto il passaggio chiave,  posto a 6000m, come un diedro completamente  liscio di E3/4 6a (circa 6c francese) che gli ha richiesto  l'arrampicata più impegnative della sua vita.
 
Tim è uno dei più forti all-rounders inglesi,  con salite in stile trad fino a E9, mentre le  salite extraeuropee di Ian Parnell sono a dir poco  "impressionanti", per usare il tipico  understatement britannico. Lo testimonia il  fatto che, in passato, due di esse sono state  nominate per il Piolet d'Or: la prima nel 2003 per la  nuova via sulla cresta SO dell’Annapurna, assieme a  Kenton Cool e John Varco, la seconda nel 2001 per la via  "Knowledge" (ED+) sulla Moonflower Buttress del  Mount Hunter (Alaska) assieme a Jules  Cartwright.
 
Per saperne di più ci siamo subito messi in contatto con Ian:

Spiegaci come vi è venuta l’idea di tentare questa via?
Un altro alpinista britannico, Kevin Thaw, aveva  tentato la linea circa un anno fa e non ha fatto  altro che raccontarci del suo potenziale. Avevamo  progettato di salila assieme ma alla fine Kevin  non ha potuto unirsi a noi. Tim si è praticamente auto-invitato e,  nonostante il fatto che non fosse mai stato in  Himalaya - infatti aveva salito solo una via  lunga negli Alpi - sapevo che sarebbe stato  un ottimo compagno, perché è sempre entusiasta e  anche uno dei più grandi alpinisti d’avventura del Regno  Unito, con numerose vie di E9 e prime salite di  deep water in solitaria.
Stavo cercando qualcosa con un po’ più di  difficoltà in roccia di quella a cui ero abituato, ma anche qualcosa in più  in quota e ovviamente cercavo qualcosa che fosse  possibile in stile alpino. Questa si è rivelata  la via perfetta – permettendoci di salire una parete  così impressionante - la parete est - in stile  leggero e tutta in libera.

Le difficoltà?
Il passaggio chiave si è rivelato un 6c (scala francese)  sopra i 6000m, che è stato superato da primo da Tim. Per nostra  fortuna in quota lui si è subito trovato bene.  Come sempre non abbiamo portato spit e avevamo  poco materiale e soltanto 6 chiodi, che abbiamo  piazzato circa una volta ciascuno. Siamo stati  molto fortunati a trovare buoni posti per la  tenda, tranne una notte quando abbiamo dovuto  bivaccare su delle cenge inclinate della parete  finale: abbiamo tremato tutta la notte, sotto  una continua caduta di sassi. La difficoltà maggiore  sopra il tiro chiave era arrampicare da secondo  con il grosso zaino che ci portavamo dietro. Era molto faticoso: a  volte abbiamo pianto, a volte abbiamo vomitato…  Aggiungi a questo la prima sezione di 600m che  abbiamo salito di notte su tratti di  roccia terribile con nessuna protezione e nessuna  sosta.

Cos'altro vi ha attirato al Kedar Dome?
È una montagna non così esplorata quanto altre nella  zona del Gangotri. Da quando sono stato  bloccato dalle corde fisse lasciate da  altre spedizioni sull’ Annapurna III, ho sempre  preferito montagne meno frequentate. E ovviamente  sapevo che la parete est è semplicemente una  delle parete più impressionati che conosco.

What about other routes?
Da quanto mi risulta sulla grande parete est ce ne  sono solo altre due - la prima salita nel 1989  da una spedizione ungherese (90% in libera) che  sale il bastione centrale. A sinistra di questa  c'è la via salita nel 1999 dalla spedizione  polacca di Jacek Fluder, aperta con lo stile a capsula.  Entrambe sembrano molto impressionanti ma  terminano quando finisce la parete di roccia (600m sotto la  cima) e per entrambe è stato usato molto materiale e molte corde fisse.

Foto: Ian Parnell da primo a 6200m sugli ultimi  tiri di roccia della parete est, Kedar Dome. Foto arch. Emmett
Kedar Dome
Kedar Dome
Pilastro SE Kedar Dome
Gangtori , Garwhal, India
Ian Parnell e Tim Emmett
1 - 9 Ottobre 2006
ED+ Fr6c, M3, 2000m
Portfolio
News archive Parnell
News archive Emmett
www.podclimber.com
www.planetfear.com
www.nickescourtaward.org
www.ianparnell.com

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale
  • Icterus
    Qualcuno ha qualche informazione sulla via sportiva Mr Berna ...
    2014-08-02 / Michele Marchesoni
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo